ST

87.048

Messaggio concernente una convenzione di doppia imposizione con l'Egitto

del 12 agosto 1987

Onorevoli presidenti e consiglieri, Vi sottoponiamo per approvazione un disegno di decreto federale concernente una convenzione di doppia imposizione in materia di imposte sul reddito con l'Egitto, firmata il 20 maggio 1987.

Gradite, onorevoli presidenti e consiglieri, l'espressione della nostra alta considerazione.

12 agosto 1987

1987-530

In nome del Consiglio federale svizzero: II presidente della Confederazione, Aubert II cancelliere della Confederazione, Buser

5 Foglio federale. 70° anno. Voi. III

45

Compendio La convenzione di doppia imposizione del 20 maggio 1987 contiene una novità che ha contribuito considerevolmente all'esito positivo dei negoziati con l'Egitto. Infatti le pretese dell'Egitto, comuni ai Paesi in sviluppo, in materia di aliquota d'imposta alla fonte rendevano meramente ipotetica la possibilità di concludere una convenzione di doppia imposizione entro i limiti della politica convenzionale svizzera. Se i negoziati tecnici preliminari avviati nel 1984 hanno portato nello stesso anno alla conclusione di un accordo di doppia imposizione è soprattutto grazie al margine di manovra offerto dal sistema di computo d'imposta limitato, approvato dai Cantoni e dalle cerehie economiche svizzere nel 1981 e applicato appunto per la prima volta in questa occasione. Nel corso della procedura di consultazione, questi stessi ambienti hanno accolto favorevolmente la convenzione.

Il messaggio rileva come la convenzione si attenga in gran parte al modello di convenzione dell'OCSE del 1977 e contenga inoltre alcune disposizioni speciali che prendono in considerazione particolarità del diritto interno egiziano e della politica convenzionale condotta da questo paese nei confronti dei Paesi industrializzati. Il messaggio conclude che, nel suo insieme, essa è conforme alle convenzioni concluse dalla Svizzera con altri Stati in condizioni economiche simili (Malesia, Sri Lanka, Trinidad e Tobago), onde si colloca entro i limiti della politica svizzera nei confronti dei Paesi in sviluppo (cfr. messaggio del 18 aprile 1973 concernente una convenzione di doppia imposizione con Trinidad e Tobago, FF 1973 1987, nella quale figura il nuovo sistema di computo d'imposta limitato).

46

1

Genesi

Le relazioni economiche e commerciali fra la Svizzera e l'Egitto si sono evolute in maniera particolarmente rapida e significativa nel corso degli ultimi anni.

Fra il 1979 e il 1984 le esportazioni svizzere verso l'Egitto sono più che raddoppiate, passando da 280 a 438 milioni di franchi, e hanno fatto così dell'Egitto il secondo partner africano dell'economia svizzera (dopo il Sud-Africa). L'eccedenza della bilancia commerciale a favore della Svizzera è aumentata nella stessa misura. Sono state concluse decine di «joint ventures» da imprese svizzere, e il nostro Paese è così divenuto il secondo investitore straniero in Egitto.

Questi investimenti diretti riguardano i settori tradizionali dell'economia svizzera (industria alimentare, macchine, industria farmaceutica) e il settore alberghiero.

Nel 1983 si è pensato per la prima volta a una convenzione di doppia imposizione fra la Svizzera e l'Egitto per assicurare la protezione fiscale e il promovimento degli investimenti svizzeri in Egitto. Una simile convenzione avrebbe avuto inoltre il vantaggio di mettere la Svizzera allo stesso livello degli altri Paesi industrializzati di una certa importanza che, concorrenti della Svizzera su questo mercato, avevano già concluso convenzioni fiscali con l'Egitto (Canada, Francia, Germania federale, Giappone, Gran Bretagna, Italia, Stati Uniti).

I negoziati, avviati a Berna nel marzo del 1984, sono continuati nel novembre del 1984 al Cairo e sono sfociati in un progetto di convenzione in materia di imposte sul reddito. Nel corso della procedura di consultazione, il progetto ha riscosso vasta approvazione dai Cantoni e dalle cerehie economiche interessate.

La convenzione è stata firmata il 20 maggio 1987 al Cairo.

2

Commento alle disposizioni della convenzione

Nel messaggio del 13 luglio 1965 concernente la convenzione di doppia imposizione con la Svezia abbiamo commentato in modo dettagliato le disposizioni della convenzione-modello dell'OCSE del 1963 (FF 1965 II 501). Da allora questo modello è stato rimaneggiato; la versione riveduta è stata pubblicata nell'aprile del 1977 dal Consiglio dell'OCSE unitamente ad una nuova raccomandazione. Le innovazioni sono state presentate in dettaglio nel messaggio dell'11 gennaio 1978 concernente la convenzione di doppia imposizione con la Gran Bretagna (FF 1978 I 189). I commenti seguenti si limitano perciò alle principali deroghe rispetto al testo dell'OCSE, con riferimento anche al messaggio del 18 aprile 1973 concernente la convenzione di doppia imposizione con Trinidad e Tobago (FF 1973 I 987).

Articolo 2 (Imposte considerate) Siccome in Egitto non esiste un'imposta generale sulla sostanza né per le persone fisiche né per quelle giuridiche, la convenzione si applica solo alle imposte sul reddito. Da parte svizzera, la convenzione non comprende l'imposta preventiva riscossa sulle vincite alle lotterie.

47

Articolo 5 (Stabile organizzazione) La definizione di stabile organizzazione del modello OCSE è stata ampliata in tre punti. Sono così considerati stabile organizzazione anche: - le aziende agricole o le piantagioni; - i locali di vendita; - i cantieri di costruzione o di montaggio aperti per più di sei mesi.

Anche le attività assicurative (incasso dei premi, assicurazione dei rischi locali), ad esclusione delle attività di riassicurazione, sono considerate stabile organizzazione.

Articolo 9 (Imprese associate) Questo articolo conferma la prassi svizzera in conformità a una disposizione che figura già nella convenzione con il Canada. Uno Stato può adeguare gli utili di un'impresa alle rettifiche fatte nell'altro Stato solo se quest'ultimo vi acconsente. Tali retifiche degli utili, inoltre, non possono in nessun caso essere effettuate oltre il quinto anno a contare dalla fine dell'anno in cui sono stati conseguiti gli utili.

Articolo 10 (Dividendi) Questo articolo consacra il principio dell'imposizione esclusiva dei dividendi distribuiti da una società egiziana al domicilio del beneficiario, se residente in Svizzera. Il motivo di questa particolarità è il seguente.

Gli utili sociali sono soggetti in Egitto ad un'imposta del 32%. Gli utili distribuiti da una società egiziana a un non-residente non sono invece soggetti ad alcuna imposta supplementare. I dividendi distribuiti da una società egiziana a un azionista domiciliato in Svizzera possono perciò essere imposti solo in Svizzera. Questa disposizione ha importanza soprattutto per il caso in cui l'Egitto dovesse introdurre un'imposta alla fonte sui dividendi.

L'imposta alla fonte sui dividendi distribuiti da una società svizzera ad un azionista egiziano corrisponde alla formula OCSE del 5% nelle relazioni società madre-filiale (partecipazione di almeno il 25%) e del 15% in tutti gli altri casi.

Articolo 11 (Interessi) Secondo il diritto interno, l'Egitto preleva un'imposta alla fonte del 40% che, in linea di principio, limita al 20% nelle sue convenzioni di doppia imposizione.

La convenzione riduce l'aliquota al 15%. Tuttavia, gli interessi in connessione con una vendita a credito e gli interessi su mutui bancari sono imponibili unicamente nello Stato di domicilio del creditore.

