Termine di referendum: 14 gennaio 1991

# S T #

Codice penale militare

(CPM) Modificazione del 5 ottobre 1990

L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 27 maggio 1987'', decreta: I

II Codice penale militare (CPM)2' è modificato come segue:

Rifiuto del servizio

Art. 81 marginale, n. 1, 2, 2bis, 3 e 5 1. Chiunque, nell'intenzione di rifiutare il servizio militare, non ottempera all'ordine di presentarsi al reclutamento o a un ordine di marcia o di chiamata in servizio, è punito con la detenzione.

2. Se l'autore, appellandosi a valori etici fondamentali, rende verosimile di non poter conciliare con la propria coscienza il servizio militare, il giudice lo dichiara colpevole e lo obbliga a prestare un lavoro di pubblico interesse.

Il giudice stabilisce la durata del lavoro imposto. Di regola, essa è pari a una volta e mezzo quella dell'intero servizio militare rifiutato, ma non può superare i due anni.

Se l'autore rifiuta il lavoro impostogli o viola gravemente i doveri che vi sono connessi, il giudice gli infligge una pena conformemente al numero 1. Non può più infliggergli pene trascorsi dieci anni dalla dichiarazione di colpevolezza.

Il giudice può escludere l'autore dall'esercito.

Il Consiglio federale disciplina i particolari quanto alla prestazione del lavoro e ne assicura l'esecuzione uniforme.

2bis. Se l'autore, appellandosi a valori etici fondamentali, rende verosimile di non poter conciliare con la propria coscienza il servizio militare armato e si dichiara disposto a prestare servizio militare senz'arma, il giudice lo dichiara colpevole e lo assegna al servizio senz'arma.

Codice penale militare

Se più tardi l'autore rifiuta il servizio militare senz'arma, il giudice gli infligge una pena conformemente al numero 1. Non può più infliggergli pene trascorsi dieci anni dalla dichiarazione di colpevolezza.

3. In servizio attivo, può essere pronunciata la reclusione.

5. L'autore è esente da pena se è dichiarato inabile al servizio e questa inabilità sussisteva già al momento del rifiuto del servizio.

Omissione del servizio

Art. Sia 1. Chiunque, senza l'intenzione di rifiutare il servizio militare, non ottempera all'ordine di presentarsi al reclutamento o a un ordine di marcia o di chiamata in servizio, è punito con la detenzione sino a sei mesi.

Nei casi poco gravi si applica una pena disciplinare.

2. In servizio attivo, può essere pronunciata la reclusione.

3. Se più tardi l'autore si presenta spontaneamente in servizio, il giudice può attenuare la pena secondo il suo libero apprezzamento (art. 47).

4. L'autore è esente da pena se è dichiarato inabile al servizio e questa inabilità sussisteva già al momento dell'omissione del servizio.

Art. 82 cpv. 4 4

L'autore è esente da pena se è dichiarato inabile al servizio e questa inabilità sussisteva già al momento dell'omissione colposa del servizio.

Art. 83 cpv. 1, 2 e 4 1 Chiunque, nell'intenzione di rifiutare il servizio militare, abbandona arbitrariamente il suo corpo di truppa od il suo posto militare, o non vi ritorna più dopo un'assenza giustificata, è punito con la detenzione. Se, appellandosi a valori etici fondamentali, rende verosimile di non poter conciliare con la propria coscienza il servizio militare, è giudicato quale obiettore di coscienza conformemente all'articolo 81 numero 2. Se si dichiara disposto a prestare servizio militare senz'arma, si applica l'articolo 81 numero 2bis.

2 In servizio attivo, può essere pronunciata la reclusione.

4 L'autore è esente da pena se è dichiarato inabile al servizio e questa inabilità sussisteva già al momento della diserzione.

480

Codice penale militare

Art. 84 cpv. 4 4

L'autore è esente da pena se è dichiarato inabile al servizio e questa inabilità sussisteva già al momento dell'assenza ingiustificata.

Casellario giudiziale

Rifiuto del servizio.

Diserzione

Art. 226 L'obbligo di prestare un lavoro e l'assegnazione al servizio militare senz'arma conformemente all'articolo 81 numeri 2 o 2bls nonché le pene disciplinari non sono iscritti nel casellario giudiziale.

Del resto sono applicabili gli articoli 359 a 364 del Codice penale svizzero '*.

Art. 236a Chiunque, nel tempo intercorso tra la promulgazione e l'entrata in vigore della modificazione del presente Codice del 5 ottobre 19902', è stato condannato validamente per rifiuto del servizio o diserzione secondo il vecchio disposto dell'articolo 81 numero 2 e non ha ancora espiato la pena, può, entro un mese dalla detta entrata in vigore, chiedere per scritto al giudice che l'ha condannato d'essere sottoposto a un nuovo giudizio.

II 1 2

La presente legge sottosta al referendum facoltativo.

II Consiglio federale ne determina l'entrata in vigore.

Consiglio nazionale, 5 ottobre 1990 II presidente: Ruffy II segretario: Koehler

Consiglio degli Stati, 5 ottobre 1990 II presidente: Cavelty II segretario: Huber

Data di pubblicazione: 16 ottobre 19903) Termine di referendum: 14 gennaio 1991

'1RS 311.0 ...

2 >RU 3

> FF 1990 HI 479 481

Schweizerisches Bundesarchiv, Digitale Amtsdruckschriften Archives fédérales suisses, Publications officielles numérisées Archivio federale svizzero, Pubblicazioni ufficiali digitali

Codice penale militare (CPM) Modificazione del 5 ottobre 1990

In

Bundesblatt

Dans

Feuille fédérale

In

Foglio federale

Jahr

1990

Année Anno Band

3

Volume Volume Heft

41

Cahier Numero Geschäftsnummer

---

Numéro d'affaire Numero dell'oggetto Datum

06.10.1990

Date Data Seite

479-481

Page Pagina Ref. No

10 116 452

Das Dokument wurde durch das Schweizerische Bundesarchiv digitalisiert.

Le document a été digitalisé par les. Archives Fédérales Suisses.

Il documento è stato digitalizzato dell'Archivio federale svizzero.