# S T #

83.017

Messaggio concernente opere militari e acquisti di terreno (Programma delle costruzioni 1983)

del 23 febbraio 1983

Onorevoli presidenti e consiglieri, Ci pregiamo sottoporvi, per approvazione, un disegno di decreto concernente opere militari e acquisti di terreno (Programma delle costruzioni 1983) che si iscrive nella linea dei messaggi precedenti sullo stesso tema.

Gradite, onorevoli presidenti e consiglieri, l'espressione della nostra alta considerazione.

23 febbraio 1983

1983 -- 123

In nome del Consiglio federale svizzero: II presidente della Confederazione, Aubert II cancelliere della Confederazione, Buser

39

Compendìo Con il presente Programma delle costruzioni 1983 vi proponiamo di stanziare i seguenti crediti d'impegno: - Opere militari e istallazioni 367 570 000 - Acquisti di terreno 27 550 000 - Crediti aggiuntivi 30220000 Totale Dipartimento militare - Opere necessarie alle imprese d'armamento

425 340 000 30 400 000

Totale generale

455740000

I progetti di costruzione sono stati scelti anzitutto in funzione dell'ordine d'urgenza e dello stato dei preparativi tecnici.

I crediti d'impegno serviranno, per oltre un terzo, alla costruzione o alla riattazione di opere destinate all'istruzione. All'importante progetto della piazza d'armi di Rothenthurm saranno adibiti 108 milioni di franchi. La scuola delle truppe leggere potrà cosi essere trasferita da Svitto su un terreno che si presta ad un addestramento più efficace per esploratori e ciclisti.

La partecipazione della Confederazione al ripristino ed all'ammodernamento delle caserme di Colombier e di Aarau permetterà di adeguare le istallazioni alle esigenze moderne. Opere supplementari realizzate sulla piazza d'armi di Mels copriranno i diversi fabbisogni di locali sia delle truppe di fortezza sia dell'amministrazione.

I crediti di impegno richiesti per le opere fortificate e di comando serviranno principalmente a finanziare lavori che permetteranno di consolidare il terreno nei nostri settori di difesa importanti. Una parte notevole dei crediti richiesti sarà destinata alla gestione delle opere che i nuovi materiali da guerra richiedono. Queste opere debbono essere realizzate con la massima urgenza per permettere l'entrata in funzione dei sistemi d'arma corrispondenti. Si tratta principalmente di modernizzare e adattare l'infrastnittura delle costruzioni sugli aerodromi militari, per le necessità dell'aereo da combattimento Tiger, come anche di costruire un deposito sotterraneo di munizioni nel quale immagazzinare il munizionamento complementare per gli obici corazzati della 3a serie. Altri punti forti concernono le opere relative alla logistica; va costruito un parco materiali centralizzato a Bitten nel quale sarà possibile immagazzinare e gestire in maniera moderna i materiali da fortificazione, come anche procedere al rifacimento delle officine a BuochsEnnetbürgen al fine di migliorare le condizioni di lavoro.

È necessario, per l'Ufficio federale della tecnica di armamento, ampliare le istallazioni di prova d'urto, e completare l'impianto IEMN di Lattigen.

Vanno proseguiti gli sforzi intesi ad adattare le opere ed istallazioni militari alle esigenze della protezione delle acque. I crediti previsti per nuo-

40

vi terreni servono principalmente all'acquisto degli appezzamenti di cui necessitano le piazze d'armi, di tiro e di addestramento- come anche l'Ufficio federale degli aerodromi militari, l'Intendenza del materiale da guerra ed il Corpo delle guardie delle fortificazioni. A causa dei costi suppletivi dovuti al rincaro o alle difficoltà sopravvenute al momento dei lavori vengono richiesti diversi crediti aggiuntivi.

La parte principale dei crediti richiesti per le officine d'armamento è riservata alla costruzione di un padiglione di integrazione con istallazioni per l'organo di protezione di stabilimento a Thun, come anche alla ricostruzione dell'impianto di miscelazione della polvere tubolare corta del Polverificio di Wimmis. Vi proponiamo altresì di concedere stanziamenti per la costruzione di una polveriera e di un edificio di politura e tranciatura per il Polverificio di Wimmis.

Gli interessi della protezione della natura e del paesaggio sono stati debitamente considerati, sia nella scelta dell'ubicazione sia in quella delle soluzioni edilizie; all'uopo gli organi tecnici'federali hanno lavorato in stretta connessione con quelli cantonali e comunali.

Il programma delle costruzioni 1983 prevede crediti d'impegno del totale di 455 740 000 franchi. Da rilevare che 30 400 000 franchi saranno finanziati con i conti d'esercizio delle officine d'armamento e che i corrispondenti crediti di pagamento saranno iscritti nel preventivo annuo dell'Ufficio federale della produzione d'armamenti.

41

I II

Costruzioni militari Costruzioni destinate all'istruzione

Nel rapporto del 16 settembre 1981 sulla situazione e la pianificazione delle piazze d'armi, d'esercizio e di tiro (FF 1981 III 418), vi abbiamo esposto le necessità future in materia di costruzioni destinate all'istruzione. Tali necessità derivano prevalentemente dall'introduzione di nuove armi e dal rafforzamento della meccanizzazione dell'esercito. Allo scopo di fornire alla truppa un ottimo addestramento, occorrerà, in collaborazione con i governi cantonali interessati, adattare alle nuove esigenze le vecchie caserme e particolarmente quelle sulle piazze d'armi cantonali, ammodernare le piazze di tiro e d'esercizio nonché raggruppare, su una nuova piazza d'armi, una scuola reclute presentemente ripartita su diverse aree.

I progetti edilizi rientrano nei limiti delle disponibilità finanziarie della Confederazione; essi permetteranno soltanto di sopperire alle necessità più urgenti.

111

Costruzione di una piazza d'armi a Rothenthurm (108 000 000 fr.)

111.1

In generale

La realizzazione dell'organizzazione delle truppe 61 si è tradotta in un aumento repentino (da 33 a 90) delle unità meccanizzate. Per mancanza di spazio, soltanto le scuole delle truppe meccanizzate e quelle delle truppe di sostegno e di riparazione vengono istruite sulla piazza d'armi di Thun, mentre le truppe leggere sono state sistemate in stazionamenti al di fuori di tale perimetro. È stata così creata nel 1965 una nuova scuola delle truppe leggere alloggiata in un accantonamento di proprietà del Comune di Svitto. Per mancanza di posto e di possibilità d'istruzione si è dovuto poi, di nuovo, ricorrere a stazionamenti complementari segnatamente a Goldau e a Rothenthurm. Vista la disponibilità di piazze d'esercizio e di tiro a Rothenthurm, un'unità della scuola reclute delle truppe leggere di Svitto ha sempre stazionato in quel luogo. La penuria di locali didattici, di impianti di addestramento e di accantonamenti, ed i lunghi spostamenti, intralciano l'istruzione e il buon andamento del servizio.

Di conseguenza, nel 1973, una commissione di pianificazione è stata incaricata di trovare un'area per l'allestimento di una nuova piazza d'armi, nella regione di Svitto-Rothenthurm, destinata alla scuola reclute menzionata. In questa commissione erano rappresentati, oltre alle autorità cantonali di Svitto e di Zugo, il Dipartimento militare federale e i comuni interessati, le corporazioni, i servizi tecnici cantonali e gli organi per la tutela della natura.

Nel 1974 essa ha sottoposto un programma d'insieme in merito alla creazione di una nuova piazza d'armi a Rothenthurm. La scelta dell'area è stata dettata dalla presenza, nelle immediate adiacenze del perimetro previsto per le caserme, di un terreno appropriato all'istruzione degli esploratori e dei ciclisti.

42

La convenzione, conclusa nel 1978 tra i Cantoni di Svitto e di Zugo da un lato, e la Confederazione dall'altro, riguardo alla creazione e all'esercizio di una piazza d'armi nei Comuni di Rothenthurm e di Oberägeri costituisce il fondamento giuridico della realizzazione di questa nuova piazza d'armi.

111.2

Concezione

Le due scuole reclute di sottufficiali delle truppe leggere, stazionate annualmente sulla piazza d'armi di Rothenthurm, permetteranno di istruire gli esploratori e i ciclisti, come anche i tiratori di razzi teleguidati anticarro.

Inoltre questa piazza, d'armi sarà disponibile, fra una scuola e l'altra, anche per i corsi di ripetizione, particolarmente di fanteria e ciclisti.

Le caserme saranno edificate come previsto a nord di Rothenthurm, nella regione situata tra la «prima e la seconda Altmatt». Esse saranno strutturate in tre settori; istruzione e intendenza, accantonamenti e sussistenza, sport e tempo libero. Sarà allestita una via d'accesso senza incroci a partire dalla strada cantonale Biberbrugg-Rothenthurm.

Il terreno d'istruzione comporta due settori: il «terreno di fanteria», dotato degli impianti propriamente detti per l'istruzione al combattimento e gli esercizi di tiro, e il «terreno di ricognizione» destinato all'istruzione specifica degli esploratori e all'addestramento di combattimento a livello di sezione e di compagnia.

111.3

Progetto

L'Ufficio delle costruzioni federali ha invitato, nel dicembre 1979, otto architetti del Canton Svitto a partecipare ad un concorso. Già in partenza si è attribuita particolare importanza all'integrazione armoniosa degli stabili nella zona rurale attigua.

Composta di rappresentanti dell'Ufficio delle costruzioni federali, del Dipartimento militare federale, dei Cantoni di Svitto e di Zugo, nonché di specialisti del settore, la giuria ha chiesto, dopo una prima valutazione, il rimaneggiamento dei quattro progetti meglio classificati.

La giuria, al termine del secondo esame, ha designato il progetto vincente ed ha suggerito di affidare l'incarico di elaborare il piano d'insieme al suo autore. Siccome quest'ultimo non ha potuto assumersi tale compito, l'Ufficio delle costruzioni federali si è visto costretto, in qualità di coordinatore centrale, a ripartire la pianificazione e l'elaborazione del progetto fra alcuni architetti ed ingegneri di Svitto e di Zugo.

I tre settori delle caserme comprendono le seguenti opere: Istruzione e intendenza: - uffici per il comando della piazza d'armi e della scuola, locali di lavoro e camere per gli istruttori; - locali di teoria, con una sala cinematografica; - magazzini e officine per l'intendenza della piazza d'armi e dell'arsenale; 43

Accantonamenti e sussistenza: - alloggi per i quadri e per la truppa; uffici di compagnia e istallazioni sanitarie; - cucine per la truppa, con annessi e deposito viveri, refettori; - infermeria; - impianti e piazze di adunata; - rifugi per 400 persone.

Sport e tempo libero: - padiglione a uso multiplo, piazza di giochi e impianti sportivi; - centro svaghi con mensa per i militari e i civili.

L'accasermamento potrà ospitare 552 militari, istruttori, agenti e ausiliari d'intendenza.

Gli stabili a diversi piani saranno ubicati proprio ai piedi di una collina e in armonia con la forma del terreno; le opere in materiale leggero saranno invece ripartite nella pianura. Come materiale di costruzione sarà utilizzato di preferenza il legno; si otterrà così un complesso armoniosamente inserito nel paesaggio.

L'attenta considerazione delle esigenze della tutela del paesaggio, e l'architettura conseguentemente adottata, implicheranno spese suppletive dell'ordine di alcuni milioni di franchi.

Il «terreno di fanteria» sarà attrezzato con impianti di tiro per fucile d'assalto e pistola, con magazzini di munizioni e di bersagli, con impianti per la difesa anticarro e per il combattimento ravvicinato anticarro. Esso comporterà inoltre delle sistemazioni per il lancio delle granate a mano, il combattimento come anche il combattimento in nidi di resistenza e in trincee.

Nel «terreno di ricognizione», è importante rafforzare la rete stradale esistente e sistemare delle postazioni di armi e dei bersagli adeguati sui terrapieni di tiro.

111.4

Acquisti di terreno

D'intesa con la Confederazione ed i Cantoni di Svitto e di Zugo, lo studio degli acquisti di terreni è stato affidato ad una commissione. Tale procedura è conforme all'accordo stipulato nell'agosto 1978 tra le parti menzionate.

I crediti stanziati dal 1977 al 1980 dai decreti federali concernenti le opere militari e gli acquisti di terreno hanno permesso di acquistare, a trattativa privata, sino a fine 1980, circa 218 ettari di terreno sui 354 ettari necessari alla piazza d'armi di Rothenthurm. Quattro delle sei corporazioni interessate e numerosi privati hanno venduto alla Confederazione il terreno di cui abbisognava. Tre agricoltori hanno potuto proseguire la loro attività grazie al 44

terreno loro fornito, in compenso, in un'altra regione. Inoltre, la Commissione per l'acquisto di terreno si è sforzata, mediante compenso in contanti, di creare delle tenute ritondate per diversi proprietari fondiari disposti a negoziare. Tuttavia un raggruppamento parcellare di grande portata è fallito per l'opposizione dei proprietari fondiari.

Sfortunatamente non è stato possibile acquistare a trattativa privata l'insieme dei fondi. Segnatamente la cooperativa di Rothenthurm e la corporazione d'Oberägeri hanno rifiutato di vendere il terreno necessario alla piazza d'armi. La procedura d'espropriazione è stata quindi ordinata nel dicembre 1982. Nondimeno, durante tale procedura di consultazione si potrà ancora ricercare un'intesa di comune accordo.

