# S T #

Pubblicazioni dei dipartimenti e degli uffici

121

Progetto concernente il piano settoriale delle piazze d'armi e di tiro Informazione e partecipazione della popolazione La popolazione, mediante deposito ufficiale, è informata sul progetto per il piano settoriale delle piazze d'armi e di tiro. Tutte le cittadine e i cittadini (persone private) nonché gli enti di diritto pubblico e privato (enti) possono esprimersi riguardo al progetto per il piano settoriale.

Termini e durata del deposito ufficiale del progetto:

Luoghi del deposito ufficiale:

027/973.31.26) e Simplon-Dorf (tel. 027/978.80.80)

Informazioni

031/324.24.66 - Ufficio federale per la pianificazione del territorio, tel.

031/322.40.59 - Segreteria generale del DMF, tei. 031/324.50.76

Le suggestioni della popolazione circa il contenuto del piano settoriale delle piazze d'armi e di tiro devono essere presentate per scritto entro il 30 settembre 1997: · dalle persone private e dagli enti locali dei Comuni interessati dal piano settoriale di regola al rispettivo Comune (cfr. le comunicazioni negli organi di pubblicazione cantonali, comunali o regionali, interessati dal piano settoriale); · dalle persone private e dagli enti locali degli altri Comuni nonché dagli enti cantonali di regola all'ufficio cantonale per la pianificazione del territorio (cfr. le comunicazioni negli organi di pubblicazione cantonali, comunali o regionali, interessati dal piano settoriale); · dagli enti nazionali all'Ufficio federale delle intendenze delle Forze terrestri, Divisione dell'infrastnittura per l'istruzione, casella postale 5854, 3003 Berna, oppure all'Ufficio federale per la pianificazione del territorio, 3003 Berna.

122

Nei Cantoni Zugo, Basilea, Sciaffusa e Appenzello interno non esistono piazze d'armi e di tiro interessate dal piano settoriale. Nei presenti Cantoni non ha luogo alcuna informazione né partecipazione della popolazione.

19 agosto 1997

Ufficio federale delle intendenze delle Forze terrestri Ufficio federale per la pianificazione del territorio

123

Autorizzazione Militare di Costruzione nella procedura d'autorizzazione semplificata secondo l'articolo 20 OAMC " del 2 settembre 1997

// Dipartimento militare federale come autorità concedente, nel caso della domanda di costruzione del 16 giugno 1997 delle Forze terrestri.

Comando del Corpo della guardia delle fortificazioni, Regione CGF 6, 6780 Airolo e dell'Ufficio delle costruzioni federali (UCF), Circondario 2, 6901 Lugano concernente Airolo Piazza d'armi, Opere di evacuazione acque meteoriche zona Poppa, I

constata: 1.

Il Comando del Corpo della guardia delle fortificazioni, Regione CGF 6 il 16 giugno 1997 ha sottoposto all'autorità concedente il progetto concernente le opere di evacuazione delle acque meteoriche nella zona Poppa sul perimetro della piazza d'armi di Airolo, allo scopo di eseguire una procedura d'autorizzazione militare di costruzione.

2.

L'autorità concedente ha ordinato l'esecuzione di una procedura d'autorizzazione semplificata.

3.

Il progetto prevede il risanamento e il rinnovamento dell'impianto di evacuazione su una parte del perimetro della caserma, ossia la costruzione di un nuovo bacino sotterraneo di accumulazione per 400 m' di acqua, nuove tubazioni con nodi di controllo nonché un canale a ciclo aperto. Secondo il progetto le acque meteoriche cadute durante gli acquazzoni dovrebbero essere raccolte, contenute e condotte nella canalizzazione in maniera uniforme. In tal modo si ovvierebbe in futuro a un ulteriore aumento dell'erosione del canale a ciclo aperto e a un sovraccarico della canaletta stradale senza rimandare i problemi di erosione e sovraccarico più a valle.

4.

Di seguito, l'autorità concedente ha dato avvio a una procedura di consultazione presso le autorità cantonali e comunali interessate e infine anche presso l'Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio (UFAFP). Il 9 luglio 1997, il Cantone Ticino ha trasmesso il suo parere, insieme a quello del Comune di Airolo, all'autorità concedente, l'UFAFP ha fatto altrettanto il 12 agosto 1997.