Articolo 12 (Diritti di licenza) Secondo il diritto interno, l'Egitto preleva un'imposta del 32% sull'ammontare netto. Nelle sue convenzioni di doppia imposizione, finora non ha mai accettato una imposta alla fonte inferiore al 15%. Contrariamente a questa politica, la convenzione limita l'aliquota al 12,5%. Da parte svizzera è però previsto un computo di imposta limitato al 10%. Il metodo del computo d'imposta limitato è stato approvato dai Cantoni e dalle cerehie economiche interessate nel48

l'ambito di una procedura di consultazione svoltasi nel maggio del 1981. L'idea è di applicarlo nei confronti degli Stati con cui è auspicabile concludere una convenzione di doppia imposizione che non sarebbe altrimenti possibile a causa dei tassi d'imposta alla fonte più elevati di quelli generalmente accettati dalla Svizzera. Lo scopo è di evitare che, nei Paesi in sviluppo dove la Svizzera detiene importanti interessi economici, le imprese svizzere d'esportazione e di servizi siano svantaggiate rispetto a quelle di altri Stati industrializzati che hanno concluso una convenzione di doppia imposizione con il Paese interessato. Queste condizioni sono sembrate adempiute nel caso dell'Egitto e hanno perciò giustificato il ricorso al computo parziale. L'applicazione di questa soluzione porta al seguente risultato: Ammontare lordo dei diritti di licenza 100 Deduzione dell'imposta alla fonte 12,5 Ammontare netto 87,5 Imposizione in Svizzera Ammontare lordo Deduzione dell'imposta alla fonte non computabile ..

Reddito imponibile Imposta sul reddito (ipotesi: 20%) Computo del 10% dell'imposta alla fonte Imposta svizzera restante Reddito netto

100 2,5 97,5 19,5 10 9,5 78

Articolo 14 (Professioni indipendenti) I redditi da tali professioni sono imponibili nel luogo di lavoro se quest'ultimo costituisce una sede fissa o se il libero professionista vi esercita la sua attività per un periodo superiore a 120 giorni nel corso di un anno fiscale.

(Altri redditi) La convenzione non comprende una clausola generale analoga all'articolo 21 del modello dell'OCSE; in particolare per le pensioni alimentari e per le prestazioni della sicurezza sociale rimane dunque esclusivamente applicabile il diritto interno.

Artìcolo 21 (Eliminazione della doppia imposizione) Per l'eliminazione della doppia imposizione l'Egitto applica il metodo del computo (par.l); la Svizzera, dal canto suo, si attiene al sistema tradizionale previsto in tutte le convenzioni concluse a partire dal 1965: esenzione come regola generale (par. 2) e computo per alcune categorie di redditi (par. 3). Riguardo ai diritti di licenza, sarà accordato unicamente il computo d'imposta limitato (par. 4) fissato all'articolo 12.

Inoltre, come in altre convenzioni concluse con Paesi in sviluppo, sugli interessi e sui diritti di licenza è accordato un computo parziale d'imposta fittizia («matching crédit») fino al 10%, nella misura in cui l'Egitto riduca o non percepisca

49

l'imposta alla fonte nel quadro di misure fiscali d'incoraggiamento allo sviluppo industriale.

(Scambio di informazioni) La convenzione non contempla una clausola in materia di scambio d'informazioni. 11 nostro parere a tale proposito è esposto in una lettera del 20 maggio 1987 (v. allegato).

3

Conseguenze finanziarie

In una convenzione di doppia imposizione, ambo gli Stati contraenti rinunciano a determinate entrate fiscali. Nel caso della Svizzera, queste minori entrate fiscali sono dovute in particolare al rimborso parziale dell'imposta preventiva ed al computo limitato, parziale o totale, dell'imposta alla fonte prelevata in Egitto in base agli articoli 11 (interessi) e 12 (diritti di licenza). L'ammanco conseguente al rimborso parziale dell'imposta preventiva a persone residenti in Egitto non dovrebbe per ora risultare elevato, visto che gli investimenti egiziani in Svizzera sono ancora modesti. Per contro, il computo forfettario d'imposta introdotto dal nostro decreto 22 agosto 1967 graverà il fisco in Svizzera. A dette perdite fanno tuttavia riscontro anche vantaggi finanziari.

Mentre finora le elevate imposte egiziane alla fonte sugli interessi e sui diritti di licenza erano considerate spese deducibili, in futuro gli interessi provenienti dall'Egitto verranno tassati per il loro ammontare lordo e solo una piccola parte dell'imposta egiziana alla fonte sarà deducibile dall'ammontare lordo dei diritti di licenza nel quadro del computo d'imposta limitato; ciò provocherà un aumento generale dei redditi imponibili. Occorre pure rilevare che la convenzione offre all'economia svizzera una maggiore protezione degli investimenti esistenti nonché importanti agevolazioni per gli investimenti futuri e per il promovimento del commercio. Inoltre, le convenzioni di doppia imposizione sono soprattutto concluse nell'interesse del contribuente e della liberalizzazione degli scambi, che è uno degli obiettivi principali della politica svizzera in materia di economia esterna.

4

Costituzionalità

La convenzione può essere conclusa in virtù dell'articolo 8 della Costituzione federale che accorda alla Confederazione il diritto di stipulare trattati con l'estero. Secondo l'articolo 85 numero 5 della Costituzione, l'approvazione spetta alla nostra Assemblea. La convenzione ha durata limitata ma può essere denunciata per la fine di ogni anno civile. Essa non prevede l'adesione ad un'organizzazione internazionale e non implica un'unificazione multilaterale del diritto. Il decreto federale non sottosta quindi al referendum facoltativo giusta l'articolo 89 capoverso 3 della Costituzione.

50

5

Conclusioni

La convenzione coincide in gran parte con il modello dell'OCSE ed è conforme alla prassi convenzionale svizzera. L'economia svizzera beneficerà di vantaggi sotto forma di un sostanziale sgravio fiscale per gli investimenti in Egitto. La convenzione conferisce a detti investimenti una base giuridica più solida e dovrebbe in linea di massima favorire lo sviluppo degli scambi commerciali.

51

Decreto federale Disegno che approva la convenzione di doppia imposizione con l'Egitto del

LAssemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l'articolo 8 della Costituzione federale; visto il messaggio del Consiglio federale del 12 agosto 19871', decreta:

Art. l 1 La convenzione firmata il 20 maggio 1987 tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica araba d'Egitto per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito è approvata.

2 II Consiglio federale è autorizzato a ratificarla.

Art. 2 II presente decreto non sottosta al referendum.

1113

D FF 1987 III 45

52

Convenzione

Traduzione»

tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica araba d'Egitto per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito

// Consiglio federale svizzero e

// Governo della Repubblica araba d'Egitto, desiderosi di concludere una Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito, hanno convenuto quanto segue:

Capitolo I: Campo d'applicazione della Convenzione Articolo 1 Soggetti La presente Convenzione si applica alle persone che sono residenti di uno o di entrambi gli Stati contraenti.

Articolo 2 Imposte considerate 1. La presente Convenzione si applica alle imposte sul reddito prelevate per conto di uno Stato Contraente, delle sue suddivisioni politiche o dei suoi enti locali, qualunque sia il sistema di prelevamento.

2. Sono considerate imposte sul reddito le imposte prelevate sul reddito complessivo o su elementi del reddito, comprese le imposte sugli utili derivanti dall'alienazione di beni mobili o immobili, nonché le imposte sull'ammontare complessivo dei salari corrisposti dalle imprese.

