Legge federale sulle finanze della Confederazione

Disegno

(LFC) del

L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 126 e 173 capoverso 2 della Costituzione federale1; visto il messaggio del Consiglio federale del 24 novembre 20042, decreta:

Capitolo 1: Disposizioni generali Art. 1

Oggetto e scopi

La presente legge disciplina il consuntivo, la gestione globale delle finanze, la gestione finanziaria a livello amministrativo e la presentazione dei conti della Confederazione.

1

2

La presente legge ha lo scopo di: a.

consentire all'Assemblea federale e al Consiglio federale: 1. di esercitare efficacemente le proprie competenze finanziarie costituzionali; 2. di disporre degli strumenti e delle basi decisionali necessari per la gestione finanziaria;

b.

sostenere la gestione amministrativa secondo i principi dell'economia aziendale e favorire l'impiego economico ed efficace dei fondi pubblici.

Art. 2

Campo di applicazione

La presente legge si applica:

1 2

a.

all'Assemblea federale, compresi i Servizi del Parlamento;

b.

ai tribunali della Confederazione e alle commissioni di arbitrato e di ricorso;

c.

al Consiglio federale;

d.

ai dipartimenti, alle loro segreterie generali e alla Cancelleria federale;

e.

ai gruppi e agli uffici;

f.

alle unità amministrative dell'Amministrazione federale decentralizzata che non tengono una contabilità propria.

RS 101 FF 2005 5

2004-1212

107

Finanze della Confederazione. LF

Art. 3 1

2

Definizioni

Le uscite sono pagamenti a terzi che: a.

riducono il patrimonio (uscite correnti);

b.

creano valori patrimoniali direttamente destinati a scopi amministrativi (uscite per investimenti).

Le entrate sono pagamenti di terzi che: a.

aumentano il patrimonio (entrate correnti);

b.

avvengono a titolo di compenso per l'alienazione di beni amministrativi (entrate per investimenti).

3 Si considera spesa tutta la diminuzione di valore nell'arco di un determinato periodo di tempo.

Si considera ricavo tutto l'aumento di valore nell'arco di un determinato periodo di tempo.

4

5 I beni amministrativi comprendono i valori patrimoniali che servono direttamente all'adempimento dei compiti pubblici.

6

I beni patrimoniali comprendono tutti i valori patrimoniali rimanenti.

Capitolo 2: Consuntivo Art. 4

Competenza

Il Consiglio federale sottopone ogni anno il consuntivo all'Assemblea federale per approvazione.

Art. 5

Contenuto

Il consuntivo della Confederazione comprende: a.

il conto della Confederazione, composto da: 1. il commento finanziario, 2. il conto annuale della Confederazione, 3. i conti delle istituzioni e delle unità amministrative menzionate nell'articolo 2;

b.

i conti annuali di unità amministrative dell'Amministrazione federale decentralizzata e dei fondi della Confederazione che tengono una contabilità propria, nel caso in cui l'Assemblea federale sia tenuta ad approvarla (conti speciali).

108

Finanze della Confederazione. LF

Art. 6

Conto annuale della Confederazione

Il conto annuale della Confederazione comprende: a.

il conto finanziamento e flusso del capitale;

b.

il conto economico;

c.

il bilancio;

d.

l'allegato.

Art. 7

Conto finanziamento e flusso del capitale

Il conto finanziamento e flusso del capitale documenta: a.

il risultato dei finanziamenti in funzione delle uscite e delle entrate di operazioni finanziarie ordinarie e straordinarie;

b.

il flusso del capitale proveniente da finanziamenti di terzi;

c.

il rimanente flusso di capitale.

Art. 8

Conto economico

Il conto economico contiene l'insieme delle spese e dei ricavi di un periodo contabile; a un primo livello indica il risultato ordinario e ad un secondo quello straordinario (eccedenza di spese o di ricavi).

1

2

Il conto economico è articolato in tipi di spese e di ricavi.

Art. 9

Bilancio

Il bilancio documenta i valori patrimoniali (attivi) nonché gli impegni e il capitale proprio (passivi).

1

2

I valori patrimoniali sono articolati in beni patrimoniali e beni amministrativi.

Gli impegni sono articolati in capitale di terzi a breve e a lunga scadenza e in fondi a destinazione vincolata.

3

Art. 10

Allegato

L'allegato al conto annuale della Confederazione: a.

menziona la normativa tecnica da applicare alla presentazione dei conti e motiva le deroghe;

b.

riassume i principi della presentazione dei conti, compresi i principi essenziali dell'iscrizione a bilancio e della valutazione;

c.

illustra in forma concisa i dettagli essenziali relativi alle altre parti del conto annuale;

d.

contiene ulteriori indicazioni importanti per valutare la situazione inerente al patrimonio e ai ricavi, gli impegni e i rischi finanziari.

109

Finanze della Confederazione. LF

Art. 11

Conto delle istituzioni e delle unità amministrative

Il conto delle istituzioni e delle unità amministrative (art. 5 lett. a n. 3) costituisce la base per:

1

2

3

4

a.

lo stanziamento dei crediti e la stima dei ricavi e delle entrate;

b.

la giustificazione dell'impiego dei fondi.