Ordinanza concernente le autorizzazioni militari di costruzione, del 25 settembre 1995; RS 5 IO.5I

124

II considera: A. Esame formale 1. Competenza materiale Giusta l'articolo 7 capoverso 1 della legge federale sulla procedura amministrativa (PA;RS 172.021) l'autorità deve esaminare d'ufficio la sua competenza.

In virtù dell'articolo 126 capoverso 1 della legge militare (LM; RS 510.10) le costruzioni e gli impianti militari che servono interamente o prevalentemente alla difesa nazionale possono essere edificati, modificati o destinati a un altro scopo militare soltanto con l'autorizzazione della Confederazione. La procedura relativa è regolata nell'ordinanza concernente la procedura d'autorizzazione per costruzioni e impianti militari (art. 129 cpv. 1 LM).

L'autorità concedente è il Dipartimento militare federale (DMF); stabilisce la procedura, coordina le indagini conoscitive e le consultazioni necessarie e rilascia la decisione d'autorizzazione (art. 3 OAMC). All'interno del Dipartimento, detta funzione è esercitata dalla Segreteria generale.

Il risanamento del sistema di smaltimento a favore della piazza d'armi mediante la costruzione di un nuovo bacino di accumulazione e di un canale a ciclo aperto serve dunque totalmente agli interessi della difesa nazionale; si tratta dunque di un progetto che sottosta all'obbligo di autorizzazione di costruzione militare.

Di conseguenza il Dipartimento militare federale si ritiene competente per la disposizione e l'applicazione della procedura d'autorizzazione di costruzione.

2. Procedura applicabile Nell'ambito dell'esame preliminare secondo l'articolo 8 OAMC, l'autorità concedente ha dovuto decidere circa l'obbligo di autorizzazione militare di costruzione, la procedura applicabile, la necessità di un esame dell'impatto sull'ambiente e altri esami necessari.

a.

Si è constatato che il progetto di costruzione presentato a tale scopo, destinato all'attività militare sottosta al campo di applicazione della procedura d'autorizzazione militare (art. 1 cpv. 2 lett. d OAMC).

b.

La sottomissione del progetto alla procedura d'autorizzazione semplificata giusta l'articolo 20 OAMC è stata motivata dal fatto che le misure non comportano modifiche essenziali della situazione esistente nel senso dell'articolo 4 capoverso 2 lettera a OAMC e che non hanno alcun influsso sull'attuale utilizzazione della piazza d'armi.

125

Non si è dovuto prendere in considerazione un esame dell'impatto sull'ambiente giusta l'articolo 9 della legge federale sulla protezione dell'ambiente (LPAmb; RS 814.01), poiché non si tratta di una trasformazione sostanziale di un impianto soggetto all'obbligo dell'esame dell'impatto sull'ambiente nel senso dell'articolo 2 capoverso 1 dell'ordinanza del 19 ottobre 1988 concernente l'esame dell'impatto sull'ambiente (OIEA; RS 814.011).

Infine si è potuta escludere una collisione con interessi di terzi, poiché il progetto è realizzato nel settore di un'opera già esistente.

B. Esame materiale 1. Contenuto dell'esame L'esecuzione della procedura d'autorizzazione militare dovrebbe permettere all'autorità concedente di chiarire se il progetto di costruzione in questione è conforme alla legislazione applicabile, in particolare se vengono considerate anche le esigenze della protezione dell'ambiente, della natura e delle bellezze naturali nonché della pianificazione del territorio.

L'autorità concedente deve inoltre assicurare la salvaguardia degli interessi legittimi di chi è coinvolto nel progetto.

2. Parere di Cantone e Comune Dopo aver esaminato la documentazione, il Municipio di Airolo ha approvato il progetto di costruzione, senza aggiungere ulteriori osservazioni, con decisione del 30 giugno.

Il Cantone si esprime nello stesso senso dopo attento esame da parte degli uffici cantonali competenti.

3. Parere dell'autorità federale Con il suo parere del 12 agosto 1997 l'UFAFP approva, in linea di massima, il progetto, proponendo tuttavia di costruire i nuovi canali a ciclo aperto in armonia con la natura, dove la pendenza e le condizioni dell'erosione lo permettano.

4. Valutazione da parte dell autorità concedente II progetto di costruzione prevede la costruzione di un bacino di accumulazione sotterraneo e di nuovi canali a ciclo aperto nonché il risanamento dei canali esistenti. Sulla base dell'esame della documentazione del progetto (descrizione della costruzione, piani) e dei risultati della procedura di consultazione, occorre unicamente esaminare in modo particolareggiato i settori della protezione delle acque e della protezione della natura e del paesaggio.