3. Le imposte attuali cui si applica la Convenzione sono in particolare: a) nella Repubblica araba d'Egitto: (i) l'imposta sul reddito derivante da beni immobili (inclusa l'imposta sui terreni e sui fabbricati); (ii) l'imposta sul reddito da capitali mobili; (iii) l'imposta sugli utili industriali e commerciali; (iv) l'imposta sui salari, sulle rimunerazioni e sulle rendite; (v) l'imposta sugli utili derivanti da professioni liberali e da tutte le altre.

professioni non commerciali; (vi) l'imposta generale sul reddito; (vii) l'imposta sugli utili delle società; " Dal testo originale francese.

.53

Doppia imposizione

(viii) le imposte supplementari prelevate come percentuali o in altro modo dalle imposte summenzionate; (qui di seguito indicate quali «imposta egiziana»); b) in Svizzera: le imposte federali, cantonali e comunali sul reddito (reddito complessivo, proventi del lavoro, reddito del patrimonio, utili industriali e commerciali, guadagni di capitale ed altri redditi); (qui di seguito indicate quali «imposta svizzera»).

4. La Convenzione si applica anche alle imposte di natura identica o analoga che verranno istituite dopo la firma della Convenzione in aggiunta o in sostituzione delle imposte attuali. Le autorità competenti degli Stati Contraenti si comunicano le modifiche importanti apportate alle rispettive legislazioni fiscali.

5. La Convenzione non si applica alle imposte alla fonte sulle vincite alle lotterie.

Capitolo II: Definizioni Articolo 3 Definizioni generali 1. Ai fini della presente Convenzione, a meno che il contesto non richieda una diversa interpretazione: a) (i) il termine «Egitto» designa la Repubblica araba d'Egitto e, quando è usato in senso geografico, il termine Egitto include: (A) le acque territoriali, e (B) il fondale e il sottosuolo delle zone sottomarine, adiacenti alla costa ma situati al di fuori delle acque territoriali, sui quali l'Egitto esercita il diritto di sovranità in concordanza con il diritto internazionale ai fini dell'esplorazione e dello sfruttamento delle risorse naturali di tali zone, ma solo nella misura in cui la persona, il bene o l'attività a cui s'applica la Convenzione si ricollega a questa esplorazione o a questo sfruttamento.

(ii) il termine «Svizzera» designa la Confederazione Svizzera.

b) le espressioni «uno Stato Contraente» e «l'altro Stato Contraente» designano, come il contesto richiede, la Svizzera o l'Egitto; e) il termine «persona» comprende le persone fisiche, le società e ogni altra associazione di persone; d) il termine «società» designa qualsiasi persona giuridica o qualsiasi ente che è considerato persona giuridica ai fini dell'imposizione; e) le espressioni «impresa di uno Stato Contraente» e «impresa dell'altro Stato Contraente» designano rispettivamente un'impresa esercitata da un residente di uno Stato Contraente e un'impresa esercitata da un residente dell'altro Stato Contraente; 54

Doppia imposizione

f) il termine «imposta» designa, come il contesto richiede, l'imposta svizzera o l'imposta egiziana; g) l'espressione «traffico internazionale» designa qualsiasi trasporto effettuato per mezzo di una nave o di un aeromobile esercitato da un'impresa la cui sede di direzione effettiva è situata in uno Stato Contraente, ad eccezione del caso in cui la nave o l'aeromobile sia esercitato esclusivamente tra località situate nell'altro Stato Contraente; h) l'espressione «autorità competente» designa: (i) in Egitto, il Ministro delle Finanze o un suo rappresentante autorizzato; (ii) in Svizzera, il Direttore dell'Amministrazione federale delle contribuzioni o un suo rappresentante autorizzato; i) il termine «cittadini» indica: (i) tutte le persone fisiche in possesso della cittadinanza di uno Stato Contraente; (ii) tutte le persone giuridiche, società di persone e associazioni costituite in conformità della legislazione in vigore in uno Stato Contraente.

2. Per l'applicazione della Convenzione da parte di uno Stato Contraente, le espressioni non diversamente definite hanno il significato che ad esse è attribuito dalla legislazione di detto Stato relativa alle imposte oggetto della Convenzione, a meno che il contesto non richieda una diversa interpretazione.

Articolo 4 1. Ai fini della presente Convenzione, l'espressione «residente di uno Stato Contraente» designa ogni persona che, in virtù della legislazione di questo Stato, è quivi assoggettata ad imposta a motivo del suo domicilio, della sua residenza, della sede della sua direzione o di ogni altro criterio di natura analoga.

2. Quando, in base alle disposizioni del paragrafo 1, una persona fisica è residente di entrambi gli Stati Contraenti, la sua situazione è determinata nel seguente modo: a) essa è considerata residente dello Stato nel quale dispone di un'abitazione permanente; se dispone di un'abitazione permanente in entrambi gli Stati, è considerata residente dello Stato nel quale le sue relazioni personali ed economiche sono più strette (centro degli interessi vitali); b) se non si può determinare lo Stato nel quale questa persona ha il centro dei suoi interessi vitali, o se la medesima non dispone di un'abitazione permanente in alcuno degli Stati, essa è considerata residente dello Stato in cui dimora abitualmente; e) se questa persona dimora abitualmente in entrambi gli Stati ovvero non dimora abitualmente in alcuno di essi, essa è considerata residente dello Stato del quale ha la cittadinanza;

55

Doppia imposizione

d) se questa persona ha la cittadinanza di entrambi gli Stati, o se non ha la cittadinanza di alcuno di essi, le autorità competenti degli Stati Contraenti risolvono la questione di comune accordo.

3. Quando, in base alle disposizioni del paragrafo 1, una persona diversa da una persona fisica è un residente di entrambi gli Stati Contraenti, essa è considerata residente dello Stato in cui è situata la sede della sua direzione effettiva.

Articolo 5 Stabile organizzazione 1. Ai fini della presente Convenzione, l'espressione «stabile organizzazione» designa una sede fissa di affari in cui l'impresa esercita in tutto o in parte la sua attività.

2. L'espressione «stabile organizzazione» comprende in particolare: a) una sede di direzione; b) una succursale; e) dei locali di vendita; d) un ufficio; e) un'officina; f) un laboratorio; g) una miniera, un pozzo di petrolio o di gas, una cava o qualsiasi altro luogo di estrazione di risorse naturali e h) un'azienda agricola o una piantagione.

3. L'espressione «stabile organizzazione» comprende parimenti un cantiere di costruzione o di montaggio, ma soltanto se la sua durata eccede i sei mesi.

4. Nonostante le precedenti disposizioni del presente articolo, non si considera che vi sia «stabile organizzazione» se: a) si fa uso di installazioni ai soli fini di deposito, di esposizione o di consegna di merci appartenenti all'impresa; b) le merci appartenenti all'impresa sono immagazzinate ai soli fini di deposito, di esposizione o di consegna; e) le merci appartenenti all'impresa sono immagazzinate ai soli fini della trasformazione da parte di un'altra impresa; d) una sede fissa di affari è utilizzata ai soli fini di acquistare merci o di raccogliere informazioni per l'impresa; e) una sede fissa di affari è utilizzata ai soli fini di esercitare per l'impresa una qualsiasi altra attività di carattere preparatorio o ausiliario; f) una sede fissa di affari è utilizzata ai soli fini dell'esercizio cumulativo delle attività menzionate alle lettere a) ad e), a condizione che l'insieme delle attività della sede fissa di affari risultante da questo cumulo mantenga un carattere preparatorio o ausiliario.