111.5

Tutela della natura

Una superficie di oltre il 70 per cento della zona paludosa è situata all' esterno del perimetro della piazza d'armi ed un'altra, pari al 25 per cento, continuerà ad essere sfruttata dall'agricoltura. La superficie richiesta per le caserme non supera l'I,5 per cento.

Si terrà conto non solo del mantenimento dell'agricoltura nella sua forma attuale, ma anche degli interessi della tutela della natura. Con i Cantoni di Svitto e di Zugo e con la Lega svizzera per la protezione della natura sono stati presi accordi per proteggere il paseaggio palustre. La Commissione federale per la tutela della natura e del paesaggio ha approvato, a talune condizioni, il progetto della piazza d'armi; inoltre le autorità federali per la tutela della natura sono rappresentate nella commissione del progetto.

L'elaborazione del progetto e i lavori di costruzione saranno inoltre seguiti da uno specialista della natura. Una commissione speciale sarà istituita dopo l'entrata in servizio della piazza d'armi. Essa avrà il compito di assicurarsi permanentemente che, all'interno del perimetro appartenente alla Confederazione, la zona protetta sia mantenuta e, inoltre, di istruire la truppa sull' importanza di questa palude.

La pratica dello sci di fondo tra Rothenthurm e Biberbrugg è garantita.

Ove si dovessero effettuare degli esercizi militari nel «terreno di ricognizione» la pista passerebbe in tal caso a sud del perimetro delle caserme.

Saranno previsti adattamenti riguardo agli stabili.

Le esperienze fatte con piazze d'armi analoghe permettono di stimare a 22 il numero degli agenti necessari alla gestione di questa; l'effettivo supplementare non potrà tuttavia essere stabilito prima della sua entrata in servizio.

45

Spese annue di personale e oneri di gestione Fr.

Fr.

Spese di personale Oneri di gestione: - Pulizia degli stabili - Manutenzione dei dintorni - Condotte e fognature - Rifornimenti e servizi - Altri oneri

1 220 000 20 000 50 000 490 000 90 000 20 000

670 000

1 890 000

Costi Caserme Fr.

Terreno d'esercizio Fr.

Terreno di fanteria Fr.

Totale Fr.

Terreno Lavori preparatori Edifici Impianti d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie ..

Approvvigionamento centralizzato Imprevisti Mobilia

-- 13195100 38 583 500

-- 750000 .--

-- 2505900 4 186 760

-- 16451000 42 770 260

5281800

--

681800

5963600

12 979 000 7 100 000 2 834 200 20 000

6 986 900 176 500

27 065 900 3 030 700

3 428 400 3 508 000 3 925 400

-- 730 000 --

-- 1 002 140 124 600

3 428 400 5 240 140 4 050 000

Totale

83735400

8600000

15664600

108000000

Credito d'impegno

46

108 000 000

Piazza d'armi di Rothenthurm Caserme

4.

-o

112

Piazza d'armi d'Aarau, costruzione di uno stabile per l'istruzione e riattazione di un edificio del comando (8 940 000 f r.)

Ci si proponeva, da principio, di trasferire la piazza d'armi di Aarau per ricostruirla nella regione. Successivamente ci si è resi conto che sarebbe stato più saggio mantenere ad Aarau lo stazionamento della scuola reclute, rinnovarvi le caserme e continuare ad utilizzare la piazza d'esercizio di Schachen e la piazza di tiro di Gehren.

Il Cantone d'Argovia ha ricostruito la vecchia caserma di fanteria ed ha trasformato l'abitazione Generale-Herzog in centro di sussistenza e di svaghi.

La costruzione è stata aperta al servizio nel 1982. Pertanto, un nuovo contratto che disciplina l'utilizzazione futura della piazza d'armi di Aarau è stato concluso il 30 aprile 1982 tra il Cantone di Argovia e la Confederazione. In esso si stipula segnatamente che la Confederazione procederà al restauro dell'edificio del comando eretto sul proprio terreno. Inoltre, il Cantone allestirà un padiglione ad uso multiplo nonché un'officina dotata di un magazzino per il materiale e un deposito.

I locali per il comandante della scuola e per gli istruttori saranno sistemati nell'edificio del comando. Siccome quest'ultimo aveva già ospitato il comando di una divisione, non sarà necessario modificare i locali.

L'edificio didattico comprenderà, per l'essenziale, un locale di teoria di compagnia, una sala cinematografica, sale di teoria di sezione, camere da letto per gli ufficiali e gli istruttori, locali per l'intendenza delle caserme, un alloggio per il portinaio, rifugi per 350 persone.

Per stabilire il programma d'utilizzazione dei locali previsti in questi due edifici, si è tenuto conto dell'ammodernamento già avvenuto della caserma di fanteria e dell'abitazione Generale-Herzog. Non sarà necessario rafforzare l'effettivo del personale.

L'uso della piazza di tiro di Gehren è stato nuovamente disciplinato da un contratto stipulato il 7 dicembre 1981 con il Comune d'Erlinsbach, sul cui territorio si trova appunto la piazza di tiro. Quanto all'utilizzazione della piazza d'esercizio di Schachen, non è stato ancora disciplinato con la città di Aarau.

Costi: Terreno Lavori preparatori Edifici Attrezzature d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie Approvvigionamento centralizzato Imprevisti Mobilia

Fr.

Credito d'impegno

8 940 000

48

17 000 162 000 6949000 328 000 493 000 142 000 60 000 445000 344 000

113

Caserma di Colombier; riattazione da parte del Cantone di Neuchâtel, sussidio della Confederazione (18000000fr.)

113.1

In generale

La piazza d'armi cantonale di Colombier è messa a disposizione della Confederazione in virtù di un contratto stipulato nel 1877. Attualmente ospita una scuola di fanteria comprendente reclute e quadri provenienti dalla Svizzera romanda. Il Cantone di Neuchâtel ha deciso di mantenere la tradizione di questa piazza d'armi cantonale. Con le piazze d'esercizio e di tiro esistenti, la piazza d'armi di Colombier offre buone condizioni per l'istruzione militare. Per contro, è indispensabile rinnovare gli stabili delle caserme e adattarli alle attuali esigenze.

La Confederazione si era in un primo momento proposta di costruire i propri accantonamenti congiuntamente con l'ampliamento della piazza d'esercizio di Planeyse. Essa vi ha tuttavia rinunciato in ragione della prospettata diminuzione del numero delle reclute che si manifesterà a decorrere dal 1985, e delle sistemazioni operate a Chamblon in favore delle scuole per ufficiali di fanteria. Essa ha quindi proposto al Cantone di Neuchâtel di procedere alla riattazione e all'ammodernamento delle caserme esistenti. Nella sua veste di committente, il Cantone di Neuchâtel ha elaborato un progetto in collaborazione con gli uffici competenti della Confederazione. Questo progetto è stato approvato il 20 ottobre 1981 dal Gran Consiglio del Cantone di Neuchâtel.

Successivamente e in aggiunta al progetto saranno costruite, sulla piazza.

d'esercizio di Planeyse appartenente alla Confederazione, un padiglione a uso multiplo, un padiglione per l'Intendenza del materiale da guerra e per il corpo delle guardie di fortificazione, come anche gli impianti per l'istruzione delle scuole. Prevediamo di iscrivere queste opere in uno dei prossimi messaggi sulle costruzioni.

113.2

Progetto

II progetto presentato dal Cantone di Neuchâtel è fondato su quel capitolo delle direttive del capo dell'istruzione, concernenti la costruzione di piazze d'armi, che si applica ad edifici storici e degni di essere protetti. Il progetto comprende la riattazione delle caserme 1 e 2, la costruzione di una caserma 3 nell'area del maneggio che sarà demolito, nonché la costruzione di un edificio che ospiterà i sottufficiali e le cucine.

Gli accantonamenti e le attrezzature sanitarie dei tre piani della caserma 1 saranno rinnovati. I due interrati saranno ancora occupati dall'arsenale senza alcuna modifica.

Nella caserma 2, si prospetta di rifare la cantina del pianterreno, gli accantonamenti e le attrezzature sanitarie del 1° e del 2° piano, come anche di allestire una sala cinematografica nella soffitta.

La caserma 3 comprenderà due interrati con lavanderia e officine per l'eser4

Foglio federale 1983, Voi. II

49

tizio d'arsenale, rifugi per 154 persone, stenditoi, magazzini e locali d'arresto per la truppa ed infine quattro piani adibiti all'alloggio della truppa.

L'edificio per i sottufficiali e per le cucine sarà sistemato nell'area delle docce attuali e nell'ala delle cucine; all'uopo gli stabili esistenti saranno demoliti fino al livello del pianterreno. Si prevede di adattare nell'interrato la caldaia per il riscaldamento centrale tuttora al pianterreno, di sistemare le cucine e, nei due piani, di creare alloggi per i sottufficiali nonché le attrezzature sanitarie.

Si dovrà procedere anche al rifacimento dei locali dell'infermeria.

La struttura d'insieme degli edifici, a forma di castello, sarà preservata grazie a disposizioni d'ordine architettonico. Dopo l'ammodernamento le istallazioni progettate potranno ospitare 586 militari.

Costi: Lavori preparatori Edifici Attrezzature d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie Imprevisti Mobilia

Fr.

1 670 000 22097000 1 334 000 183 000 251 000 1 284 000 131000

Totale delle spese di costruzione

26 950 000

L'uso della piazza d'armi di Colombier è stata oggetto di nuovo contratto valido fino al 2080, contratto che disciplina anche l'ammodernamento delle caserme.

La Confederazione assume l'80 per cento del valore degli impianti. La sua parte si compone come segue: - Spese d'ammodernamento e di riattazione (arrotondate), Fr.

secondo l'indice dei costi edilizi del 1° aprile 1980, che era a quell'epoca di 116,5 punti 27000000 - Valore attuale degli edifici 6 000 000 Valore totale dell'istallazione Di cui parte della Confederazione 80 per cento (arrotondata)

33000000 26 000 000

Questa somma deve essere coperta come segue: - Spese di ammodernamento e di riattazione - Finanziamento del saldo di 8 000 000 con un interesse annuo del 3 per cento e un ammortamento dello 0,5 per cento

Fr.

18 000 000

50

240 000 40 000

Inoltre la Confederazione si assume: - La manutenzione degli edifici: 1 per cento del costo effettivo degli edifici - La parte degli oneri di gestiotìe del personale, delle pulizie, di manutenzione della mobilia, ecc., basata sui totali d'occupazione giornaliera, o al massimo annua . . . .

Fr.

Totale annuo a carico della Confederazione

860 000

260 000

150 000 170 000

La somma di 18 milioni di franchi, che rappresenta l'unica partecipazione della Confederazione alle spese di riattazione delle caserme, supererebbe il limite del credito iscritto nell'articolo concernente le opere utilizzate in comune dalla Confederazione e da altre collettività. Abbiamo perciò deciso di chiedervi lo stanziamento di un credito d'impegno per coprire questa partecipazione unica come è già avvenuto nel 1982 per la caserma cantonale dello Reppischtal.

51

114

Piazza d'armi di Mels, ampliamento e riattazione (28 800 000 fr.)

Nella regione di Mels, è stato stabilito un piano generale di ammodernamento allo scopo di coordinare i fabbisogni di edifici dell'intendenza del materiale da guerra, del corpo della guardia delle fortificazioni, delle scuole e corsi delle truppe di fortezza. Con decreto del 19 settembre 1978 (FF 1978 II 893), avete autorizzato, come prima fase, l'ampliamento e la riattazione dell'arsenale di Mels. In virtù del decreto federale del 17 dicembre 1980 (FF 1980 III 1466), nel settore di Wartau è stato costruito un padiglione a uso multiplo. Presentemente vi proponiamo di realizzare una nuova fase. Il progetto comprende: Costruzione di un campo militare a Tiergarten L'infermeria della piazza d'armi di Mels è alloggiata in un'opera fortificata; i locali disponibili non sono più rispondenti alle attuali condizioni d'igiene, d'aerazione e di i'iluminazione. In caso di conflitto, la regione di Mels è oltretutto sprovvista di un posto sanitario di soccorso ove i pazienti possano ricevere le prime cure mediche ed essere preparati per il trasporto.

Inoltre, le reclute delle scuole di fortezza sono alloggiate in stabili molto distanti fra loro e privi di locali d'istruzione speciali. Onde assicurare un'istruzione soddisfacente alle reclute e ai quadri, sono quindi indispensabili impianti centrali adeguati. Questo vale in primo luogo per i militari di una compagnia di condotta di tiro, alloggiati in uno degli stabili.

Il progetto prevede la costruzione di un posto sanitario di soccorso protetto, combinato con un accantonamento per una compagnia, un'infermeria e diversi locali didattici in particolare per l'istruzione della condotta di tiro.

Tale raggruppamento permetterà di utilizzare parzialmente, in tempo di pace, il posto sanitario di soccorso quale alloggio per la truppa e, in caso di guerra, di collegare l'infermeria a questo posto.