126

Protezione della natura e del paesaggio In virtù dell'articolo 3 della legge sulla protezione della natura e del paesaggio (LPN, RS 451), la Confederazione è tenuta, nell'adempimento dei suoi compiti, a provvedere affinchè le caratteristiche del paesaggio e l'aspetto degli abitati siano rispettati.

Lo scopo di tale disposizione è una costruzione in armonia con la natura dei canali a ciclo aperto. La richiesta dell'UFAFP, in questo senso, è conciliabile con il progetto e non rappresenta alcuna complicazione eccessiva alla realizzazione del progetto. Di conseguenza la richiesta dell'UFAFP è accettata e integrata quale onere nella decisione di autorizzazione.

Protezione delle acque Secondo l'articolo 7 capoverso 2 della legge federale contro l'inquinamento delle acque (LCIA, RS 814.20) l'acqua piovana pulita dev'essere fatta infiltrare secondo le prescrizioni dell'autorità. Se le condizioni locali non lo consentono, l'acqua piovana può essere immessa, con il permesso dell'autorità cantonale, in un'acqua superficiale. Nella circostanza occorre trovare per quanto possibile misure di ritenzione, affinchè l'acqua possa scorrere uniformemente anche in caso di forti precipitazioni. Giusta l'articolo 48 LCIA in relazione con l'articolo 126 LM, nel presente caso l'autorità militare concedente detiene la competenza d'esecuzione nel campo della protezione delle acque.

Dopo che le possibilità di infiltrazione sono state esaurite, esistono fondamentalmente ancora due varianti per risolvere il problema dello smaltimento delle acque: a. deviazione delle acque a sud degli stabili GF percorrendo parallelamente la strada cantonale fino a raggiungere il riale di Fondo del Bosco; b. costruzione di un bacino di accumulazione e risanamento dei canali esistenti.

L'esecuzione della variante a. fallisce per due motivi: dal punto di vista tecnico, nel riale, a causa dello stato di erosione piuttosto avanzato, non possono essere scaricati più di 700 1/s; dal punto di vista economico, tale soluzione sarebbe alquanto dispendiosa poiché la necessaria deviazione delle acque implicherebbe un costoso rifacimento della pavimentazione in dadi della vecchia strada del Gottardo. Di conseguenza per lo smaltimento delle acque entra in considerazione soltanto la variante b. L'UFAFP è d'accordo con questa variante.

Perciò si può stabilire che il presente progetto è conforme al diritto materiale e formale determinante.

127

Le disposizioni rilevanti nel campo del diritto dell'ambiente e della pianificazione del territorio sono rispettate. I diritti di partecipazione delle autorità cointeressate sono stati garantiti nell'ambito della consultazione. Il Comune di Airolo e il Cantone Ticino approvano senza riserve il progetto di costruzione. Non è stata fatta valere alcuna violazione di prescrizioni cantonali, comunali o di diritto federale, né sono state opposte ulteriori e sostanziali obiezioni alla realizzazione del progetto.

Di conseguenza le premesse per la concessione dell'autorizzazione sono adempite.

Ili e, visto quanto precede, decide: 1.

Il progetto di costruzione delle Forze terrestri, Comando del Corpo della guardia delle fortificazioni, CGF Regione 6, 6780 Airolo e dell'Ufficio federale delle costruzioni (UFC), Circondario 2, 6901 Lugano del 16 giugno 1997 concernente le opere di evacuazione delle acque meteoriche in zona Poppa sul perimetro della piazza d'armi di Airolo con la documentazione seguente: - progetto definitivo, relazione - basi cartografiche: planimetria 1:2500 planimetria 1:200 bacino di ritenzione 1:100

tecnica, 13 giugno 1997 no. 57.12.00 no. 57.12.01 no. 57.12.00

è autorizzato fatti salvi gli oneri seguenti..

2.

Oneri

a.

I nuovi canali a ciclo aperto devono essere costruiti in armonia con la natura, dove la pendenza e le condizioni di erosione lo consentano.

b.

L'irtizio dei lavori dev'essere comunicato tempestivamente al Comune di Airolo.

e.