5. Nonostante le disposizioni dei paragrafi 1 e 2, se una persona - diversa da un agente che goda di uno statuto indipendente, a cui si applica il paragrafo 7 - agisce per conto di un'impresa dell'altro Stato Contraente, si considera che questa impresa ha nel primo Stato una stabile organizzazione per tutte le atti56

Doppia imposizione

vita esercitate in suo nome da questa persona, se questa dispone in tale Stato di poteri che vi esercita abitualmente e che le permettono di concludere contratti in nome dell'impresa, a meno che le attività di questa persona non si restringano a quelle menzionate nel paragrafo 4 e, se esercitate per mezzo di una sede fissa di affari, non permettano di considerare tale sede una stabile organizzazione giusta le disposizioni di detto paragrafo.

6. Nonostante le disposizioni precedenti del presente articolo, si considera che una compagnia d'assicurazioni di uno Stato Contraente ha una stabile organizzazione nell'altro Stato Contraente, eccettuate le sue attività di riassicurazione, se essa incassa premi sul territorio di questo altro Stato o vi assicura dei rischi locali per mezzo di una persona diversa da un agente che goda di uno statuto indipendente, a cui si applica il paragrafo 7.

7. Non si considera che un'impresa di uno Stato Contraente ha una stabile organizzazione nell'altro Stato Contraente per il solo fatto che essa vi esercita la propria attività per mezzo di un mediatore, di un commissionario generale o di qualsiasi altro intermediario che goda di uno statuto indipendente, a condizione che queste persone agiscano nell'ambito della loro ordinaria attività. Tuttavia, se le attività di detto intermediario sono esercitate interamente o quasi per conto dell'impresa, esso non sarà considerato come un intermediario che goda di uno statuto indipendente ai sensi del presente paragrafo.

8. Il fatto che una società residente di uno Stato Contraente controlli o sia controllata da una società residente dell'altro Stato Contraente ovvero eserciti la sua attività in questo altro Stato (sia per mezzo di una stabile organizzazione oppure no) non costituisce di per sè motivo sufficiente per far considerare una qualsiasi delle dette società una stabile organizzazione dell'altra.

Capitolo III: Imposizione dei redditi Articolo 6 Redditi immobiliari 1. I redditi che un residente di uno Stato Contraente trae da beni immobili (compresi i redditi delle aziende agricole e forestali) situati nell'altro Stato Contraente sono imponibili in questo altro Stato.

2. L'espressione «beni immobili» ha il significato attribuitole dal diritto dello Stato Contraente in cui i beni stessi sono situati. L'espressione comprende in ogni caso gli accessori, le scorte morte o vive delle aziende agricole e forestali, i diritti ai quali si applicano le disposizioni di diritto privato riguardanti la proprietà fondiaria, l'usufrutto dei beni immobili e i diritti relativi a canoni variabili o fissi per lo sfruttamento o la concessione dello sfruttamento di giacimenti minerari, sorgenti e altre risorse naturali; le navi e gli aeromobili non sono considerati beni immobili.

3. Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano ai redditi derivanti dall'utilizzazione diretta, dalla locazione o dall'affitto nonché da ogni altra forma di utilizzazione di beni immobili.

57.

Doppia imposizione

4. Le disposizioni dei paragrafi 1 e 3 si applicano anche ai redditi provenienti da beni immobili di un'impresa nonché ai redditi dei beni immobili utilizzati per l'esercizio di una professione indipendente.

Articolo 7 Utili delle imprese 1. Gli utili di un'impresa di uno Stato Contraente sono imponibili soltanto in tale Stato, a meno che l'impresa non eserciti la sua attività nell'altro Stato Contraente per mezzo di una stabile organizzazione ivi situata. Se l'impresa esercita in tal modo la sua attività, gli utili dell'impresa sono imponibili nell'altro Stato, ma soltanto nella misura in cui essi sono attribuibili a tale stabile organizzazione.

2. Salve le disposizioni del paragrafo 3, quando un'impresa di uno Stato Contraente esercita la sua attività nell'altro Stato Contraente per mezzo di una stabile organizzazione ivi situata, in ciascuno Stato Contraente sono attribuiti a questa stabile organizzazione gli utili che avrebbe potuto conseguire se fosse stata un'impresa distinta esercitante attività identiche o analoghe e avesse trattato in piena indipendenza con l'impresa di cui essa costituisce una stabile organizzazione.

3. Nella determinazione degli utili di una stabile organizzazione sono ammesse in deduzione le spese sostenute per gli scopi da essa perseguiti, comprese le spese di direzione e le spese generali di amministrazione, sia nello Stato in cui è situata la stabile organizzazione, sia altrove.

4. Nessun utile può essere attribuito a una stabile organizzazione per il solo fatto che essa ha acquistato merci per l'impresa.

5. Qualora uno degli Stati contraenti segua la prassi di determinare gli utili da attribuire ad una stabile organizzazione in base al riparto degli utili complessivi dell'impresa fra le diverse parti di essa, la disposizione del paragrafo 2 non impedisce a detto Stato Contraente di determinare gli utili imponibili secondo la ripartizione in uso; tuttavia, il metodo di riparto adottato dovrà essere tale che il risultato sia conforme ai principi contenuti nel presente articolo.

6. Ai fini dei paragrafi precedenti, gli utili da attribuire alla stabile organizzazione sono determinati annualmente con lo stesso metodo, a meno che non esistano validi e sufficienti motivi per procedere diversamente.

7. Quando gli utili comprendono elementi di reddito considerati separatamente in altri articoli della presente Convenzione, le disposizioni di tali articoli non vengono modificate da quelle del presente articolo.

Articolo 8 Navigazione marittima e aerea 1. Gli utili provenienti dall'esercizio, in traffico internazionale, di navi o di aeromobili sono imponibili soltanto nello Stato Contraente in cui è situata la sede della direzione effettiva dell'impresa.

2. Se la sede della direzione effettiva di un'impresa di navigazione marittima è situata a bordo di una nave, tale sede si considera situata nello Stato contra58

Doppia imposizione

ente d'immatricolazione di questa nave, oppure, in mancanza di un porto d'immatricolazione, nello Stato Contraente di cui è residente l'esercente della nave.

3. Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano anche agli utili provenienti dalla partecipazione a un fondo comune («pool»), a un esercizio comune o a un organismo internazionale di esercizio.

Articolo 9 Imprese associate 1. Quando a) un'impresa di uno Stato Contraente partecipa, direttamente o indirettamente, alla direzione, al controllo o al capitale di un'impresa dell'altro Stato Contraente, o b) le medesime persone partecipano, direttamente o indirettamente, alla direzione, al controllo o al capitale di un'impresa di uno Stato Contraente e di un'impresa dell'altro Stato Contraente, e, nell'uno e nell'altro caso, le due imprese, nelle loro relazioni commerciali o finanziarie, sono vincolate da condizioni convenute o imposte, diverse da quelle che sarebbero state convenute tra imprese indipendenti, gli utili che in mancanza di tali condizioni sarebbero stati conseguiti da una delle imprese, ma che a causa di tali condizioni non lo sono stati, possono essere inclusi negli utili di questa impresa e imposti in conseguenza.

2. Quando uno Stato Contraente include negli utili di un'impresa di questo Stato - e impone di conseguenza - utili in base ai quali un'impresa dell'altro Stato contraente è stata imposta in questo altro Stato e gli utili così inclusi sono utili che sarebbero stati conseguiti dall'impresa del primo Stato se le condizioni convenute tra le due imprese fossero state quelle che sarebbero state convenute tra imprese indipendenti, le autorità competenti degli Stati Contraenti si consulteranno al fine di trovare un accordo circa l'adeguamento degli utili nei due Stati Contraenti.