Costruzione sul perimetro dell'impianto di serbatoi di approvvigionamento Nell'impossibilità di continuare ad usufruire del perimetro comprendente il campo delle baracche Plonserfeld in seguito a rescissione di contratto, il circondario di fortificazioni 32 abbisogna, per il suo personale, di un edificio appropriato comportante locali di preparazione, di trasbordo, di immagazzinamento, e locali per il personale. Per il centro del servizio automobilistico dell'arsenale federale di Mels, occorrerà sistemare dei posti di lavaggio conformi alle disposizioni relative alla protezione delle acque. D'altronde saranno necessari un'autorimessa per le autobotti e una sala di teoria per l'istruzione dei conducenti delle scuole d'artiglieria di fortezza. Tutti questi edifici e relative istallazioni saranno eretti su un terreno di proprietà della Confederazione, attigui all'impianto dei serbatoi di approvvigionamento già menzionati; l'infrastruttura esistente potrà così essere utilizzata al meglio.

53

Centri di prova degli autoveicoli nel perimetro dell'arsenale Questa istallazione di prova, necessaria per sottoporre gli autoveicoli della Confederazione, stazionati nella regione, ai controlli prescritti dalla legge, sarà sistemata in uno stabile isolato che sarà ulteriormente completato da un padiglione di deposito normalizzato.

Trasformazione della caserma Heiligkreuz II complesso Heilikreuz, di proprietà della Confederazione, è stato eretto nel 1942 per alloggiare una compagnia di guardia delle fortificazioni. Tutti gli stabili sono costruiti in muratura e tuttora in ottimo stato. Ospitano diversi servizi di comando, particolarmente quelli di un circondario delle fortificazioni e delle scuole di fortezza.

In seguito alla riorganizzazione del corpo della guardia delle fortificazioni, il comando di una zona di fortificazioni ed un servizio tecnico dell'Ufficio federale del genio e delle fortificazioni saranno trasferiti da Rapperswil a Mels. Gli edifici esistenti dovranno perciò essere adattati alla loro nuova funzione senza tuttavia aumentare di volume, inoltre andranno rafforzate le misure di sicurezza e migliorato il sistema d'isolazione.

Il credito d'impegno richiesto include anche i costi per l'acquisto del terreno e quelli per la viabilità (strade, marciapiedi, condutture e canalizzazioni).

Tenuto conto della situazione finanziaria della Confederazione, la realizzazione dei due progetti supplementari di costruzione è stata provvisoriamente aggiornata; si tratta di un padiglione a uso multiplo per la truppa e di un padiglione per gli autoveicoli destinati all'arsenale.

La spesa suppletiva annua per i nuovi edifici sarà compensata integralmente mediante miglioramenti di gestione. Non sarà necessario aumentare l'effettivo del personale.

Costi: Terreno Lavori preparatori Edifici Attrezzature d'esercizio , Sistemazioni esterne Spese secondarie Approvvigionamento centralizzato Imprevisti Mobilia

Fr.

1 342 000 434 000 16154000 654 000 5 875 000 617 000 466 000 1 418 000 1 840 000

Credito d'impegno

28 800 000

54

12

Opere fortificate per la condotta dell'esercito

121

Consolidamento del terreno (64 860 000 fr.)

Proseguire i lavori di ammodernamento dei consolidamenti del terreno è conforme alle concezioni elaborate per gli appostamenti della zona di frontiera e dei settori difensivi dell'Altipiano. Esse si fondano sulle prospezioni militari e geografiche del terreno e sui principi della concezione generale dei consolidamenti permanenti del terreno. Le misure di consolidamento tendono ad accrescere le probabilità di successo della difesa permettendo di fronteggiare il fuoco del nemico senza troppi danni.

Allo scopo di proteggere gli stati maggiori e la truppa contro gli effetti delle armi moderne sono stati costruiti posti di comando sotterranei e rifugi per il personale. Nuove opere di artiglieria e di fanteria, come anche nuovi sbarramenti anticarro consolideranno la protezione di questi posti e rifugi. I posti di comando e le fortificazioni esistenti, costruiti prima o durante l'ultimo servizio attivo e quindi non più rispondenti alle esigenze attuali, devono essere rifatti o ammodernati. Inoltre, dovranno essere consolidati o sostituiti gli sbarramenti divenuti inefficaci.

Le più importanti fra le opere minate sono trasformate per accrescerne lo stato di preparazione e la sicurezza di funzionamento come anche per ridurne la vulnerabilità. La rete di distruzione è completata con nuove opere minate laddove essa risulta insufficientemente densa.

Per garantire i collegamenti tra i posti di comando, le postazioni delle armi e gli altri appostamenti importanti deve essere istallata una rete di cavi telefonici.

Le opere di protezione e le postazioni d'armi sono sistemate sotto forma di monoblocchi normalizzati di calcestruzzo, oppure sono costruite mediante elementi prefabbricati. Le dimensioni dei locali, gli equipaggiamenti e gli impianti tecnici delle opere, ridotti al minimo necessario, tengono nondimeno conto delle necessità di un soggiorno prolungato nonché delle esigenze della guerra moderna.

Per garantire l'esecuzione di .questi lavori, distribuiti secondo un ordine d'urgenza in funzione delle priorità strategiche e tattiche, occorre un nuovo credito d'impegno di 64 860 000 franchi.

122

Impianti di telecomunicazioni (4 950 000 fr.)

Affinchè il nostro Consiglio e segnatamente gli organi di condotta dell' esercito dispongano, in tempo di guerra, di efficaci e sufficienti impianti di trasmissione, bisogna continuare ad adeguare e a completare la rete delle istallazioni permanenti di telecomunicazione. Il credito di 4 950 000 franchi, che vi chiediamo di stanziare, permetterà di costruire una rete di cavi completante gli impianti di raccordo delle PTT e colmerà così una notevole lacuna nel centro del Paese.

56

123

Opere combinate per il servizio d'allarme, di avvistamento e di segnalazione degli aerei (7 450 000 fr.)

L'organizzazione di allarme e di informazione del servizio territoriale è stata rimaneggiata a decorrere dal 1° gennaio 1983 dal punto di vista dell'impegno, dell'organizzazione e del personale. I compiti sono assunti da un reggimento d'allarme.

Diversi impianti sono sfruttati in comune da formazioni di questo reggimento, di un reggimento d'avvistamento e di segnalazione d'aerei nonché da formazioni del servizio militare delle valanghe. Esse ospitano le attrezzature d'elaborazione delle informazioni e di diffusione delle informazioni d'importanza regionale o di più vasta portata.

Le formazioni del reggimento di avvistamento e di segnalazione osservano e annunciano qualsiasi aereo che voli a bassissima quota sotto la soglia radar, le esplosioni nucleari, le emanazioni radioattive, le condizioni meteorologiche e gli interventi aerotrasportati. I posti di avvistamento sono ripartiti su tutto il territorio svizzero. Le formazioni del servizio militare delle valanghe redigono il bollettino delle valanghe e provvedono alla sua diffusione. Il reggimento d'allarme procede alla ricerca, all'interpretazione e alla diffusione delle informazioni e delle comunicazioni relative alla minaccia aerea, al pericolo di inondazioni, pericoli nucleari, biologici e chimici; inoltre si occupa di informazioni concernenti il servizio territoriale e la meteorologia. Le comunicazioni sono trasmesse alle autorità civili e militari.

I due reggimenti sono attualmente dotati di nuovi mezzi di trasmissione e di elaborazione elettronica dei dati. Queste attrezzature, gestite in comune, sono sistemate in un'opera costruita ormai da 40 anni, con un grado di protezione insufficiente e troppo esigua per ospitare le nuove apparecchiature.

Da studi approfonditi è emerso che il suo ampliamento e consolidamento avrebbe causato spese eccessive; l'opera può comunque venir ancora utilizzata a fini militari.

II progetto prevede un'istallazione combinata, in cui gli uomini e il materiale saranno protetti contro gli effetti delle armi A e C. La truppa disporrà così di locali e di una protezione che le permetterà di adempiere la propria missione in buone condizioni.

Costi: Terreno. .

Lavori preparatori Edifici Attrezzature d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie Imprevisti Mobilia

Fr.

1284000 42 000 3 280 000 2 229 000 45 000 3 000 131 000 436 000

Credito d'impegno

7 450 000 57

124

Consolidamento e adeguamento dell'infrastnittura degli edifici in connessione con l'aereo da combattimento Tiger (33 180000fr.)

Abbiamo già annunciato nel messaggio del 12 novembre 1980 per l'acquisto di aeroplani da combattimento e scuola (FF 1981 I 178) la necessità di prendere le misure seguenti in relazione con la seconda serie degli aerei da combattimento Tiger: - adeguare le attrezzature di rifornimento di carburante e d'approvvigionamento energetico in caverna; - costruire posti di avviamento dei propulsori davanti ai rifugi; - sistemare le reti di fornitura di corrente sulle aree di manutenzione degli aerei in due aerodromi d'addestramento; - preparare l'ossigeno liquido su un aerodromo da guerra per mezzo di un' istallazione di produzione, con area di deposito e di riempimento.

Gli aerei da combattimento Tiger della seconda serie saranno consegnati alla truppa già nella primavera del 1984. Per ragioni militari e di politica di sicurezza abbiamo autorizzato il Dipartimento militare federale ad assumere gli impegni totalizzanti 1 500 000 franchi per approntare le infrastrutture menzionate, necessarie all'impiego degli aerei a partire dagli aerodromi di guerra.

Unitamente all'introduzione della seconda serie dei Tiger, gli aerei da combattimento del tipo Venom saranno sostituiti, su due aerodromi, dagli Hunter. Tale risoluzione esige gli adeguamenti seguenti: - costruzione, su ciascuno di essi, di due rifugi per aerei con le vie di rullaggio e le aree indispensabili; - adeguamento delle istallazioni di fornitura di corrente e degli equipaggiamenti tecnici nei rifugi; - costruzione di un edificio isolato per il deposito di carburante infiammabile; - sistemazione, negli edifici esistenti su ciascun aerodromo, di un potente impianto d'asciugatura per i paracaduti-freno d'atterraggio; - costruzione, su uno dei due aerodromi di guerra, di un'area di compensazione e di decelerazione per la regolazione delle bussole aeronautiche e per l'esecuzione di prove statiche dei propulsori.

Gli aerei Tiger della prima serie hanno già effettuato diverse migliaia di ore di volo. Ciò ha permesso di riunire tutte le esperienze atte a migliorare l'infrastruttura degli edifici. In merito saranno operati gli adeguamenti seguenti per assicurare il servizio di ripristino e di manutenzione: - sistemazione di aree protette per gli avviatori dei propulsori; - preparazione di contenitori di deposito e di piazzuole di riempimento per l'ossigeno liquido; - ampliamento delle aree per il ripristino degli aerei sugli aerodromi di guerra e d'addestramento.

58

Costi: Terreni Lavori preparatori Edifici Impianti d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie Imprevisti Impianti interni

Fr

Credito d'impegno

33 180 000

125

102000 1 417 000 18983000 4 574 000 5 752 000 264 000 1464000 624 000

Rifacimento delle piste e delle vie di rullaggio su aerodromi militari (1 500 000 fr.)

Le prime piste a rivestimento duro degli aerodromi militari sono state sistemate nel corso del servizio attivo e durante il periodo immediatamente successivo. Esse hanno sostituito le piste erbose nel quadro del progressivo ampliamento delle piste. Per mancanza di materiale edilizio il rivestimento di allora era molto sottile. L'invecchiamento e il maggior carico imposto alle piste hanno provocato danni considerevoli ai tratti più vetusti. Questi danni compromettono la sicurezza di volo e causano costi di manutenzione e di riparazione sempre più elevati.

Mediante decreti federali del 26 settembre 1979 (FF 7979 II 947) e del 25 gennaio 1982 (FF 1982 I 181) avete stanziato un credito totale di 3 500 000 franchi per piste e vie di rullaggio sugli aerodromi di guerra. Il credito d'impegno richiesto di 1 500 000 franchi permetterà di procedere al rifacimento di tratti difettosi di piste e di vie di rullaggio.

Costi: Lavori preparatori Sistemazione esterna Imprevisti

Fr.

Credito d'impegno

1 500 000

13 131

40 000 1 400 000 60 000

Opere per la logistica Riattazione e ampliamento delle officine a BuochsEnnetbürgen, la fase (7 100 000 fr.)

L'esercizio di Buochs-Ennetbürgen dell'Ufficio federale degli aerodromi militari occupa, nelle proprie officine, 348 agenti e 64 apprendisti; svolge il ruolo di organo di manutenzione degli aerei da combattimento, dei propulsori, dei razzi guidati dei sistemi elettronici, dei veicoli speciali e del mate59

riale d'infrastruttura. L'esercizio riveste quindi, per il Cantone di Nidvaldo, un'importanza economica rilevante. Vi sono infatti istruiti il maggior numero di apprendisti ed è al secondo posto, nel Cantone medesimo, per quanto concerne l'effettivo del personale.

Agli inizi dell'ultimo servizio attivo è stato costruito un padiglione di montaggio e uno stabile d'esercizio. L'eccezionale evoluzione nel campo del materiale aeronautico, dell'elettronica e dei mezzi di produzione, ha richiesto continui adeguamenti e ampliamenti delle officine. Nel corso degli anni sono stati costruiti alcuni edifici nuovi, diversi altri provvisori nonché degli annessi o sono state eseguite delle trasformazioni.