Il progetto di costruzione può essere realizzato soltanto quando la presente autorizzazione di costruzione è esecutiva (art. 30 cpv. 1 OAMC).

d.

Adattamenti posteriori del progetto devono essere comunicati all'autorità concedente. Essa ordina un deposito ufficiale dei piani nel caso di modificazioni sostanziali.

128

3.

Spese di procedura

II diritto federale applicabile materialmente non prevede alcun carico di spese.

Non sono quindi addebitati costi di procedura.

4.

Pubblicazione

In applicazione dell'articolo 28 capoverso 1 OAMC, la presente decisione è notificata per raccomandata ai richiedenti, al Cantone Ticino, al Comune di Airolo nonché all'UFAFP.

La decisione è pubblicata nel Foglio federale dall'autorità concedente (art. 28 cpv. 3 OAMC). Le spese di pubblicazione non vengono addebitate.

5.

Rimedi giuridici

a.

La presente decisione può essere impugnata, entro 30 giorni dalla notificazione, con ricorso di diritto amministrativo dinanzi al Tribunale federale svizzero, 1000 Losanna 14 (art. 130 cpv. 1 LM e art. 28 cpv. 4 OAMC).

b.

È legittimato al ricorso di diritto amministrativo chi è toccato dalla decisione e ha interessi legittimi nella sua modifica o nel suo annullamento nonché ogni altra persona, organizzazione o autorità per la quale il diritto federale prevede il diritto di ricorso. È escluso il ricorso da parte di autorità federali, per contro l'articolo 130 capoverso 2 LM legittima al ricorso Cantone e Comuni.

e.

Giusta l'articolo 32 della legge federale sull'organizzazione giudiziaria (OG; RS 173.110) il termine per la presentazione del ricorso inizia: - in caso di consegna personale alle parti, il giorno successivo alla notificazione, - per le altre parti, il giorno successivo alla pubblicazione nel Foglio federale.

d.

L'atto di ricorso dev'essere depositato presso il Tribunale federale almeno in due esemplari. Esso deve contenere le conclusioni, i motivi, l'indicazione dei mezzi di prova e la firma del ricorrente o del suo rappresentante. Devono essere allegati la decisione impugnata e i documenti indicati come mezzi di prova (art. 108 OG).

e.

Il carico delle spese nella procedura di ricorso è regolato dagli articoli 149 segg. OG.

2 settembre 1997

5 Foglio federale. 80° anno. Voi. IV

Dipartimento militare federale

129

Ammissione alla verificazione di apparecchi misuratori per l'energia e la potenza elettriche

del 2 settembre 1997

In virtù dell'articolo 17 della legge federale del 9 giugno 1977 sulla metrologia e conformemente all'articolo 10 dell'ordinanza del 17 dicembre 1984 sulla qualificazione degli strumenti di misura (ordinanza sulle verificazioni), abbiamo ammesso alla verificazione il seguente modello. Contro la presente ammissione ordinaria gli interessati possono, entro 30 giorni dalla presente notificazione, fare opposizione scritta presso l'Ufficio federale di metrologia, 3084 Wabern.

Fabbricante: ABB Netzleittechnik GmbH, Ladenburg (D) Detentore dell'ammissione: ABB Network Partner AG, 5300 Turgi (CH) Contatore statico per trasformatori di misura d'energia attiva e reattiva con dispositivi di misura della potenza massima.

AEM500 W(x)...

Tipo

(x) v. sotto U n . Altri modelli secondo le chiavi di tipo del fabbricante.

Classe di precisione:

Ambito d'utilizzazione: Direzione d'energia:

0.5-kWh (IEC687, ed. 1992) 1 -kWh (IEC1036, ed. 1996) 2 -kVarh (IEC1268, ed. 1995) impianti trifase a quattro fili (3P + N) bidirezionale. 4 - Quadranti (Parametrabile in quadranti)

Dati elettrici:

x=l 3x230/400 V x = 3 3x58/100 V x = 4 3x63/110 V

~ In (Imax):

Classe 0.5*: 1(2), 5(6) A Classe 1: 1(2), 5(6), 5(1) A Classe 2: 1(2), 5(6), 5(1) A * La classe 0.5 esiste in 2 versioni distinte.

50 Hz

statico 4 tariffe per la potenza e l'energia.

(memorie antecedenti di valore parametrabili)

indicazione dell'energia, della potenza e funzioni speciali

Apparecchi misuratori per l'energia e la potenza elettriche

Dispositivi supplementari: 2 settembre 1997

secondo l'elenco attuale del detentor deil'ammissione.