3. Uno Stato Contraente non rettificherà gli utili di un'impresa nei casi previsti al paragrafo 1 dopo che sia scaduto il termine di prescrizione previsto dalla sua legislazione nazionale e, in ogni caso, dopo che sia trascorso un termine di cinque anni a contare dalla fine dell'anno nel corso del quale gli utili che formassero l'oggetto di una tale rettifica sarebbero stati conseguiti da un'impresa in questo Stato. Le disposizioni del presente paragrafo non si applicano ai casi di frode o di omissione volontaria.

Articolo 10 Dividendi 1. I dividendi
pagati da una società residente d'Egitto a un residente di Svizzera sono imponibili in Svizzera soltanto se il residente è il beneficiario effettivo di questi dividendi.

Questo paragrafo non modifica l'imposizione della società relativamente all'imposta sugli utili delle società riscossa in Egitto sugli utili con i quali sono pagati i dividendi.

59

Doppia imposizione

2. I dividendi pagati da una società residente di Svizzera a un residente d'Egitto sono imponibili in Egitto conformemente alla legislazione fiscale d'Egitto.

Tuttavia, tali dividendi sono anche imponibili in Svizzera e in conformità alla legislazione svizzera, ma se la persona che riceve i dividendi ne è il beneficiario effettivo, l'imposta così applicata non può eccedere: a) il 5% dell'ammontare lordo dei dividendi, se il beneficiario effettivo è una società (diversa da una società di persone) che detiene direttamente almeno il 25% del capitale della società che paga i dividendi; b) il 15% dell'ammontare lordo dei dividendi, in tutti gli altri casi.

Il presente paragrafo non modifica l'imposizione della società relativamente all'imposta sul reddito riscossa sugli utili con i quali sono pagati i dividendi.

3. Il termine «dividendi», di cui al presente articolo, designa i redditi provenienti da azioni, da azioni o diritti di godimento, da quote minerarie, da quote di fondatore o da altre quote di partecipazione agli utili, ad eccezione dei crediti, nonché i redditi di altre quote sociali assoggettati al medesimo regime fiscale dei redditi delle azioni secondo la legislazione dello Stato di cui la Società distributrice è residente.

4. Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 non si applicano nel caso in cui il beneficiario effettivo dei dividendi, residente di uno Stato Contraente, esercita nell'altro Stato Contraente di cui è residente la società che paga i dividendi, sia un'attività industriale o commerciale per mezzo di una stabile organizzazione ivi situata, sia una professione indipendente mediante una sede fissa ivi situata, cui si ricollega effettivamente la partecipazione génératrice dei dividendi. In tale ipotesi trovano applicazione le disposizioni dell'articolo 7 o dell'articolo 14, a seconda dei casi.

5. Quando una società residente di uno Stato Contraente trae utili o redditi dall'altro Stato Contraente, questo altro Stato non può applicare alcuna imposta sui dividendi pagati dalla società, a meno che tali dividendi siano pagati ad un residente di questo altro Stato o a meno che la partecipazione génératrice dei dividendi sia effettivamente collegata a una stabile organizzazione o a una sede fissa situata in questo altro Stato, né prelevare alcuna imposta a titolo di imposizione degli utili non distribuiti, sugli utili non distribuiti della società, anche se i dividendi pagati o gli utili non distribuiti costituiscono in tutto o in parte utili o redditi provenienti da questo altro Stato.

Articolo 11 Interessi 1. Gli interessi provenienti da uno Stato Contraente e pagati a un residente dell'altro Stato Contraente sono imponibili in questo altro Stato.

2. Tuttavia, tali interessi sono anche imponibili nello Stato Contraente dal quale provengono e in conformità alla legislazione di questo Stato, ma se la persona che riceve gli interessi ne è il beneficiario effettivo, l'imposta così applicata non può eccedere il 15% dell'ammontare lordo degli interessi.

60

Doppia imposizione

3. Nonostante le disposizioni del paragrafo 2, gli interessi provenienti da uno Stato Contraente e pagati a un residente dell'altro Stato Contraente che ne è il beneficiario effettivo sono imponibili soltanto in questo altro Stato se sono pagati: a) in connessione con la vendita a credito di un equipaggiamento industriale, commerciale o scientifico; b) in connessione con la vendita a credito di merci consegnate da un'impresa a un'altra impresa, o e) su un mutuo di qualsivoglia natura concesso da un istituto bancario.

4. Il termine «interessi», di cui al presente articolo, designa i redditi provenienti da crediti di qualsiasi natura, garantiti o no da ipoteca ovvero comportanti o no un diritto di partecipazione agli utili del debitore, e segnatamente i redditi provenienti da prestiti pubblici e obbligazioni, inclusi i premi e i guadagni relativi.

5. Le disposizioni dei paragrafi 1, 2, 3 e 4 non si applicano nel caso in cui il beneficiario effettivo degli interessi, residente di uno Stato Contraente, esercita nell'altro Stato Contraente dal quale provengono gli interessi, sia un'attività industriale o commerciale per mezzo di una stabile organizzazione ivi situata, sia una professione indipendente mediante una sede fissa ivi situata, cui si ricollega effettivamente il credito generatore degli interessi. In tale ipotesi trovano applicazione le disposizioni dell'articolo 7 o dell'articolo 14, a seconda dei casi.

6. Gli interessi si considerano provenienti da uno Stato Contraente quando il debitore è questo stesso Stato, una suddivisione politica, un ente locale o un residente di questo Stato. Tuttavia, quando il debitore degli interessi, sia esso residente o no di uno Stato Contraente, ha in uno Stato Contraente una stabile organizzazione o una sede fissa per le cui necessità viene contratto il debito sul quale sono pagati gli interessi e tali interessi sono a carico della stabile organizzazione o sede fissa, gli interessi stessi si considerano provenienti dallo Stato in cui è situata la stabile organizzazione o sede fissa.

7. Se in conseguenza di particolari relazioni esistenti tra debitore e beneficiario effettivo o tra ciascuno di essi e terze persone, l'ammontare degli interessi, tenuto conto del credito per il quale sono'-pagati, eccede quello che sarebbe stato convenuto tra debitore e beneficiario effettivo in assenza di simili relazioni, le disposizioni del presente articolo si applicano soltanto a quest'ultimo ammontare. In tale ipotesi, la parte eccedente dei pagamenti è imponibile in conformità alla legislazione di ciascuno Stato Contraente e tenuto conto delle altre disposizioni della presente Convenzione.

Articolo 12 Diritti di licenza 1. I diritti di licenza provenienti da uno Stato Contraente e pagati ad un residente dell'altro Stato Contraente sono imponibili in detto altro Stato.

2. Tuttavia, tali diritti di licenza sono pure imponibili nello Stato Contraente dal quale essi provengono e in conformità alla legislazione di questo Stato, 6 Foglio federale. 70° anno. Voi. III

61

Doppia imposizione

ma se la persona che riceve i diritti di licenza ne è il beneficiario effettivo, l'imposta così applicata non deve eccedere il 12,5% dell'ammontare lordo dei diritti di licenza.

3. 11 termine «diritti di licenza», di cui al presente articolo, designa i compensi di qualsiasi natura pagati per l'uso o la concessione dell'uso di diritti d'autore su opere letterarie, artistiche o scientifiche, ivi comprese le pellicole cinematografiche o le registrazioni per emissioni radiofoniche o televisive, di brevetti, marchi di fabbrica o di commercio, disegni o modelli, progetti, formule o procedimenti segreti, come pure per l'uso o la concessione dell'uso di attrezzature industriali, commerciali o scientifiche e per informazioni concernenti esperienze di carattere industriale, commerciale o scientifico.

4. Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 non si applicano nel caso in cui il beneficiario effettivo dei diritti di licenza, residente di uno Stato Contraente, esercita nell'altro Stato Contraente dal quale provengono i diritti di licenza sia un'attività industriale o commerciale per mezzo di una stabile organizzazione ivi situata, sia una professione indipendente mediante una sede fissa ivi situata, cui si ricollega effettivamente il diritto o il bene generatore dei diritti di licenza. In tale ipotesi trovano applicazione le disposizioni dell'articolo 7 o dell'articolo 14, a seconda dei casi.

5. I diritti di licenza si considerano provenienti da uno Stato Contraente quando il debitore è lo Stato Contraente stesso, una sua suddivisione politica, un suo ente locale o un residente di detto Stato Contraente. Tuttavia, quando il debitore dei diritti di licenza, sia esso residente o no di uno Stato Contraente, ha in uno Stato Contraente una stabile organizzazione o una sede fissa dalla quale ha origine l'obbligo di pagare i diritti di licenza e che ne assume gli oneri, i diritti di licenza si considerano provenienti dallo Stato Contraente in cui è situata la stabile organizzazione o la sede fissa.

6. Se, in conseguenza di particolari relazioni esistenti tra il debitore e il beneficiario effettivo o tra ciascuno di loro e terzi, l'ammontare dei diritti di licenza, tenuto conto della prestazione cui si riferiscono, eccede quello che sarebbe stato altrimenti convenuto tra debitore e beneficiario effettivo in assenza di simili relazioni, le disposizioni del presente articolo si applicano soltanto a quest'ultimo ammontare. In tale caso, l'eccedenza è imponibile giusta la legislazione di ciascuno Stato Contraente, tenuto conto delle altre disposizioni della presente Convenzione.

Articolo 13 Utili di capitale 1. Gli utili che un residente di uno Stato Contraente trae dall'alienazione di beni immobili menzionati all'articolo 6 e situati nell'altro Stato Contraente sono imponibili in quest'ultimo Stato.

2. Gli utili provenienti dall'alienazione di beni mobili facenti parte dell'attivo di una stabile organizzazione che un'impresa di uno Stato Contraente ha nell'altro Stato Contraente o di beni mobili appartenenti a una sede fissa che serve 62

Doppia imposizione

al residente di uno Stato Contraente per l'esercizio nell'altro Stato Contraente di un'attività indipendente, inclusi gli utili provenienti dall'alienazione della stabile organizzazione (da sola o con l'intera impresa) o della sede fissa, sono imponibili in questo medesimo Stato.

3. Gli utili provenienti dall"alienazione di navi o aeromobili in esercizio nel traffico internazionale, come pure di beni mobili destinati all'esercizio di tali navi o aeromobili sono imponibili soltanto nello Stato Contraente in cui è situata la sede della direzione effettiva dell'impresa.

4. Gli utili provenienti dall'alienazione di azioni di una società i cui beni sono principalmente costituiti, direttamente o indirettamente, da beni immobili situati in uno Stato Contraente sono imponibili in questo Stato.

5. Gli utili provenienti dall'alienazione di ogni altro bene diverso da quelli menzionati ai paragrafi 1, 2, 3 e 4 sono imponibili soltanto nello Stato Contraente di cui l'alienante è residente.

Articolo 14 Professioni indipendenti 1. I redditi che un residente di uno Stato Contraente trae dall'esercizio di una libera professione o da altre attività indipendenti sono imponibili soltanto in questo Stato, fatte salve le seguenti circostanze per le quali tali redditi sono parimenti imponibili nell'altro Stato Contraente: a) se egli dispone abitualmente nell'altro Stato Contraente di una sede fissa per l'esercizio delle sue attività; in tale caso, detti redditi sono imponibili in questo altro Stato ma unicamente nella misura in cui essi sono attribuibili a questa sede fissa; b) se egli soggiorna nell'altro Stato Contraente per un periodo o periodi che oltrepassano in totale 120 giorni nel corso dell'anno fiscale considerato; in tale caso, detti redditi sono imponibili in questo altro Stato ma unicamente nella misura in cui essi provengono d'attività esercitate in questo altro Stato.

2. L'espressione «libera professione» comprende in particolare le attività indipendenti di carattere scientifico, letterario, artistico, educativo o pedagogico, nonché le attività indipendenti dei medici, avvocati, ingegneri, architetti, dentisti e contabili.

Articolo 15 Professioni dipendenti 1. Fatte salve le disposizioni degli articoli 16, 18 e 19, i salari, gli stipendi e le altre rimunerazioni analoghe che un residente di uno Stato Contraente riceve per un'attività dipendente sono imponibili soltanto in tale Stato, a meno che l'attività non venga esercitata nell'altro Stato Contraente. Se l'attività è quivi esercitata, le rimunerazioni ricevute a tal titolo sono imponibili in questo altro Stato.

63

Doppia imposizione

2. Nonostante le disposizioni del paragrafo 1, le rimunerazioni che un residente di uno Stato Contraente riceve per un'attività dipendente esercitata nell'altro Stato Contraente sono imponibili soltanto nel primo Stato se: a) il beneficiario soggiorna nell'altro Stato per un periodo o periodi che non eccedono in totale i 183 giorni nel corso dell'anno fiscale considerato e b) le rimunerazioni sono pagate da o per conto di un datore di lavoro che non è residente dell'altro Stato e e) l'onere delle rimunerazioni non è a carico di una stabile organizzazione o di una sede fissa che il datore di lavoro ha nell'altro Stato.

3. Nonostante le disposizioni precedenti del presente articolo, le rimunerazioni ricevute per un'attività dipendente svolta a bordo di una nave o di un aeromobile in traffico internazionale sono imponibili nello Stato Contraente nel quale è situata la sede della direzione effettiva dell'impresa.

Articolo 16 Partecipazione agli utili (tantièmes) La partecipazione agli utili, i gettoni di presenza e le altre retribuzioni analoghe che un residente di uno Stato Contraente riceve in qualità di membro del consiglio d'amministrazione o di vigilanza di una società residente dell'altro Stato Contraente sono imponibili in questo altro Stato.

Articolo 17 Artisti e sportivi 1. Nonostante le disposizioni degli articoli 14 e 15, i redditi che un residente di uno Stato Contraente trae da attività personali esercitate nell'altro Stato Contraente come artista dello spettacolo, quale artista di teatro, cinema, radio o televisione, quale musicista o come sportivo sono imponibili in questo altro Stato.

2. Nonostante le disposizioni degli articoli 7, 14 e 15, i redditi provenienti da prestazioni personali di un artista dello spettacolo o di uno sportivo, attribuiti ad un'altra persona che non sia l'artista o lo sportivo medesimo, sono imponibili nello Stato Contraente nel quale le attività dell'artista e dello sportivo sono esercitate.

Articolo 18 Pensioni e rendite 1. Fatte salve le disposizioni dell'articolo 19 paragrafo 2, le pensioni e le altre rimunerazioni analoghe, versate ad un residente di uno Stato Contraente per un impiego anteriore nonché le rendite che gli vengono versate sono imponibili soltanto in tale Stato.

2. Il termine «rendite» designa le somme fisse pagabili periodicamente a date stabilite vita naturai durante, oppure per un periodo di tempo determinato o determinabile, in dipendenza di un obbligo contratto di effettuare tali pagamenti contro un adeguato e pieno corrispettivo in denaro o in beni valutabili in denaro.

64

Doppia imposizione

Articolo 19 Funzioni pubbliche 1. a) Le rimunerazioni, diverse dalle penaioni, pagate da uno Stato Contraente, da una sua suddivisione politica o da un suo ente locale a una persona fisica per servizi resi a tale Stato, suddivisione o ente sono imponibili soltanto in tale Stato.

b) Tuttavia, tali rimunerazioni sono imponibili soltanto nell'altro Stato Contraente se i servizi sono resi in questo Stato e se la persona fisica è un residente di questo Stato e: (i) ha la cittadinanza di tale Stato o (ii) non è divenuta residente di tale Stato unicamente al fine di rendere i servizi di cui si tratta.