La struttura dell'esercizio, con le sue numerose officine molto disperse, si è rivelata troppo complessa. Inoltre, l'effettivo del personale è passato da 270 unità, nel 1950, a 400 in seguito all'aumento incessante dei compiti. La mancanza di spazio ha pesato gravemente in molte officine. Inoltre numerose attrezzature dei posti di lavoro non sono più rispondenti alle attuali esigenze.

Studi approfonditi hanno evidenziato che si potrà ovviare a tale situazione così poco soddisfacente solo con una generale riattazione. Il programma si estenderà su diversi anni; infatti, per mantenere in attività l'esercizio delle officine si dovrà procedere per gradi.

Il programma di costruzione della l a fase comprende i seguenti progetti parziali: - nuova costruzione dell'officina di verniciatura dei componenti e per il rivestimento alla pistola di interi aerei; - officine per lavori di natura analoghi quali sabbiatura, trattamenti preventivi, metallizzazione alla pistola e smaltatura; - nuova costruzione di un locale per la prova di usura dei materiali; - ampliamento dell'officina dei razzi guidati per la manutenzione dei razzi guidati Maverick; - ampliamento del banco di prova dei sistemi d'armi di razzi guidati in un vecchio rifugio per aerei; - adeguamento dell'infrastnittura sugli aerodromi da guerra, per la manutenzione dei razzi guidati Maverick.

Costi: Lavori preparatori Edifici Impianti d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie Approvvigionamento centralizzato Imprevisti Mobilia

Fr.

271 000 4611000 1 259 000 270 000 69 000 49 000 339 000 232 000

Credito d'impegno

7 100 000

60

132

Magazzino sotterraneo di munizioni nella Svizzera orientale (15 250 000 fr.)

Quest'opera sarà adibita all'immagazzinamento del munizionamento degli obici blindati, acquistati nel quadro del programma d'armamento 1979.

L'acquisto del terreno richiesto è assicurato. Il volume e la superficie necessari nonché l'attrezzatura e la distribuzione dei locali sono conformi alle prescrizioni tecniche riguardanti l'immagazzinamento delle munizioni; essi devono permettere una manutenzione sicura e rapida. Durante gli studi relativi all'istallazione e alla concezione di quest'opera sotterranea si è tenuto conto dei criteri d'ordine militare, geologico e tecnico come anche della sicurezza esterna e della protezione del paesaggio.

La gestione e la manutenzione del magazzino sono assicurati, in tempo di pace, dall'Intendenza del materiale da guerra. Non sarà necessario aumentare l'effettivo del personale. In caso di mobilitazione di guerra l'istallazione sarà ripresa dalla truppa.

Costi: Terreno Genio civile Impianti tecnici Imprevisti Mobilia

Fr.

.

Credito d'impegno

133

200 000 11470000 1 953 000 1 347 000 280000 15250000

Misure intese a rafforzare la sicurezza nei magazzini sotterranei di munizioni; la fase (2 500 000 fr.)

Il nuovo sistema di deposito delle munizioni su palette richiede anche l'adeguamento alle esigenze di sicurezza di alcuni depositi di munizioni. Alcune trasformazioni nelle gallerie vieteranno, in caso di catastrofe, qualsiasi ripercussione possibile sui magazzini secondari. L'illuminazione dei magazzini, realizzata da oltre trent'anni, è stata contestata dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte, di conseguenza dovrà essere sostituita.

Costi: Demolizione e smontaggio Adeguamento e modifiche Sistemazioni esterne Imprevisti

Fr.

580 000 1 506 000 190 000 224000

Credito d'impegno

2 500 000

61

134

Alimentazione elettrica di soccorso e rifacimento degli impianti elettrici negli esercizi dell'Intendenza del materiale da guerra (2 490 000)

In caso d'interruzione di corrente, dovrà essere assicurata la disponibilità di 44 impianti di produzione e di manutenzione dell'infrastruttura di pace facendo ricorso a un'alimentazione elettrica di soccorso. Nel contempo si dovranno adattare, alle attuali prescrizioni sulla sicurezza, gli impianti elettrici degli esercizi.

Costi: Stabili Imprevisti Credito d'impegno

135

·

Fr.

2 355 150 134850 2 490 000

Costruzione di un deposito di carburante (2 950 000 fr.)

Congiuntamente alla realizzazione della concezione del sostegno 77 si dovranno costruire depositi decentrati sotterranei per carburanti e lubrificanti.

La truppa sarà così rifornita nella maniera più favorevole possibile. Nel quadro del messaggio concernente le costruzioni del 1982 avete autorizzato la costruzione di un primo deposito nella Svizzera orientale.

Il trasferimento di carburante è effettuato mediante autobotti mentre la consegna della benzina alla truppa è fatta in bidoni (taniche) i quali sono riempiti per mezzo di pompe mobili. Le rispettive ubicazioni della strada di accesso e dell'area di deposito permettono di utilizzare quest'ultima come rampa di carico dei bidoni, costituendo essa un mezzo di trasbordo razionale.

Il programma comprende la costruzione di piazzuole per il deposito di carburanti, lubrificanti, prodotti di manutenzione, nonché attrezzi necessari per l'esecuzione dei lavori d'esercizio e di manutenzione. Tutti i posti di travaso di carburante, i serbatoi e le superfici per l'immagazzinamento saranno conformi alle disposizioni relative alla protezione delle acque.

Il terreno necessario alle istallazioni è assicurato da contratto.

Le PTT sono interessate al progetto in ragione del 50 per cento. Come contropartita possono disporre della metà del carburante depositato, essendo inteso che in caso di bisogno tale quantità potrà essere loro fornita da qualsiasi deposito del Commissariato centrale di guerra.

L'esercizio del nuovo deposito di carburanti è affidato al Commissariato centrale di guerra.

62

Costi: Lavori preparatori Edifici Impianti d'esercizio Lavori del genio Imprevisti Impianti interni

Fr.

. . . .

2 5 000 555000 2 460 000 2 477 000 293000 90 000

Totale delle spese Partecipazione PTT

5 900 000 2 950 000

Credito d'impegno

2 950 000

136

Sspostamento delle condotte di carburante su un aerodromo militare (2 300 000 fr.)

L'Ispettorato federale degli oleodotti ha contestato le condotte di carburanti che uniscono, su una distanza di circa due chilometri, l'area di travaso ferroviaria e l'impianto dei serbatoi. Inoltre, il comune interessato si propone di realizzare, nel corso dei prossimi anni, diversi progetti di costruzione in questa regione che richiede anche tale spostamento. La condotta dovrà pertanto essere ripristinata attraverso una zona non edificabile che costeggia la pista dell'aeroporto.

Contemporaneamente saranno soppressi 21 pozzi di svuotamento e d'aerazione che comportavano lunghi lavori di revisione e di manutenzione.

Costi: Terreno Lavori preparatori Edifici Impianti d'esercizio Sistemazione esterna Spese secondarie Imprevisti Credito d'impegno 137

'

Fr.

21 000 95 000 50000 1 390 000 590 000 16 000 138000 2 300 000

Parco centralizzato per il materiale di fortificazioni a Bitten (44 900 000 fr.)

La fornitura di materiale tecnico di fortificazione, di elementi edilizi e materiale di istallazione, come anche di apparecchi, mobilia e impianti di opere fortificate e altre costruzioni e istallazioni di consolidamento del terreno è assicurata da un'organizzazione di approvvigionamento gestita dall'Ufficio federale del genio e delle fortificazioni. Creata verso la metà degli anni quaranta, questa organizzazione era composta, fino a non molto tempo fa, di 63

un esercizio di base a Tnterlaken, di parchi decentralizzati di materiale delle fortificazioni a Saint-Maurice, Sächseln, Andermatt e Mels, come anche di un posto di approvvigionamento di elementi di costruzione a Birrfeld. Per il deposito del materiale, per la sistemazione delle officine e degli uffici questa gestione disponeva generalmente di padiglioni di deposito semplici, di baracche o di altre costruzioni provvisorie analoghe allestite nel corso degli anni trenta o quaranta.

Benché le condizioni d'esercizio e di deposito siano state continuamente migliorate, i locali e le attrezzature non rispondono appieno al volume crescente del materiale, non solo, ma neppure permettono di gestirlo o di ripristinarlo in maniera razionale.

Siccome non è stato possibile prorogare il diritto di superficie, che scadeva a Mels nel 1980, e siccome il contratto di locazione concernente Birrfeld è stato rescisso dalle FFS mentre i terreni a Saint-Maurice ed Andermatt sono stati resi liberi per altre destinazioni, queste quattro gestioni di approvvigionamento sono state soppresse nel corso degli ultimi anni. Per meglio assicurare gli approvvigionamenti e gli sgomberi e per fare un miglior uso del personale e dei mezzi di gestione, le riserve sono state raggruppate nel parco del materiale di fortificazioni di Sächseln. Si trattava sin dall' inizio di una soluzione transitoria. Il deposito di materiale a Sächseln e dintorni ha richiesto la sistemazione di magazzini provvisori supplementari e, in parte, la locazione di locali privati. Il materiale deve, sovente, essere depositato in condizioni poco soddisfacenti o in locali inappropriati.

Onde porre fine a tale situazione inaccettabile e assicurare così una gestione moderna del materiale, si dovrà costruire un nuovo parco di materiale centralizzato. Il programma comprende: - uno stabile amministrativo con uffici, un magazzino per il servizio antincendio, un'autorimessa per i veicoli, due alloggi di servizio; - a pianterreno le officine per la manutenzione e la riparazione dei materiali di ogni genere depositati; nell'interrato, un rifugio per 50 persone, una caldaia per il riscaldamento centrale, un locale per i trasformatori, un locale per il serbatoio della nafta e un carbonile; - un deposito a scaffalatura di 22,5 m di altezza per l'immagazzinamento mediante palette, un deposito a scaffalatura di 13 m di altezza per l'immagazzinamento di piccoli pezzi, deposito intermedio, spedizione e un magazzino per gli effetti letterecci; - padiglione intermedio e padiglione per il deposito di superficie o mediante accostamento con via ferrata per il carico; magazzino con via ferrata di carico, posti parcheggio.

Questo progetto ha il vantaggio principale di permettere il deposito centralizzato dei materiali di stoccaggio, basato su criteri industriali di gestione e con metodi moderni di immagazzinamento, il miglioramento del flusso del materiale e dei procedimenti di lavoro, l'utilizzazione più idonea dei mezzi e delle attrezzature d'esercizio, la diminuzione delle spese di personale in ragione di un'assegnazione più razionale degli impiegati, nonché economie realizzate sugli investimenti infrastrutturali, in una regione di fortificazioni.

64

5

Foglio federale 1983, Vol. Il

65

Il progetto mette nel contempo a disposizione del Commissariato centrale di guerra le superfici di deposito che gli sono necessarie. Il sito è stato scelto in base al rapporto finale del gruppo di lavoro KOBERIO (gruppo di coordinamento per il mantenimento degli impieghi nelle aziende militari in regione montana). Il Cantone di Glarona è stato consultato al momento della scelta dell'area menzionata.

Il trasferimento del vecchio esercizio di base di Interlaken permetterà di fornire alla regione di fortificazioni 12, appena costituita, gli edifici di cui abbisogna. L'esercizio esistente a Sächseln sarà mantenuto in misura limitata per la gestione di un settore di materiale e anche per salvaguadare cinque impieghi.

Costi

Fr.

Terreno Lavori preparatori Edifici Impianti d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie Approvvigionamento centralizzato Imprevisti Mobilia

4 733 000 7 648 000 19 330 000 1 508 000 5 870 000 653 000 1 015 000 2 333 000 1810000

Credito d'impegno

44 900 000

14

Ufficio federale della tecnica d'armamento

141

Ingrandimento dell'impianto di prove d'urto e estensione dell'impianto di studio degli impulsi elettromagnetici (IEMN) a Lattigen (4 950 000 fr.)

Con il decreto federale del 17 giugno 1974 (FF 1974 II 174) avete stanziato un credito d'impegno di 74 200 000 franchi per la costruzione del nuovo laboratorio AC e di un centro d'istruzione per la difesa contro le armi atomiche e chimiche a Spiez (centro AC). L'impianto di prova già esistente venne mantenuto.

Oltre a svolgere attività di ricerca nel campo degli effetti meccanici ed elettromagnetici delle armi nucleari, questo impianto serve principalmente a saggiare elementi della protezione collettiva AC dell'esercito e della protezione civile. La sua importanza è quindi preponderante per la difesa generale. Dovendo servire all'organo di controllo delle attrezzature collettive della protezione AC, fabbricate per la maggior parte da aziende private, l'impianto deve essere adattato alla tecnica moderna e alle massime esigenze in materia.

Il programma comprende le opere seguenti: 66

Ingrandimento dell'impianto di prove d'urto La sistemazione di una macchina di prove d'urto di 12 tonnellate permetterà di saggiare gli urti verticali nei due sensi. Ciò non ha ancora potuto essere simulato in Svizzera. L'impianto verticale progettato sarà integrato all'attrezzatura orizzontale esistente. Un elevatore mobile sarà sistemato per i due impianti. Un padiglione non riscaldato sarà costruito per proteggere l'impianto dalle intemperie.