Ufficio federale di metrologia: II direttore, Schwitz

131

Esecuzione della legge federale del 15 dicembre 1961 concernente la protezione dei nomi e degli emblemi dell'Organizzazione delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni intergovernative A contare dal 2 settembre 1997, il nome, la sigla (OACI, ICAO), l'emblema e il sigillo delP«Organisation de l'aviation civile internationale», pubblicati in appresso, sono protetti conformemente alla legge succitata (RS 232.23): a.

il nome in francese: in inglese:

b.

e.

la sigla in francese: in inglese:

OACI ICAO

l'emblema

2 settembre 1997

132

ORGANISATION DE L'AVIATION CIVILE INTERNATIONALE INTERNATIONAL CIVIL AVIATION ORGANIZATION

Istituto federale della proprietà intellettuale

Domande di permessi concernenti la durata del lavoro

Spostamento dei limiti del lavoro diurno (art. 10 LL) -

Arti Grafiche di Raimondo Rezzonico, 6600 Locamo preparazione films, preparazione lastre, stampa 3 u 30 ottobre 1997 al 31 ottobre 2000 (rinnovamento)

Lavoro diurno a due squadre (art. 23 LL) -

La Rapida SA, 6830 Chiasso pulitura, attrezzeria, affilatura, controllo 20 u 13 ottobre 1997 al 14 ottobre 2000 (rinnovamento)

Lavoro notturno o lavoro a tre squadre (art. 17 o 24 LL) Jetpharma SA, 6828 Balerna box di lavorazione 3 u 1° settembre 1997 al 5 settembre 1998 -

La Rapida SA, 6830 Chiasso fresatura, centri di lavoro a controllo numerico, rettifica, controllo 60 u 13 ottobre 1997 al 14 ottobre 2000 (rinnovamento) Arti Grafiche di Raimondo Rezzonico, 6600 Locamo spedizione 2 u, 5 d 30 ottobre 1997 al 31 ottobre 2000 (rinnovamento)

Lavoro domenicale (art. 19 LL) Arti Grafiche di Raimondo Rezzonico, 6600 Locamo (lavoro di giorni festivi infrasettimanali) preparazione films, preparazione lastre, stampa e spedizione 5 u, 5 d 30 ottobre 1997 al 31 ottobre 2000 (rinnovamento) -

Verrerie Mignon SA, 6830 Chiasso controllo ed imballo 6 d 29 settembre 1997 al 3 ottobre 1998

Lavoro continuo (art. 25 LL) -

Cartiera di Locamo SA, 6598 Tenero macchina continua, preparazione impasto, arrotolatrici, taglierina 36 u 4 agosto 1997 fino ad ulteriore avviso (modificatzione)

133

-

Verrerie Mignon SA, 6830 Chiasso produzione ed imballo 16 u 29 settembre 1997 al 3 ottobre 1998

(u = uomini, d = donne, g = giovani) Rimedi giuridici Chiunque è toccato nei suoi diritti o doveri dal rilascio di un permesso concernente la durata del lavoro e chiunque è legittimato a ricorrere può, entro 10 giorni dalla pubblicazione della domanda, esaminare presso l'Ufficio federale dell'industria, delle arti e mestieri e del lavoro, Divisione della protezione dei lavoratori e del diritto del lavoro, Gurtengasse 3, 3003 Berna, gli atti prodotti con la domanda, previo accordo telefonico (tel.

031 322 29 45 / 29 50).

2 settembre 1997

Ufficio federale dell'industria, delle arti e mestieri e del lavoro Divisione della protezione dei lavoratori e del diritto del lavoro

134

Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT)

Norme tecniche per macchinario ''

Visto l'articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno 1993) sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (RS 819.1), le norme menzionate nell'allegato sono designate come norme tecniche in grado di concretizzare i requisiti essenziali di sicurezza e di salute per macchinario ai sensi dell'articolo 2 capoverso 1 dell'ordinanza del 12 giugno 1995 sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (RS 819.11). Si tratta a tale proposito di norme armonizzate a livello europeo che sono state emanate dal Comitato europeo di normazione (CEN) su mandato della Commissione delle Comunità europee, nonché dell'Associazione Europea di Libero Scambio (AELS).