2. a) Le pensioni pagate da uno Stato Contraente, da una sua suddivisione politica o da un suo ente locale, sia direttamente sia mediante prelievo su fondi da essi costituiti, a una persona fisica per servizi resi a questo Stato, suddivisione o ente sono imponobili soltanto in tale Stato.

b) Tuttavia, tali pensioni sono imponibili soltanto nell'altro Stato Contraente se la persona fisica è residente di questo Stato e ne possiede la cittadinanza.

3. Le disposizioni degli articoli 15, 16 e 18 si applicano alle rimunerazioni e alle pensioni pagate per servizi resi nell'ambito di un'attività industriale o commerciale esercitata da uno Stato Contraente, da una sua suddivisione politica o da un suo ente locale.

Articolo 20 Studenti Le somme che uno studente o un praticante che è, o era immediamente prima di recarsi in uno Stato Contraente, un residente dell'altro Stato contraente, e che soggiorna nel primo Stato al solo scopo di continuare gli studi o la formazione, ricéve per sopperire alle spese di mantenimento, di studio o di formazione, non sono imponibili in questo Stato, a condizione che tali somme provengano da fonti situate fuori di questo Stato.

Capitolo IV: Metodi per evitare le doppie imposizioni Articolo 21 Eliminazione delle doppie imposizioni 1. Qualora un residente dell'Egitto percepisca redditi dalla Svizzera che, giusta le disposizioni della presente Convenzione, sono imponibili in Svizzera, l'Egitto accorda, sull'imposta da esso percepita sul reddito di detta persona, uno sgravio pari all'imposta sul reddito pagata in Svizzera. Questo sgravio non può tuttavia eccedere la frazione d'imposta, come calcolata prima di effettuare lo sgravio, inerente al reddito proveniente dalla Svizzera.

2. Fatte salve le disposizioni dei paragrafi 3, 4 e 5, qualora un residente di Svizzera percepisca redditi che, giusta le disposizioni della presente Conven-

65

Doppia imposizione

zione, sono imponibili in Egitto, la Svizzera esenta dall'imposta questi redditi, ma può nel calcolare l'ammontare dell'imposta sul resto del reddito di questo residente, applicare la stessa aliquota che applicherebbe in mancanza di esenzione; tuttavia, per gli utili menzionati al paragrafo 4 dell'articolo 13 questa esenzione viene concessa solo se viene provata la loro imposizione in Egitto.

3. Qualora un residente di Svizzera riceva interessi che, giusta le disposizioni dell'articolo 11, sono imponibili in Egitto, la Svizzera accorda, su domanda del residente, uno sgravio che può avere le seguenti forme: a) computo dell'imposta pagata in Egitto, giusta le disposizioni dell'articolo 11, sull'imposta svizzera sul reddito di suddetto residente; l'ammontare computato non può tuttavia eccedere la frazione dell'imposta svizzera, calcolata prima del computo, corrispondente al reddito imponibile in Egitto; o b) retribuzione forfettaria dell'imposta svizzera, calcolata secondo norme prestabilite, che tenga conto dei principi generali di sgravio di cui alla lettera a) qui sopra; oppure e) esenzione parziale dall'imposta svizzera degli interessi di cui si tratta, ma almeno deduzione dell'imposta pagata in Egitto dall'ammontare lordo degli interessi.

La Svizzera determina il tipo di sgravio e regola la procedura giusta le prescrizioni svizzere sull'applicazione delle convenzioni internazionali stipulate dalla Confederazione Svizzera per evitare le doppie imposizioni.

4. Qualora un residente di Svizzera riceva diritti di licenza che, giusta le disposizioni dell'articolo 12, sono imponibili in Egitto, la Svizzera accorda, su domanda del residente, uno sgravio che può avere le seguenti forme: a) deduzione del 2,5% dell'ammontare lordo dei diritti di licenza di cui si tratta, e b) computo, sull'imposta svizzera sul reddito di suddetto residente, calcolata giusta lo sgravio di cui alla lettera a), del 10% dell'ammontare lordo dei diritti di licenza; questo computo è determinato, tuttavia, giusta i principi di sgravio menzionati al paragrafo 3.

5. Qualora un residente di Svizzera riceva interessi o diritti di licenza che, giusta le disposizioni della legge egiziana numero 43 del 1974 - modificata dalla legge numero 32 del 1977 - o di qualsiasi altra legge di carattere analogo, sono esentati dall'imposta egiziana o imponibili a un'aliquota inferiore a quella prevista rispettivamente dal paragrafo 2 dell'articolo 11 o dal paragrafo 2 dell'articolo 12, la Svizzera accorda a questo residente, su sua domanda, uno sgravio del 10% dell'ammontare lordo degli interessi o dei diritti di licenza. Le disposizioni del paragrafo 3 del presente articolo si applicano in conseguenza.

66

Doppia imposizione

Capitolo V: Disposizioni speciali Articolo 22 Parità di trattamento 1. I cittadini di uno Stato Contraente non sono assoggettati nell'altro Stato Contraente ad alcuna imposizione od obbligo ad essa relativo, diversi o più onerosi di quelli cui sono o potranno essere assoggettati i cittadini di questo altro Stato che si trovino nella stessa situazione.

2. L'imposizione di una stabile organizzazione che un'impresa di uno Stato Contraente ha nell'altro Stato Contraente non può essere in quest'ultimo Stato meno favorevole dell'imposizione delle imprese dello stesso Stato che svolgono la medesima attività.

3. Le disposizioni del presente articolo non possono essere interpretate come obbligo per uno Stato Contraente di accordare ai residenti dell'altro Stato Contraente le deduzioni personali, gli abbattimenti e le riduzioni fiscali accordate ai propri residenti in relazione alla loro situazione o ai loro oneri di famiglia.

4. Le imprese di uno Stato Contraente il cui capitale è, in tutto od in parte, direttamente o indirettamente, posseduto o controllato da uno o più residenti dell'altro Stato Contraente, non sono assoggettate nel primo Stato Contraente ad alcuna imposizione od obbligo ad esso relativo, diverso o più oneroso di quelli cui sono o potranno essere assoggettate le altre imprese della stessa natura residenti del primo Stato.

5. Nel presente articolo il termine «imposizione» designa le imposte oggetto della Convenzione.

Articolo 23 Procedura amichevole 1. Quando una persona ritiene che le misure adottate da uno o da entrambi gli Stati Contraenti comportano o comporteranno per lei un'imposizione non conforme alle disposizioni della presente Convenzione, essa può, indipendentemente dai ricorsi previsti dal diritto interno di tali Stati, sottoporre il proprio caso all'autorità competente dello Stato Contraente di cui è residente o, se il suo caso rientra nell'articolo 22 paragrafo 1, a quella dello Stato Contraente di cui ha la cittadinanza. Il caso deve essere sottoposto entro i tre anni che seguono la prima notificazione del provvedimento che comporta un'imposizione non conforme alle disposizioni della Convenzione.

2. L'autorità competente, se il reclamo le appare fondato e se essa non è in grado di giungere a una soluzione soddisfacente, fa del suo meglio per regolare il caso per via di amichevole composizione con l'autorità competente dell'altro Stato Contraente, al fine di evitare un'imposizione non conforme alla Convenzione.