Padiglione delle antenne IEMN L'impianto di Lattigen è, per la difesa generale, lo strumento dell'organo tecnico e di controllo nel campo degli impulsi elettromagnetici. Il suo compito consiste essenzialmente nel preparare simulatori che servono a saggiare opere IEMN protette. A questo scopo si fa uso sia di apparecchi fissi, per controllare oggetti mobili, sia di attrezzature mobili, per saggiare impianti fissi.

L'impianto delle antenne è composto di una stazione di generatori e di una piazzuola cementata.

Costruzione per il simulatore mobile di urti elettromagnetici MEMPS I crediti del programma di ricerca, di sviluppo e di prova per il 1983 devono servire, come previsto, ad acquistare un simultatore mobile IEMN in vista di saggiare grandi oggetti (come carri armati o aerei) e attrezzature industriali. Un'ubicazione fissa è necessaria a questo scopo a Lattigen. Le misure edilizie seguenti saranno prese: - sistemazione di due piattaforme di prova di 200 m2 di superficie ciascuna, con accesso per i veicoli a ruote o a cingoli; - costruzione di un rifugio di 18 m2 come luogo di lavoro della squadra di misurazione; - sistemazione di una superficie per il collocamento della cabina mobile di misurazione, spostamento di zoccoli di base delle antenne e impianti per la corrente elettrica, l'acqua, l'aria compressa e il telefono.

Trasformazione di un edificio di laboratori e di uffici Questa trasformazione permetterà di procedere, in una unità di esercizio, ai collaudi dei modelli per l'Ufficio federale della protezione civile.

Risistemazione dei parcheggi e rifacimento della cinta La cinta a est dell'impianto di Lattigen sarà adattata alle disposizioni sulla sicurezza. Il numero delle porte sarà ridotto da 6 a 4. In seguito a ciò il parcheggio si troverà all'esterno del recinto.

Trasferimento di un deposito di materiale di base e sistemazione di un parcheggio per il Polverificio di Wimmis Onde permettere il montaggio dell'antenna esterna e del simulatore IEMN occorre trasferire un deposito di materiale di base nel perimetro del Polve-

67

rificio di Wimmis. Bisognerà ricorrere a questo scopo a due parcheggi vicini al raccordo con la ferrovia. Saranno ricoperti da un tetto sommario. Si può così sistemare il parcheggio di sostituzione all'esterno del perimetro. Ciò è necessario per ragioni di sicurezza.

Costi: Terreno Lavori preparatori Edifici Attrezzature d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie Rifornimento centralizzato Imprevisti Arredamento

Fr.

Credito d'impegno

4 950 000

15

38 000 344 700 1 925 300 1 328 000 877 300 31700 55 000 250000 100000

Protezione delle acque (9 450 000 fr.)

Onde proseguire l'adattamento di opere e impianti delle aziende militari alle disposizioni della legge federale dell'8 ottobre 1971 sulla protezione delle acque dall'inquinamento, è necessario disporre di un credito quadro per prendere, a breve scadenza, misure intese a proteggere le acque dall'inquinamento, come pure di due crediti d'opera, l'uno per la depurazione delle acque luride della piazza d'armi di Bure e l'altro concernente gli edifici e gli impianti militari che si trovano presso il passo del San Gottardo.

Credito quadro per la protezione delle acque Nel corso degli ultimi anni, avete stanziato parecchi crediti che hanno permesso di prendere disposizioni atte a proteggere le acque in numerose aziende e di stabilire allacciamenti con la rete delle stazioni comunali o regionali di depurazione delle acque luride. L'ultimo credito di 10 milioni di franchi è stato stanziato con il decreto federale del 17 dicembre 1980 (FF 1980 III 1466).

Secondo la zona di collocamento, l'età, lo stato e la capacità dei serbatoi di combustibili e di carburanti, così come secondo il grado di sicurezza raggiunto, il Dipartimento federale dell'interno e i Cantoni ordinano l'esecuzione, di misure di sistemazione a breve scadenza. Quando si tratta di cisterne di nafta, di serbatoi di carburanti per le generatrici di soccorso e gli impianti d'esercizio, bisogna eseguire i lavori di adattamento e sistemare le attrezzature di sicurezza contemporaneamente alla prossima revisione delle cisterne fissata legalmente. Le cisterne e le condutture fessurate devono essere sostituite o messe fuori servizio entro breve tempo.

Bisogna anche disporre di un credito quadro di sette milioni di franchi per proseguire i lavori urgenti, volti ad assicurare la protezione delle acque, se-

68

gnatamente delle acque domestiche luride e degli impianti di combustibili e di carburanti. 11 Dipartimento militare federale è competente per conferire la facoltà di attingere al credito secondo il grado d'urgenza o l'importanza del progetto.

Depurazione delle acque luride che provengono dai posti di lavaggio dei carri della piazza d'armi di Bure La Confederazione ha fatto costruire all'epoca grandi bacini separatori degli olii destinati a depurare le acque luride provenienti dai posti di lavaggio dei carri e dal servizio di parco. Dopo la messa in esercizio di questi posti di lavaggio ci si è resi conto che le impurità che arrivavano nei separatori degli olii restavano in sospensione nell'acqua sotto forma di sostanze fini, cosicché erano trattenute solo in debole misura. In seguito a ciò grandi quantità di fanghi argillosi e idrocarburati arrivano negli affluenti dell'Allaine. Onde rispettare i valori limite prescritti occorre dunque pretrattare le acque luride in un impianto di flocculazione.

L'impianto sarà sistemato nel perimetro dell'attuale stazione d'epurazione.

Il suo esercizio e la sua manutenzione non domandano personale supplementare.

Rifacimento delle canalizzazioni delle opere e impianti militari sul passo del Gottardo' L'adattamento tecnico degli scoli delle opere e impianti militari sul passo del Gottardo deve essere realizzato, per ragioni d'economia, con le opere della Fondazione del San Gottardo e della società Aar-Ticino SA per l'elettricità.

Condizioni secondarie legate alla topografia, al clima e alla circolazione permettono soltanto tappe limitate di realizzazione. Occorre in particolare sistemare gli scarichi nei piccoli laghi senza defluente.

Costi: Credito quadro per le misure di protezione delle acque . . .

Pretrattamento delle acque luride a Bure Rifacimento delle canalizzazioni sul passo del Gottardo . .

Fr.

7 000 000 1 450 000 1 000 000

Credito d'impegno

9 450 000

2

Acquisti di terreno

21

Piazze d'armi e poligoni di tiro (10 000 000 fr.)

Nel corso degli ultimi anni sono stati concessi diversi crediti per permettere l'acquisto di aree destinate alla creazione di nuove piazze d'armi, poligoni di tiro o l'estensione di quelle già esistenti. L'ultimo credito è stato stanziato con decreto federale del 29 novembre 1982; esso ammontava a 5 milioni di franchi. Questi crediti hanno permesso di acquistare il terreno necessario

69

per l'addestramento sulle piazze d'armi di Sion, Liestal (poligono di tiro Seltisberg), Bremgarten, Bière, Airolo, Rothenthurm, Walenstadt, Frauenfeld e Bernhardszell.

Malgrado le serie difficoltà incontrate nell'acquisto dei terreni è necessario proseguire la creazione di nuove zone di addestramento. Devono in particolare essere predisposti poligoni di tiro per l'addestramento con razzi anticarro guidati Dragon come anche per la difesa anticarro in generale, conformemente al rapporto del 10 settembre 1976 sulla situazione e la pianificazione nell'ambito delle piazze d'armi, dei poligoni di tiro e di esercitazione.

Siccome, sovente, gli acquisti di terreno possono essere effettuati soltanto in breve termine di tempo, è necessario che i crediti richiesti siano preventivamente disponibili. È in questo modo che sarà possibile creare tempestivamente e vantaggiosamente zone supplementari per l'addestramento della truppa.

Alfine di condurre in porto qualche progetto, particolarmente Rothenthurm, Airolo e Bernhardszell, è necessario disporre di un nuovo credito d'impegno di 10 milioni di franchi. Occorrerà peraltro assicurare anche l'uso dei nuovi poligoni di tiro situati principalmente nella regione alpina. I progetti sono inseriti nel testo «basi, concezioni, piani settoriali e progetti della Confederazione», del dicembre 1980, pubblicato giusta l'articolo 13 della legge federale del 22 giugno 1979 sulla pianificazione del territorio (RS 700).

22

Sgombero delle zone d'avvicinamento e di involo su diversi aerodromi militari (3 000 000 fr.)

Per motivi di sicurezza, le zone di avvicinamento e di involo degli aerodromi militari devono rimanere sgombere da qualsiasi ostacolo di qualsivoglia natura. Lo stesso acquisto di terreni situato sui corridoi di avvicinamento, ed in certi casi, l'acquisto di diritti reali quali il divieto di costruzione o la limitazione di questo diritto hanno permesso, negli ultimi anni, di impedire la realizzazione di costruzioni vicine alle zone di avvicinamento e di involo dei diversi aerodromi. Gli accordi di natura giuridica sono stati stipulati già da anni, tenuto conto dell'ordine di urgenza e delle possibilità offerte.

Decreti federali precedenti hanno concesso i crediti necessari a questo scopo.

Per proseguire in tal senso è indispensabile un nuovo credito d'impegno di 3 milioni di franchi.

Costi: Svizzera orientale Vallese Istallazioni

Fr.

1 500 000 1 000 000 500 000

Credito d'impegno

3 000 000

70

23

Acquisto di aree per le necessità dell'Intendenza del materiale da guerra (8 700 000 fr.)

L'acquisto di aree per la realizzazione dei progetti di costruzione a medio e lungo termine incontra sempre maggiori difficoltà. È necessario quindi iniziare rapidamente le trattative indispensabili. Questo obiettivo non può tuttavia essere raggiunto che agendo rapidamente ogni qualvolta si presenti una possibilità di acquisto. È per questo motivo quindi che spesso gli acquisti di aree non possono essere proposti nello stesso messaggio che vi sottopone il progetto di costruzione.

Con il programma d'armamento 1979 avete autorizzato l'acquisto di obici blindati. Per la loro sistemazione si devono costruire depositi supplementari nei settori dei corpi d'armata di campagna 2 e 4. Questi progetti saranno oggetto di uno dei nostri prossimi messaggi sulle costruzioni. I crediti d'impegno necessari ammontano a 6 milioni di franchi.

Per immagazzinare i materiali militari, l'Intendenza del materiale da guerra ha preso in affitto due padiglioni a Schinznach. I proprietari si propongono di vendere sia il terreno sia i padiglioni. L'Intendenza del materiale da guerra ha dunque la possibilità di acquistare il fondo e i tre padiglioni di deposito. Il costo è di 1 700 000 franchi.

Per migliorare gli accessi e le aree di stazionamento dei diversi esercizi, si dovrà acquistare del terreno e affinchè sia possibile trattare con successo è opportuno che i crediti necessari (nel caso specifico fra 100 000 e 200 000 franchi) siano disponibili a breve termine. Un credito di programma di un milione di franchi dovrà essere stanziato per finanziare tali acquisti di terreno.

Costi: Deposito decentralizzato nei settori dei corpi d'armata di campagna 2e4 Beni fondiari a Schinznach con 3 padiglioni di deposito . .

Credito di programma

Fr.

Credito d'impegno

8 700 000

24

6 000 000 1 700 000 1 000 000

Acquisto di terreno per le opere di comando e gestione del corpo delle guardie delle fortificazioni (5 800 000 f r.)

Il nostro Consiglio, con ordinanza del 29 ottobre 1980 sulla revisione 1980 dell'organizzazione delle truppe, ha deciso di riorganizzare il corpo delle guardie delle fortificazioni. L'effettivo e la dislocazione di questo corpo necessitano la creazione di nuove istallazioni o l'ammodernamento di quelle esistenti. Il credito richiesto di 5 800 000 franchi consentirà l'acquisto di terreni e immobili come segue: 71

Fr.

Credito d'impegno

5 850 000

650 000 300000

1 000 000

1 400 000 1 500 000 1 000 000

3

Domande di crediti aggiuntivi

31

Decreto federale del 27 settembre 1977 concernente opere militari e acquisti di terreno (FF 1977 III 21l)

311

Polverificio militare di Wimmis, adeguamento dei serbatoi alla protezione delle acque Spese supplementari dovute al rincaro (1 300 000 fr.)

Il 27 settembre 1977 avete stanziato un credito di 8 640 000 franchi, destinato ad opere di protezione delle acque nell'impianto dei serbatoi del Polverificio militare di Wimmis. I lavori termineranno durante il secondo semestre dell'anno.

Difficoltà sopravvenute durante i lavori, attrezzature supplementari applicate agli edifici e agli apparecchi, così come modifiche rese necessarie da ragioni tecniche sono state la causa di spese supplementari imprevedibili.

La somma riservata agli imprevisti è stata utilizzata in gran parte per coprire queste spese. La valutazione delle spese è stata basata sull'indice dei prezzi del 1° aprile 1976 che era allora di 97,2 punti (1977 = 100). Questo indice era passato, il 1° aprile 1982, a 135,6 punti. L'indice medio del rincaro, osservato durante il periodo dei lavori, raggiungeva il 19,4 per cento, ovvero 1 676 780 franchi.

72

Un credito aggiuntivo di 1 300 000 franchi sarà sufficiente per terminare i lavori. Il credito d'impegno iniziale di 8 640 000 franchi sarà dunque aumentato di 1 300 000 franchi e passerà a 9 940 000 franchi.