Gli elenchi dei titoli delle norme tecniche designate dall'UFIAML nonché i testi di queste norme possono essere chiesti presso l'Associazione svizzera di normazione, divisione switec, Mühlebachstrasse 54, 8008 Zurigo.

2 settembre 1997

Ufficio federale dell'industria, delle arti e mestieri e del lavoro: II vicedirettore, Scheidegger Allegato Norme tecniche per macchinario

numero

titolo

riferimenti alla Gazzetta uff. CE

EN 708

Macchine agricole - Macchine per la lavorazione del terreno con attrezzi azionati - Sicurezza

97C 141/10

EN 774/A1

Apparecchiature per giardinaggio - Tosasiepi portatili con motore incorporato - Sicurezza

97C 141/10

EN 811

Sicurezza del macchinario - Distanze di sicurezza per impedire il raggiungimento di zone pericolose con gli arti inferiori

97C 141/10

EN 954-1

Sicurezza del macchinario - Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza - Parte 1 : Principi generali per la progettazione

97C 141/10

" Vedi ugualmente FF 1997 III 1168

135

numero

titolo

riferimenti alla Gazzetta uff. CE

EN 981

Sicurezza del macchinario - Sistemi di segnali di pericolo e di informazione uditivi e visivi

97C 141/10

EN 1114-1

Macchine per gomma e materie plastiche - Estrusori e linee di estrusione - Parte 1 : Requisiti di sicurezza per estrusori

97C 141/10

EN ISO 3767-3

Trattrici, macchine agricole e forestali, attrezzatura per prato e giardino dotata di motore - Segni grafici per i comandi dell'operatore e altri indicatori - Parte 3: Segni grafici per attrezzatura per prato e giardino dotata di motore (ISO 3767-3:1995)

97C 141/10

EN 150 4871

Acustica - Dichiarazione e verifica dei valori di emissione sonora di macchine ed apparecchiature (ISO 4871:1966)

97C 141/10

EN 1 50 8662-9

Macchine utensili portatili - Misurazione delle vibrazioni sull'impugnatura - Parte 9: Pestelli (ISO 8662-9:1996)

97C 141/10

EN ISO 8662-14

Macchine utensili portatili - Misurazione delle vibrazioni sull'impugnatura - Parte 14: Macchine portatili per la lavorazione delle pietre e scrostatori ad aghi (ISO 8662-14: 1996)

97C 141/10

EN ISO 11957

Acustica - Determinazione della prestazione di isolamento acustico di cabine - Misurazioni in laboratorio e in sito (ISO 11957:1996)

97C 141/10

EN ISO

Acustica - Rumore emesso da macchine ed apparecchiature - Regole per la stesura e la presentazione di una guida per prove di rumorosità (ISO 12001:1996)

8277d

136

12001

97C 141/10

70506

Assistente all'informazione e alla documentazione Informations- und Dokumentationsassistent/ Informations- und Dokumentationsassistentin Assistant en information documentaire/ Assistente en information documentaire

Assistente all'informazione e alla documentazione

Regolamento concernente il tirocinio e l'esame finale di tirocinio del 15 luglio 1997 B

Programma d'insegnamento professionale del 15 luglio 1997

Entrata in vigore 1° gennaio 1998 I regolamenti di tirocinio, coi relativi programmi, non vengono pubblicati nel Foglio federale che si limita ad annunciarne l'emanazione. I testi così annunciati possono venir chiesti all'Ufficio centrale federale degli stampati e del materiale, 3000 Berna.

2 settembre 1997

Cancelleria federale

8362b

ad 1997 - 434

137

Schweizerisches Bundesarchiv, Digitale Amtsdruckschriften Archives fédérales suisses, Publications officielles numérisées Archivio federale svizzero, Pubblicazioni ufficiali digitali

Pubblicazioni dei dipartimenti e degli uffici

In

Bundesblatt

Dans

Feuille fédérale

In

Foglio federale

Jahr

1997

Année Anno Band

4

Volume Volume Heft

34

Cahier Numero Geschäftsnummer

---

Numéro d'affaire Numero dell'oggetto Datum

02.09.1997

Date Data Seite

121-137

Page Pagina Ref. No

10 119 059

Das Dokument wurde durch das Schweizerische Bundesarchiv digitalisiert.

Le document a été digitalisé par les. Archives Fédérales Suisses.

Il documento è stato digitalizzato dell'Archivio federale svizzero.