3. Le autorità competenti degli Stati Contraenti fanno del loro meglio per risolvere per via di amichevole composizione le difficoltà o i dubbi inerenti all'interpretazione o all'applicazione della Convenzione. Esse possono altresì consultarsi al fine di eliminare la doppia imposizione nei casi non previsti dalla Convenzione.

67

Doppia imposizione

4. Uno Stato Contraente non aumenterà la base imponibile di un residente dell'uno degli altri Stati Contraenti dopo che sia scaduto il termine di prescrizione previsto dalla sua legislazione nazionale e, in ogni caso, dopo che sia trascorso un termine di cinque anni a contare dalla fine del periodo nel corso del quale è stato realizzato il reddito di cui si tratta, includendovi elementi di reddito che sono stati pure assoggettati nell'altro Stato Contraente. Il presente paragrafo non si applica ai casi di frode o di omissione volontaria.

Articolo 24 Agenti diplomatici e funzionari consolari

  1. Le disposizioni della presente Convenzione non pregiudicano i privilegi fiscali di cui beneficiano gli agenti diplomatici o i funzionari consolari in virtù delle regole generali del diritto internazionale o di accordi particolari.
  2. Nonostante le disposizioni dell'articolo 4, ogni persona fisica membro di una missione diplomatica, d'un posto consolare o di una delegazione permanente di uno Stato Contraente, situati nell'altro Stato Contraente o in uno Stato terzo, è considerata, ai fini della presente Convenzione, residente dello Stato accreditante, a condizione che: a) conformemente al diritto internazionale, non sia assoggettata, nello Stato accreditatario, ad imposta sui redditi provenienti da fonti esterne a questo Stato, e b) abbia, nello Stato accreditante, gli stessi obblighi in materia d'imposta sul reddito complessivo dei residenti di questo Stato.
  3. La Convenzione non si applica alle organizzazioni internazionali, ai loro organi o ai loro funzionari, né ai membri di una missione diplomatica, di un posto consolare o di una delegazione permanente di uno Stato terzo, qualora si trovino sul territorio di uno Stato Contraente e non siano trattati in materia d'imposta sul reddito come residenti dell'uno o dell'altro Stato Contraente.

Articolo 25 Disposizioni diverse 1. Le disposizioni della presente Convenzione non possono essere interpretate come limitanti in un qualsiasi modo gli esoneri, gli abbattimenti, le deduzioni, i crediti o altri sgravi che sono o saranno concessi: a) dalla legislazione di uno Stato Contraente per la determinazione dell'imposta prelevata da questo Stato, o b) da ogni altro accordo conchiuso tra l'Egitto e la Svizzera.

2. La presente Convenzione non limita gli Stati Contraenti nell'applicazione delle disposizioni del loro diritto interno in materia di procedura fiscale, sempreché detta applicazione sia conforme ai principi dell'articolo 22.

68

Doppia imposizione

Articolo 26 Entrata in vigore 1. La presente Convenzione sarà ratificata e gli strumenti di ratifica saranno scambiati a Berna' 1 .

2. La Convenzione entrerà in vigore alla data dello scambio degli strumenti di ratifica e le sue disposizioni saranno applicabili per la prima volta: a) al riguardo delle imposte riscosse mediante ritenuta alla fonte sulle somme pagate o accreditate a partire dal primo gennaio dell'anno civile successivo a quello nel corso del quale ha avuto luogo lo scambio degli strumenti di ratifica; e b) al riguardo delle altre imposte dovute per gli anni fiscali che iniziano il 1° gennaio dell'anno civile seguente quello nel corso del quale ha avuto luogo lo scambio degli strumenti di ratifica, o dopo tale data.

3. Lo scambio di note del 5 gennaio 1955 tra il Governo della Repubblica araba d'Egitto e il Consiglio federale svizzero concernente l'imposizione delle imprese di navigazione aerea sarà abrogato con l'entrata in vigore della presente Convenzione.

Articolo 27 Denuncia La presente Convenzione rimarrà in vigore illimitatamente, ma ciascuno Stato Contraente può denunciarla, entro il 30 giugno incluso di ciascun anno civile seguente l'anno dello scambio degli strumenti di ratifica, mediante un avviso di denuncia scritto inviato all'altro Stato Contraente per via diplomatica; in tal caso la Convenzione cesserà di essere applicabile: a) al riguardo delle imposte riscosse mediante ritenuta alla fonte sulle somme pagate o accreditate a partire dal primo gennaio dell'anno civile successivo a quello nel corso del quale è stato dato l'avviso; e b) al riguardo delle altre imposte, per ogni anno d'imposizione che inizia il 1° gennaio dell'anno civile seguente quello in cui è stato dato l'avviso.

"Alla data del presente messaggio, il luogo dello scambio degli strumenti di ratifica non è ancora stato fissato in modo definitivo.

69

Doppia imposizione

In fede di che, i sottoscritti, debitamente autorizzati a tale scopo, hanno firmato la presente Convenzione.

Fatto al Cairo il 20 maggio 1987, in due originali in ciascuna delle lingue araba, francese e inglese, ogni testo facente egualmente fede e prevalendo il testo inglese in caso di dubbio.

Per il Consiglio federale svizzero: Mordasini

70

Per il Governo della Repubblica araba d'Egitto: El Razaz

Doppia imposizione

Allegato Traduzionel) Repubblica araba d'Egitto Ministero delle finanze II Cairo, 20 maggio 1987 Sua Eccellenza Signor Luciano Mordasini Ambasciatore di Svizzera II Cairo

Signor Ambasciatore Ho l'onore di accusare ricevuta la Sua lettera odierna del seguente tenore: «In riferimento alla Convenzione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Araba d'Egitto per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito, firmata in data odierna, La informo che il Consiglio federale svizzero, con decisione del 7 marzo 1977, ha definito nei termini seguenti la politica svizzera in materia di scambio d'informazioni: Per la Svizzera, lo scopo di una convenzione di doppia imposizione consiste nell'evitare le doppie imposizioni internazionali; le informazioni necessarie per la regolare applicazione di una convenzione e atte ad impedirne l'abuso possono già essere scambiate nell'ambito delle disposizioni convenzionali già esistenti concernenti la procedura amichevole, la riduzione delle imposte alla fonte, ecc.

Da parte svizzera, una disposizione speciale sullo scambio di informazioni risulta superflua; una clausola esplicita, infatti, potrebbe prevedere, in conformità dello scopo della Convenzione di doppia imposizione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Araba d'Egitto, solo lo scambio delle informazioni necessarie ad un'applicazione regolare e atte ad impedire l'abuso della Convenzione di doppia imposizione tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Araba d'Egitto.»

"Dal testo originale francese.

71

Doppia imposizione

Colgo l'occasione per rinnovarle, Signor Ambasciatore, l'assicurazione della mia massima considerazione.

Per il Governo della Repubblica Araba d'Egitto: Dott. Mohamed Ahmed El-Razaz Ministro delle Finanze

72

Schweizerisches Bundesarchiv, Digitale Amtsdruckschriften Archives fédérales suisses, Publications officielles numérisées Archivio federale svizzero, Pubblicazioni ufficiali digitali

Messaggio concernente una convenzione di doppia imposizione con l'Egitto del 12 agosto 1987

In

Bundesblatt

Dans

Feuille fédérale

In

Foglio federale

Jahr

1987

Année Anno Band

3

Volume Volume Heft

38

Cahier Numero Geschäftsnummer

87.048

Numéro d'affaire Numero dell'oggetto Datum

29.09.1987

Date Data Seite

45-72

Page Pagina Ref. No

10 115 490

Das Dokument wurde durch das Schweizerische Bundesarchiv digitalisiert.

Le document a été digitalisé par les. Archives Fédérales Suisses.

Il documento è stato digitalizzato dell'Archivio federale svizzero.