312

Accantonamenti in montagna Spese supplementari dovute al rincaro (850 000 fr.)

Con lo stesso decreto del 27 settembre 1977 avete stanziato un credito d'impegno di 6 600 000 franchi per la costruzione di quattro altri accantonamenti, così come per la sistemazione di un accantonamento esistente. Tranne la costruzione di un'opera che ha dovuto essere rimandata durante più di 3 anni per via delle difficoltà incontrate nell'acquisto del terreno, i lavori sono terminati. I crediti parziali stanziati a questo scopo sono esauriti. Un credito parziale di 3 275 000 franchi è ancora disponibile per la costruzione dell'ultimo accantonamento. La sua realizzazione, intrapresa nella primavera del 1981, è progredita bene, cosicché la truppa potrà verosimilmente prenderne possesso alla fine del 1983.

La valutazione delle spese è stata basata all'epoca sull'indice dei prezzi del 1° aprile 1976, che era allora di 97,2 punti (1977=100). Questo indice era passato, il 1° aprile 1982, a 135,6 punti. L'indice medio del rincaro raggiungeva il 38 per cento.

La somma riservata agli imprevisti, iscritta nel preventivo, è stata utilizzata in gran parte per coprire le spese derivanti da difficoltà sopravvenute durante i lavori, segnatamente quelli effettuati nella roccia, come pure per permettere sgomberi supplementari di neve. Grazie a condizioni favorevoli di appalto solo un credito aggiuntivo di 850 000 franchi risulta ora necessario per compensare il rincaro. Il credito d'impegno di 6 600 000 franchi sarà dunque aumentato di 850 000 franchi e passerà a 7 450 000 franchi.

32

Decreto federale del 19 settembre 1978 concernente opere militari e acquisti di terreno (FF 1978 II 893)

321

Munizionificio di Altdorf, stabilimento, esercizi ausiliari e padiglione di deposito Spese supplementari dovute al rincaro (1 000 000 fr.)

Il decreto summenzionato ha stanziato un credito d'impegno di 9 300 000 franchi per la costruzione dello stabilimento degli esercizi ausiliari e di un padiglione di deposito destinati al munizionificio di Altdorf. È stato necessario aspettare il luglio 1980 per mettere in cantiere i lavori. La costruzione ha potuto essere messa in esercizio nell'agosto 1982. Le sistemazioni esterne saranno terminate nell'autunno 1983.

La valutazione delle spese venne basata all'epoca sull'indice dei prezzi del 73

1° aprile 1977. Il rincaro è fortemente aumentato in seguito: è stato in media del 35 per cento. Le spese supplementari dovute al rincaro hanno potuto essere coperte soltanto parzialmente dalla somma riservata agli imprevisti.

Tenuto conto delle valutazioni dell'organo tecnico bisogna aspettarsi che le spese supplementari dovute al rincaro ammontino a 1 milione di franchi entro la fine dei lavori; per tale somma è domandato un credito aggiuntivo.

Il credito d'impegno iniziale, di 9 300 000 franchi, sarà dunque aumentato di 1 000 000 di franchi e passerà a 10 300 000 franchi.

322

Opera sotterranea per la fabbricazione e il deposito di prodotti farmaceutici Spese supplementari dovute al rincaro (11940000fr.)

Con lo stesso decreto del 19 settembre 1978 avete stanziato un credito d'impegno di 29 160 000 franchi per la costruzione di un'opera sotterranea per la fabbricazione e il deposito di prodotti farmaceutici. L'opera servirà ad assicurare la fornitura dei medicamenti richiesti dalla popolazione e l'armata dopo la cessazione della produzione nell'industria farmaceutica. È attualmente in costruzione e sarà terminata verosimilmente verso la fine del 1983.

La trasformazione dell'opera comporta spese supplementari importanti, segnatamente a livello dei lavori del genio civile. Il materiale previsto all'origine per ricoprire le pareti della galleria si è rivelato inadatto ed è stato necessario sostituirlo con un prodotto notevolmente più costoso. Dedotta la somma di 2 165 000 franchi iscritti per gli imprevisti, la spesa supplementare è stata di 2 440 000 franchi. Risultò inoltre necessario adattare alle conoscenze attuali la protezione contro gli impulsi elettromagnetici. Le spese supplementari sono di 1 080 000 franchi.

La valutazione delle spese è fondata sull'indice dei prezzi del 1° aprile 1977 che era allora di 100,0 punti. Il 1° aprile 1982 l'indice si inscriveva a 135,6 punti. Ciò corrisponde a un rincaro medio del 32,6 per cento, ovvero a 9510 000 franchi. Su questa somma, 8 420 000 franchi sono necessari per terminare i lavori.

Il credito aggiuntivo necessario si compone come segue: Difficoltà incontrate nel corso dei lavori ./. somma per gli «Imprevisti»

Fr.

4 605 000 2 165 000 2 440 000

Adattamento della protezione IEMN Compensazione del rincaro Totale del credito aggiuntivo

1 080 000 8 420 000 11 940 000

II credito d'impegno iniziale di 29 160 000 franchi passa così a 41 100 000 franchi.

74

323

Arsenale federale di Bulle, ingrandimento e risanamento Spese supplementari dovute al rincaro (2 000 000 fr.)

Avete stanziato, pure il 19 settembre 1978, un credito d'opera di 16 600 000 franchi per l'ingrandimento e il risanamento dell'Arsenale federale di Bulle.

1 lavori giungono a termine. La valutazione delle spese si basava sull'indice del costo della costruzione del 1° aprile 1977. Tra l'avvio dei lavori e la fine prevedibile delle costruzioni l'indice medio del rincaro corrisponderà al 25,7 per cento in cifra tonda, ovvero a 4 130 000 franchi. La somma di 736 000 franchi riservata agli imprevisti è stata utilizzata, in maggior parte, per coprire spese derivanti da difficoltà sopravvenute durante i lavori, così come da misure di sicurezza; il saldo è stato destinato alla compensazione d'una parte del rincaro.

Secondo le valutazioni dell'organo tecnico un credito aggiuntivo di 2 milioni di franchi sarà sufficiente per compensare il resto del rincaro. Il credito d'impegno iniziale di 16 600 000 franchi sarà dunque aumentato di 2 000 000 di franchi e passerà a 18 600 000 franchi.

324

Arsenale di Mels, ingrandimento e risanamento Spese supplementari dovute al rincaro (2 500 000 fr.)

Un credito d'impegno di 16480000 franchi è stato inoltre stanziato il 19 settembre 1978 per permettere l'ingrandimento e il risanamento dell'arsenale di Mels. Gli ingrandimenti sono costruiti e i lavori di risanamento sono in corso, cosicché saranno terminati per la fine del 1983. La valutazione delle spese si basava sull'indice edilizio del 1° aprile 1977. L'indice medio del rincaro osservato dall'inizio dei lavori fino al loro compimento prevedibile è del 31,4 per cento. La somma di 818 000 franchi riservata agli imprevisti è stata utilizzata per difficoltà dovute alle intemperie e per coprire spese risultanti da leggere modificazioni del progetto.

L'organo tecnico ha calcolato che un credito aggiuntivo di 2 500 000 franchi era sufficiente per compensare il rincaro. Il credito d'impegno iniziale, di 16 480 000 franchi, sarà dunque aumentato di 2 500 000 franchi e passerà a 18 980 000 franchi.

325

Spostamento di un impianto di serbatoi di carburanti nella regione di Berna Spese supplementari dovute al rincaro (1 400 000)

Lo stesso decreto ha stanziato un credito d'impegno di 17 800 000 franchi per lo spostamento a Münchenbuchsee di un impianto di serbatoi di carburante. I lavori saranno terminati alla fine del 1983. La valutazione delle 75

spese è stata basata sull'indice dei prezzi al 1° aprile 1977, fissato allora a 100 punti. Il rincaro della costruzione ha raggiunto 135,6 punti il 1° aprile 1982. Ciò corrisponde a un aumento medio del 28,6 per cento. La somma riservata agli imprevisti è stata messa a profitto in ragione di 365 000 franchi per coprire le spese supplementari dovute alle difficoltà incontrate durante i lavori, al miglioramento della protezione termica e alla sicurezza dell'impianto. In seguito all'utilizzazione del saldo relativo per compensare in parte il rincaro e grazie a economie realizzate al momento dell'appalto solo un credito aggiuntivo di 1 400 000 franchi è necessario per terminare i lavori della costruzione.

Il credito d'impegno iniziale di 17 800 000 franchi sarà dunque aumentato di 1 400 000 franchi e passerà a 19 200 000 franchi.

33

Decreto federale del 26 settembre 1979 concernente opere militari e acquisti di terreno (FF 1979 II 947)

331

Munizionificio di Altdorf, nuova officina di trattamento delle superfici Spese supplementari dovute al rincaro (700 000 fr.)

11 decreto federale menzionato ha stanziato un credito d'impegno di 10900000 franchi per la costruzione di una nuova officina di trattamento delle superfici nel munizionificio di Altdorf. I lavori di costruzione dell' opera sono terminati nel 1982; sarà messa in esercizio nel 1983. La somma di 513 300 franchi, riservata agli imprevisti, è stata utilizzata principalmente per coprire le spese derivanti da difficoltà sopravvenute durante i lavori, dal calafataggio speciale della falda freatica, da strutture supplementari di fondazione richieste dalla cattiva qualità del terreno, come pure per il bacino della stazione di depurazione delle acque luride.

Il progetto è basato sull'indice edilizio del 1° aprile 1978 che era di 103,1 punti. Il rincaro sopravvenuto è del 26,9 per cento in media.

Un credito aggiuntivo di 700 000 franchi è quindi necessario per coprire le spese supplementari relative. Il credito accordato inizialmente di 10 900 000 franchi sarà dunque aumentato di 700 000 franchi è passerà a l i 600 000 franchi.

332

Rafforzamento del terreno Aggiunte al progetto e spese supplementari dovute al rincaro (3 400 000 fr.)

Avete stanziato, il 26 settembre 1979, un credito d'opera di 72 390 000 franchi per il rafforzamento del terreno. Una parte di questo credito e precisamente 13 milioni di franchi era destinata alla costruzione di un'opera 76

progettata. Tra la progettazione e l'inizio dei lavori abbiamo ricavato nuovi insegnamenti che hanno richiesto, in aggiunta al progetto, misure complementari proprie a rafforzare la protezione dell'opera e delle sue attrezzature destinate alla lotta contro gli effetti delle armi nucleari; queste misure sono costate 1 900 000 franchi. Siccome, per sopraggiunta, l'idea di questo impianto speciale è stata applicata per la prima volta, difficoltà sono inevitabilmente sopravvenute durante i lavori; le spese che ne sono risultate sono state messe a carico della voce imprevisti.

La valutazione delle spese è stata basata sull'indice edilizio del 1° aprile 1979 che era allora di 106,6 punti (1977 = 100).

Il 1° aprile 1982 questo indice aveva raggiunto 135,6 punti. Ciò corrisponde a un rincaro del 27,2 per cento. Le spese supplementari giustificate dovute al rincaro ammontano a 1500 000 franchi. Un credito aggiuntivo di 3 400 000 franchi è quindi necessario per coprire le spese dovute alle aggiunte al progetto e al rincaro. Il credito d'opera iniziale, di 72 390 000 franchi passerà dunque .a 75 790 000 franchi.

In vista dell'esercitazione di difesa generale prevista per il 1984 abbiamo autorizzato il Dipartimento federale dell'interno a proseguire i lavori e a prendere gli impegni necessari a questo scopo fino a raggiungere 1 300 000 franchi.

333

Rifacimento di accantonamenti in montagna Spese supplementari dovute al rincaro (1 255 000 fr.)

Lo stesso decreto federale ha stanziato un credito d'impegno di 6 950 000 franchi per la costruzione di due accantonamenti in montagna. Una nuova ubicazione ha dovuto essere cercata per una di queste opere, a causa dell'opposizione manifestata dal comune interessato. I lavori sono quindi potuti cominciare soltanto nel 1981. Condizioni atmosferiche deplorevoli e forti infiltrazioni d'acqua nel cantiere hanno pure ritardato l'avvio dei lavori concernenti l'altra opera. I due accantonamenti saranno senza dubbio terminati nell'autunno 1983.

La valutazione delle spese è stata basata all'epoca sull'indice edilizio del 1° aprile 1978, fissato a 103,1 punti (1977 = 100). Dal 1978 il rincaro medio della costruzione ha raggiunto il 29,6 per cento. La somma di 89 000 franchi, riservata agli imprevisti, non è stata utilizzata e può servire a coprire in parte le spese supplementari dovute al rincaro. Grazie ad appalti favorevoli è necessario, per terminare i lavori, soltanto un credito aggiuntivo corrispondente a una parte del rincaro calcolato.

Quindi il credito aggiuntivo domandato ammonta a 1 255 000 franchi. Il credito d'impegno stanziato inizialmente passerà dunque da 6 950 000 franchi a 8 205 000 franchi.

77

334

Fabbrica d'armi di Berna, nuovo edificio di fabbricazione e di montaggio Spese supplementari dovute al rincaro (1 400 000 fr.)

Un credito d'impegno di 16 100 000 franchi è stato stanziato il 26 settembre 1979 per la costruzione di un nuovo edificio di fabbricazione e di montaggio nella fabbrica d'armi di Berna. I lavori sono terminati nell'autunno 1982.

La valutazione delle spese del progetto era basata sull'indice edilizio del 1° aprile 1979, che era di 106,6 punti. L'indice ha raggiunto 135,6 punti il 1° aprile 1982. Ciò corrisponde a un rincaro medio del 19,5 per cento.

Il credito aggiuntivo necessario è di 1 400 000 franchi. Il credito d'impegno di 16 100 000 franchi, inizialmente stanziato, passerà dunque a 17 500 000 franchi.

335

Piazza d'anni d'Aarau, edificio ad uso multiplo sulla piazza di tiro di Gehren Spese supplementari dovute al rincaro (225 000 fr.)

Il decreto federale del 26 settembre 1979 ha stanziato un credito complessivo di 830 000 franchi per la costruzione di un edificio ad uso multiplo sulla piazza di tiro di Gehren. L'edificio è terminato e ha potuto essere messo in esercizio per la fine del 1982. La valutazione delle spese si basava sull'indice edilizio del 1° aprile 1978 che era allora di 103,1 punti. Questo indice aveva raggiunto, il 1° aprile 1982, 135,6 punti. Il rincaro medio durante i lavori tocca il 31 per cento. La somma riservata agli imprevisti, iscritta nel preventivo, ha dovuto essere utilizzata per pagare le spese di costruzione di un rifugio, richiesto successivamente dal Canton Argovia.

Un credito aggiuntivo di 225 000 franchi è quindi necessario per coprire il rincaro.

Il credito d'impegno iniziale di 830 000 franchi passerà così a 1 055 000 franchi.

34

Decreto federale del 17 dicembre 1980 concernente opere militari e acquisti di terreno (FF 1980 III 1466)

341

Padiglioni a uso multiplo sulle piazze d'armi Spese supplementari dovute al rincaro (410 000 fr.)

Un credito d'impegno di 9 650 000 franchi è stato stanziato per la costruzione di padiglioni a uso multiplo a Lyss, Saint-Maurice, Wartau e Brigels.

78

Il padiglione a Brigels ha potuto essere messo in servizio già alla fine del 1981. Gli altri saranno terminati nel corso dell'anno.

L'indice edilizio del 1° ottobre 1979 è servito al calcolo delle spese. La media indicizzata del rincaro ha raggiunto il 20 per cento. Grazie all'appalto favorevole e a un ampio ricorso alla somma riservata agli imprevisti, iscritta nel preventivo, il credito aggiuntivo per i quattro padiglioni ha potuto essere limitato a 410 000 franchi. Il credito d'impegno iniziale di 9 650 000 franchi passerà dunque a 10 060 000 franchi.

342

Opere per le truppe di trasmissione Spese supplementari dovute ad aggiunte al progetto (540 000 fr.)

Il credito d'impegno di 4460000 franchi era destinato alla costruzione di una rete di cavi. Le misure di sicurezza imposte come supplemento dall' Ispettorato federale degli oleodotti hanno necessitato circa il 30 per cento di lavori manuali in più di quelli previsti inizialmente.

Un credito aggiuntivo di 540 000 franchi è domandato per coprire questa spesa supplementare. Il credito d'impegno iniziale di 4 460 000 franchi passerà dunque a 5 000 000 di franchi.

343

Nuova costruzione e risanamento degli edifici d'esercizio a Gluringen Spese supplementari dovute al rincaro (1 000 000 fr.)

Avete pure stanziato un credito d'impegno di 4 100 000 franchi per una nuova costruzione e il risanamento degli edifici d'esercizio a Gluringen. I lavori sono iniziati nella primavera dell'82 e dureranno verosimilmente due anni.

La valutazione delle spese si basava sull'indice edilizio che toccava allora 108,8 punti. Al momento dell'apertura dei lavori l'indice era già passato a 135,6 punti, ovvero al 24,7 per cento. L'organo tecnico ha calcolato che i pagamenti raggiungeranno i limiti del credito d'impegno nell'autunno 1983.

Il credito aggiuntivo domandato di un milione di franchi, dovuto al rincaro, farà passare il credito d'impegno iniziale di 4 100000 franchi a 5 100000 franchi.

79

35

351

Decreto federale del 25 gennaio 1982 concernente opere militari e acquisti di terreno (FF 1982 I 181) Piazza di tiro di Fasiswald-Spittelberg, rifacimento Spese supplementari dovute al rincaro (300 000 fr.)

Avete stanziato, il 25 gennaio 1982, un credito d'impegno di 2 380 000 franchi per il rifacimento degli edifici della piazza di tiro di Fasiswald. I lavori sono potuti iniziare nel giugno dello stesso anno e finiranno verosimilmente nel luglio 1983.

La valutazione delle spese è stata basata all'epoca sull'indice edilizio del 1° aprile 1980. Il rincaro sopravvenuto fino all'apertura dei lavori è stato del 16,4 per cento. La somma riservata per gli imprevisti dovette venir utilizzata principalmente per coprire le spese supplementari connesse con le difficoltà sopravvenute nei lavori dell'approvvigionamento in acqua e in energia elettrica, così come nei drenaggi supplementari di pendio.

Un credito aggiuntivo di 300 000 franchi è domandato per coprire le spese supplementari dovute al rincaro. Il credito d'impegno iniziale passerà dunque da 2 380 000 franchi a 2 680 000 franchi.

4

Opere necessarie alle imprese di armamenti

41

Officine di costruzione di Thun, padiglione d'integrazione con un impianto combinato di protezione di stabilimento (17 650 000 fr.)

Padiglione d'integrazione I progressi realizzati nel campo dell'elettronica e della tecnologia del laser hanno permesso di sviluppare apparecchi di condotta del tiro per i veicoli blindati. Così è possibile colpire un obiettivo più rapidamente e con maggiore precisione che con i dispositivi di mira attuali.

Le esperienze fatte riparando i difetti del carro 68 hanno pure mostrato che era assolutamente necessario sottoporre anche tutti gli altri blindati a un controllo approfondito dell'insieme del sistema di armi.

Per far concordare le diverse parti del sistema con l'insieme dello stesso (integrazione) e per controllare l'attitudine al funzionamento degli apparecchi di condotta del tiro è necessario disporre di attrezzature di verifica appropriate. Questi impianti voluminosi devono essere sistemati in un padigione d'integrazione che deve ancora essere costruito.

Le officine esistenti per il montaggio e la revisione dei veicoli blindati sono attualmente sufficienti. Per ragioni di posto e di funzionamento gli edifici esistenti non possono però soddisfare alle esigenze poste dall'integrazione degli apparecchi per la condotta del tiro. Il padiglione d'integrazione progettato deve permettere lo svolgimento dei programmi seguenti:

80

Il padiglione sarà costruito in modo tale che sarà possibile saggiarvi tutti i blindati da combattimento attuali o futuri. Le attrezzature d'esercizio saranno pure adattate all'insieme dei tipi di carri.

L'integrazione di un impianto per la condotta del tiro dura 20 giorni e verte sui 25 processi di verifica diversi di 4 a 29 ore ciascuno. Questi processi di verifica sono effettuati negli stalli di controllo appositamente sistemati a questo scopo. Il sistema di verifica previsto, basato su un calcolatore elettronico, deve essere adattato in parte a ogni tipo di carro.

La divisione d'integrazione comprende i tre settori seguenti: - calcolatori elettronici (manutenzione, modificazione o allestimento di nuovi programmi di verifica); - misure (verifica dell'insieme del sistema); - esercizio (lavori di finitura).

Il terreno appartenente alla Confederazione, previsto per la costruzione, è situato in prossimità immediata delle officine dei blindati, delle piste per i carri, delle piste agli ostacoli e della rampa di carico su vagoni ferroviari.

Non è necessario personale supplementare per l'esercizio e la manutenzione delle installazioni.

È previsto di cominciare i lavori all'inizio del 1984. Il padiglione d'integrazione potrà essere occupato all'inizio del 1986. La sistemazione dell'impianto di verifica durerà fino a metà maggio 1987. In seguito il padiglione d'integrazione servirà a sottoporre ai processi di verifica i nuovi carri da cambattimento che saranno allora disponibili.

Impianto per l'organo di protezione di stabilimento delle aziende militari della Confederazione a Thun La legge federale del 23 marzo 1962 (RS 520.2) sulla protezione civile impone agli stabilimenti l'obbligo di sistemare costruzioni e impianti per i loro organi di protezione. Parecchie opere sono già state realizzate a Thun. Il posto di comando di settore manca tuttavia ancora. Il progetto di costruzione preso in considerazione verte su un impianto combinato dell'organo di protezione di stabilimento, che comporti rifugi per il personale, e serva simultaneamente da posto di comando. L'impianto sarà realizzato nel sottosuolo e sopra di esso verrà poi eretto il padiglione d'integrazione. L'infrastruttura può essere così utilizzata in comune.

Il progetto comprende: - 1 posto di comando per la direzione del settore; - 1 impianto d'attesa per le squadre e il materiale; - 4 rifugi per 50 persone ciascuno di cui uno sarà utilizzato come locale di direzione.

Le varianti studiate hanno mostrato che il fatto di collegare il padiglione d'integrazione con l'impianto combinato dell'organo di protezione di stabili6

Foglio federale 1983, Voi. II

81

82

mento costituisce la migliore soluzione sia dal punto di vista dell'ubicazione che da quello delle finanze. In tempo di pace i tre rifugi per il personale possono essere utilizzati come guardaroba, locali di soggiorno o deposito per la mobilia dei rifugi.

Le spese di costruzione e gli oneri susseguenti di esercizio di questo impianto saranno ripartiti come segue: 50 per cento a carico del Dipartimento militare federale; 25 per cento a carico delle Officine di costruzione di Thun; 25 per cento a carico del Munizionificio di Thun.

Costi: Padiglione d'integrazione Fr.

.

Lavori preparatori Edifici Attrezzature d'esercizio . . . . .

.

Sistemazioni esterne Spese secondarie . . . . : . .

Rifornimento centralizzato . . . .

Imprevisti .

Arredamento Credito d'impegno 42

. . .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

. . .

. . . .

Impianto dell'organo di protezione di stabilimento Fr.

46 100 46 100 7 768 200 3 132 400 6700 3287 100 96400 770500 15800 143700 689700 620 700 194 000 634 900 19800 177 900 13360000 4 290 000

17650 000

Polverificio di Wimmis, ricostruzione dell'impianto di miscelatura della polvere tubolare corta (11300000fr.)

Un incendio è scoppiato il 20 dicembre 1978 nell'edificio di miscelatura e di magazzinaggio «Eygand», andato completamente distrutto. Circa 100 tonnellate di polvere per cariche propulsive hanno preso fuoco. Un edificio di setacciatura protetto da un terrapieno di sicurezza si è pure incendiato ed è stato necessario demolirlo. Onde adempiere agli obblighi di fornitura, un impianto di miscelatura situato all'esterno del perimetro della fabbrica ha dovuto essere rimesso in esercizio.

L'impianto di miscelatura non ha potuto essere ricostruito immediatamente in quanto il vecchio procedimento non rispondeva più alle esigenze di sicurezza sul posti di lavoro. D'altronde era già stato intrapreso uno studio prima dell'incendio in vista di costruire un nuovo impianto di miscelatura che rispondesse a esigenze di sicurezza più elevate. Visto che nessuna documentazione poteva allora essere ottenuta in Svizzera o all'estero su un'impianto di miscelatura moderno, è stato necessario saggiare gli elementi più importanti in un'opera sistemata appositamente a questo scopo nel Gasterntal.

Le prove vertevano sull'esame: 83

Queste prove sono terminate nel 1981 e i risultati costituiscono la base della pianificazione del nuovo impianto di miscelatura di polvere tubolare corta.

Quest'ultimo sostituirà tutti gli impianti utilizzati in questo campo. Onde evitare gli accidenti tutte le misure di sicurezza conosciute sono state applicate.

Il nuovo edificio progettato sarà costruito nel settore d'esercizio «Auwald», in prossimità immediata dei nuovi depositi di prodotti finiti. L'impianto è concepito in modo tale che sarà possibile telecomandare altrettanto bene sia la gestione dei depositi intermedi che il processo di miscelatura. Sarà necessario nello stesso tempo introdurre un imballaggio conforme alle prescrizioni internazionali sui trasporti.

Il programma di costruzione dell'impianto di miscelatura della polvere tubolare corta comprende: - un edificio di miscelatura, in calcestruzzo, con impianti di miscelatura, per i rifiuti, d'imballaggio, d'umidificazione, così come la centrale di comando e i locali per il personale; - due edifici di deposito intermedi, in calcestruzzo, suddivisi in 25 scompartimenti isolati, protetti dagli effetti detonanti, che possono contenere 5 tonnellate ciascuno di polvere per cariche propulsive, con attrezzatura automatica di riempitura e di prelevamento; - un canale di trasporto con impianto teleguidato; - un deposito di materiale d'imballaggio in un padiglione di legno che esiste già e che richiede soltanto modesti lavori d'adattamento; - i lavori esterni di sistemazione e di connessione viaria.

La costruzione del nuovo impianto di miscelatura della polvere tubolare corta permetterà di ridurre a 5 persone l'effettivo del personale di questo settore. Attualmente è di 7 a 9 persone.

L'edificio progettato sostituisce, da una parte, l'impianto incendiato e d'altra parte rafforza, come richiesto, la sicurezza contro gli accidenti che possono sopravvenire al momento della fabbricazione di polvere per le cariche propulsive.

Costi: Fr.

Lavori preparatori
165 000 Edifici 7 615 000 Attrezzature di esercizio 1 904 000 Sistemazioni esterne 950 000 Spese secondarie 108 000 Imprevisti 533 000 Arredamento 25 000 Credito d'impegno 84

11 300 000

43

Polverificio di Wimmis, deposito di polvere ed edificio di lisciatura e tranciatura (l450000fr.)

Le norme di sicurezza del Polverificio di Wimmis prevedono segnatamente che la polvere di cariche propulsive deve essere principalmente depositata nel perimetro dell'esercizio. A questo scopo è necessario costruire quattro depositi di polvere sul terreno «Auwald». Tre sono già utilizzati. La costruzione del quarto vi è proposta nel presente messaggio.

Gli edifici di lisciatura e tranciatura devono essere riattrezzati per ragioni di sicurezza. Deve essere possibile telecomandare le operazioni. Gli edifici attuali non si prestano alla sistemazione di nuove attrezzature e inoltre sono vicini a quelli del nuovo deposito di polvere.

Costi: Deposito di polvere Fr.

Terreno Lavori preparatori Edifici Attrezzature d'esercizio Sistemazioni esterne Spese secondarie Riforniménto centralizzato Imprevisti

. . .

. . .

18500 304900

12000 751 000

. . .

. . .

27600 2000

71 000 184000 6000

17 000

56000

370 000

1 080 000 370 000

. . . .

Credito d'impegno

5

Edificio di lisciatura e tranciatura Fr.

1 450 000

Ricapitolazione dei crediti d'impegno

II totale dei crediti d'impegno chiesti con il presente messaggio, compresi i crediti aggiuntivi, è articolato come segue: Fr a. Progetti giusta l'elenco delle opere 1 b. Acquisti di terreno giusta l'elenco delle opere 2 . .

e. Crediti aggiuntivi giusta l'elenco delle opere 3 ...

367 570 000 27 550 000 30 220 000

Crediti d'impegno per il programma di costruzione 1983 d. Progetti per le aziende d'armamento giusta l'elenco 4

425340000 30 400 000

Totale generale dei crediti d'impegno

455 740 000 85

6

Crediti di pagamento necessari

II presente messaggio prevede crediti d'impegno per complessivamente 455740000 franchi, ir finanziamento di quelli del Dipartimento militare, pari in totale a 425 340 000 franchi secondo le appendici 1 a 3, è registrato sotto la voce 511.508.02 «Costruzioni e impianti». Inoltre la quota di 2 145 000 franchi alle spese di costruzione di un impianto per l'organizzazione di protezione di stabilimento, a Thun, sarà ascritta ai crediti del Dipartimento militare.

In virtù della nostra ordinanza del 26 giugno 1981 concernente le finanze e la contabilità dell'Ufficio federale delle aziende d'armamento (RS 510.529), il Polverificio militare di Wimmis e le Officine di costruzione a Thun iscrivono nella propria contabilità le opere menzionate nell'appendice 4. I corrispondenti crediti di pagamento saranno chiesti attraverso il bilancio di previsione annuo dell'Ufficio federale delle aziende d'armamento.

Il portafoglio degli investimenti del Dipartimento militare per gli anni 1984 a 1987 e, conseguentemente, i crediti annui di pagamento per la costruzione d'opere e d'impianti non è ancora stabilito. Vi provvederemo soltanto dopo le decisioni che saranno prese sul piano finanziario della prossima legislatura e sui corrispondenti preventivi.

L'attuazione dei progetti s'estenderà a un periodo di due a sei anni, secondo la loro natura e importanza. Prescìndendo da quelli concernenti le aziende d'armamento, i progetti esigeranno i seguenti crediti di pagamento: 1983 10 milioni di franchi 1986 105 milioni di franchi 1984 50 milioni di franchi 1987 95 milioni di franchi 1985 70 milioni di franchi 1988 50 milioni di franchi 1989 segg.

50 milioni di franchi Le quote annue di pagamento sono calcolate in modo che sia possibile finanziarle, unitamente al saldo dei pagamenti per precedenti programmi di costruzione, mediante i crediti giusta le prospettive finanziarie del 4 ottobre 1982.

7

Ripercussioni sull'effettivo del personale

Per i programmi di costruzione del 1983 occorrerà assumere, al massimo, 22 agenti in più. Il personale supplementare sarà assegnato all'esercizio, alla manutenzione e all'intendenza della piazza d'armi di Rothenthurm.

8

Linee direttive della politica di governo

II presente disegno si mantiene nei limiti del quadro finanziario di 7,6 miliardi di franchi, destinato agli investimenti, già peraltro annunciato nelle linee direttive della politica di governo per la legislatura 1979-1983, al numero 132 (FF 1980 I 548).

86

9

Costituzionalità

II decreto è fondato sugli articoli 20 e 85 numero 10 della Costituzione federale.

87

Decreto federale concernente opere militari e acquisti di terreno

Disegno

del

L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l'articolo 20 della Costituzione federale; visto il messaggio del Consiglio federale del 23 febbraio 1983 1>, decreta:

Art. l 1 Sono approvati i progetti di costruzione, gli acquisti di terreni e le domande di crediti aggiuntivi presentati nel messaggio del 23 febbraio 1983.

2 Per tale scopo sono stanziati i crediti d'impegno seguenti : a. Progetti di costruzione secondo elenco delle opere (apFr.

pendice 1) 367 570 000 b. Acquisti di terreno secondo elenco delle opere (appendice 2) 27 550 000 e. Crediti aggiuntivi per complementi o compensazione del rincaro, secondo elenco delle opere (appendice 3) 30 220 000 d. Progetto di costruzione delle fabbriche d'armamento (appendice 4) 30 400 000 Art. 2 I Nei limiti dei crediti globali menzionati nell'articolo 1 capoverso 2 lettere a, d, il Consiglio federale può attuare trasferimenti di esigua importanza.

2 1 crediti annuali di pagamento vanno iscritti nel bilancio di previsione.

Art. 3 II presente decreto, che non è di obbligatorietà generale, non sottosta al referendum.

D

FF 1983 II 39

88

Opere militari e acquisti di terreni

Appendice 1

Elenco delle opere militari Crediti d'impegno Fr.

1

Costruzioni militari

11 Costruzioni per l'istruzione 111 Piazza d'armi a Rothenthurm 112 Piazza d'armi ad Aarau, edificio per l'insegnamento e per il comando 113 Caserma di Colombier: risanamento a carico del Cantone, sussidio federale 114 Piazza d'armi di Mels, ampliamento e restauri 12 121 122 123

Opere fortificate e condotta dell'esercito Consolidamento del terreno Impianti e telecomunicazioni Opera combinata per i servizi d'allarme, di avvistamento e di segnalazione degli aerei 124 Rafforzamento ed adeguamento dell'infrastruttura degli edifici in relazione con l'aereo da combattimento Tiger..

125 Rifacimento della pista principale e delle piste di rullaggio in aerodromi militari ' 13 Costruzioni destinate alla logistica 131 Rifacimento e ampliamento delle officine di BuochsEnnetbürgen, prima tappa 132 Magazzino sotterraneo di munizioni nella Svizzera orientale 133 Misure per potenziare la sicurezza dei magazzini sotterranei di munizioni, prima tappa 134 Alimentazione elettrica di soccorso e rifacimento degli impianti elettrici negli esercizi dell'intendenza del materiale da guerra 135 Costruzione di un deposito di carburanti 136 Spostamento dei dispositivi d'erogazione del carburante in un aerodromo 137 Parco centralizzato di materiale di fortificazione a Bilten

108000000 8 940 000 18 000 000 28800000

64 860 000 4 950 000 7 450 000 33 180 000 1 500 000

7 100 000 15 250 000 2 500 000

2 490 000 2 950 000 2 300 000 44900000

89

Opere militari e acquisti di terreni Crediti d'impegno Fr.

14 Ufficio federale della tecnica d'armamento 141 Ampliamento dell'impianto di prova degli urti e dell'impianto di studio degli impulsi elettromagnetici a Lattigen

4 950 000

15

9 450 000

Protezione delle acque

Totale opere militari

90

367 570 000

Opere militari e acquisti di terreni Appendice 2

Elenco degli acquisti di terreno Crediti d'impegno Fr.

2

Acquisti di terreni

21

Piazze d'armi, piazze di tiro e piazze d'esercìzio

22

Sgombero delle zone d'avvicinamento e d'involo su diversi aerodromi militari

3 000 000

Acquisto di terreno per l'Intendenza del materiale da guerra

8 700 000

Acquisto di terreno per le opere di comando e d'esercizio del corpo delle guardie di fortificazione

5850000

23 24

Totale

10 000 000

27 550 000

91

Opere militari e acquisti di terreni Appendice 3

Elenco dei crediti aggiuntivi Credito d'impegno Fr.

3

Credito aggiuntivo Fr.

Nuovo credito d'impegno Fr.

Domande di crediti aggiuntivi (spese dovute al rincaro)

31

Decreto federale del 27 settembre 1977 concernente opere militari e acquisti di terreni (FF 1977 III 271) 311 Polverificio militare di Wimmis, rifacimento degli impianti di protezione delle acque 312 Restauro di accantonamenti in montagna 32

321

Decreto federale del 19 settembre 1978 concernente opere militari e acquisti di terreni (FF 1978II893) Fabbrica di munizioni di Altdorf, officine, esercizi ausiliari e padiglioni di deposito Opera sotterranea per la fabbricazione di sostegno e il deposito di prodotti farmaceutici Arsenale federale Bulle, ampliamento e ammodernamento Arsenale di Mels, ampliamento e restauri Spostamento di un impianto di deposito di carburanti nella regione di Berna

8 640 000

1 300 000

9 940 000

6 600 000

850 000

7 450 000

9 300 000

1 000 000 10 300 000

29 160 000

11 940 000 41 100 000

16600000

2000000 18600000

16480000

2500000 18980000

17 800 000

1 400 000

19 200 000

Decreto federale del 26 settembre 1979 concernente opere militari e acquisti di terreno (FF 1979II 947) 331 Fabbrica di munizioni di Altdorf, nuova officina per il trattamento delle superfici 10 900 000

700 000

11 600 000

322

323 324 325

33

92

Opere militari e acquisti di terreni

Credito d'impegno Fr.

332 Consolidamento del terreno (qui, oltre al rincaro, anche aggiunte al progetto) 72 390 000 333 Restauro degli accantonamenti in montagna 6 950 000 334 Fabbrica d'armi di Berna, nuovo edifìcio di fabbricazione e montaggio 16 100 000 335 Piazza, d'armi di Aarau, edifici ad uso multiplo sulla piazza di tiro di Gehren 830 000 34 Decreto federale del 17 dicembre 1980 concernente opere militari e acquisti di terreno (FF 1980 III 1466) 341 Padiglioni a uso multiplo sulle piazze d'armi 9 650 000 342 Opere per le truppe di trasmissione (qui, solo per aggiunte al progetto) 4 460 000 343 Ricostruzione e restauri di edifici d'esercizio a Gluringen 4 100 000 Decreto federale del 25 gennaio 1982 concernente opere militari e acquisti di terreni (FF 19821181) 351 Poligono di tiro di Fasiswald-Spittelberg

Credito aggiuntivo Fr.

Nuovo credito d'impegno Fr.

3 400 000 75 790 000 1 255 000

8 205 000

1 400 000

17 500 000

225 000

1 055 000

410 000 10 060 000 540 000

5 000 000

1 000 000

5 100 000

300000

2680000

35

Totale crediti aggiuntivi

2380000

30 220 000

93

Opere militari e acquisti di terreni Appendice

Elenco dei progetti di costruzione delle aziende d'armamento Crediti d'impegno Fr.

4

Nuove costruzioni per le aziende d'armamento

41

Officine di costruzione di Thun, padiglione d'integrazione con impianto combinato di protezione di stabilimento....

17 650 000

Polverifìcio di Wimmis, ricostruzione dell'impianto per la miscelatura della polvere tubolare corta

11 300 000

Polverificio di Wimmis, deposito di polvere ed edificio di rifinitura

1 450 000

42 43

Totale dei progetti

94

30 400 000

Schweizerisches Bundesarchiv, Digitale Amtsdruckschriften Archives fédérales suisses, Publications officielles numérisées Archivio federale svizzero, Pubblicazioni ufficiali digitali

Messaggio concernente opere militari e acquisti di terreno (Programma delle costruzioni 1983) del 23 febbraio 1983

In

Bundesblatt

Dans

Feuille fédérale

In

Foglio federale

Jahr

1983

Année Anno Band

2

Volume Volume Heft

15

Cahier Numero Geschäftsnummer

83.017

Numéro d'affaire Numero dell'oggetto Datum

19.04.1983

Date Data Seite

39-94

Page Pagina Ref. No

10 114 097

Das Dokument wurde durch das Schweizerische Bundesarchiv digitalisiert.

Le document a été digitalisé par les. Archives Fédérales Suisses.

Il documento è stato digitalizzato dell'Archivio federale svizzero.