Il conto di un'istituzione o di un'unità amministrativa comprende: a.

il conto economico;

b.

il conto degli investimenti.

Il conto economico si compone: a.

delle rubriche di spesa;

b.

delle rubriche di ricavo.

Il conto degli investimenti si compone: a.

degli investimenti in beni e servizi, mutui, partecipazioni e contributi per investimenti;

b.

delle entrate provenienti dall'alienazione di beni e servizi e dai rimborsi delle uscite per investimenti.

Capitolo 3: Gestione globale delle finanze federali Sezione 1: Principi Art. 12 L'Assemblea federale e il Consiglio federale mantengono a lungo termine l'equilibrio tra uscite ed entrate; in tal ambito s'improntano all'articolo 126 della Costituzione federale (freno all'indebitamento).

1

Nel gestire le finanze federali tengono conto sia dell'ottica di finanziamento sia dell'ottica dei risultati.

2

Il Consiglio federale e l'Amministrazione gestiscono le finanze federali secondo i principi della legalità, dell'urgenza e della parsimonia. Provvedono a impiegare i fondi in modo efficace ed economico.

3

Sezione 2: Freno all'indebitamento Art. 13

Importo massimo delle uscite totali

L'importo massimo delle uscite totali da stanziare nel preventivo ai sensi dell'articolo 126 capoverso 2 della Costituzione federale equivale al prodotto delle entrate stimate e del fattore congiunturale.

1

110

Finanze della Confederazione. LF

2 Nel determinare le entrate stimate non sono prese in considerazione le entrate straordinarie. Sono considerate tali in particolare le entrate straordinarie da investimenti e le entrate straordinarie da regalie e concessioni.

Il fattore congiunturale equivale al quoziente del prodotto interno lordo a prezzi costanti stimato secondo la tendenza a lungo termine epurata da valori esterni e del prodotto interno lordo a prezzi costanti stimato per l'anno di preventivo.

3

Art. 14

Considerazione dell'importo massimo

Il Consiglio federale e l'Assemblea federale prendono in considerazione l'importo massimo per l'esame di tutti i progetti aventi ripercussioni finanziarie.

Art. 15

Aumento dell'importo massimo

L'Assemblea federale può, al momento dell'adozione del preventivo o dei crediti aggiuntivi, aumentare l'importo massimo di cui all'articolo 126 capoverso 2 della Costituzione federale in caso di:

1

a.

eventi eccezionali che sfuggono al controllo della Confederazione;

b.

adeguamenti del modello contabile;

c.

concentrazione di pagamenti dovuta al sistema contabile.

Un aumento è possibile, tuttavia, soltanto se il fabbisogno finanziario supplementare ammonta almeno allo 0,5 per cento dell'importo massimo.

2

Art. 16

Conto di compensazione

Dopo l'approvazione del consuntivo, l'importo massimo fissato ai sensi degli articoli 13 o 15 per le uscite totali dell'anno precedente è rettificato sulla base delle entrate ordinarie effettivamente conseguite.

1

Se le uscite totali iscritte nel consuntivo sono superiori o inferiori all'importo massimo rettificato, la differenza è addebitata o accreditata a un conto di compensazione distinto dal consuntivo.

2

Art. 17

Disavanzi del conto di compensazione

I disavanzi del conto di compensazione devono essere compensati sull'arco di più anni per il tramite della riduzione dell'importo massimo di cui agli articoli 13 o 15.

1

Se il disavanzo supera il 6 per cento delle uscite totali dell'esercizio annuale precedente, la compensazione deve essere eseguita entro i tre esercizi annuali successivi.

2

111

Finanze della Confederazione. LF

Art. 18 1

Misure di risparmio

Il Consiglio federale realizza le riduzioni di cui all'articolo 17 come segue: a.

decreta risparmi supplementari nel proprio ambito di competenza;

b.

propone all'Assemblea federale le modifiche di legge necessarie per conseguire risparmi supplementari; in tal ambito tiene conto dei diritti di partecipazione dei Cantoni.

Nell'elaborazione e nell'esecuzione del preventivo il Consiglio federale fa uso delle possibilità di risparmio esistenti. A tal fine può bloccare i crediti a preventivo e d'impegno già stanziati. Sono fatte salve le pretese legali e le prestazioni assegnate con decisioni passate in giudicato.

2

3 Se il disavanzo del conto di compensazione supera la percentuale di cui all'articolo 17 capoverso 2, l'Assemblea federale decide in merito alle proposte del Consiglio federale secondo il capoverso 1 lettera b durante la stessa sessione, dichiara urgenti le sue leggi in materia e le mette immediatamente in vigore (art. 165 Cost.); essa è vincolata dall'importo del risparmio fissato dal Consiglio federale.

Sezione 3: Pianificazione finanziaria e limite di spesa Art. 19

Pianificazione finanziaria

Il Consiglio federale allestisce una pianificazione finanziaria pluriennale. Essa documenta:

1

a.

il fabbisogno di finanziamento prospettato nel periodo di pianificazione;

b.

la copertura del fabbisogno di finanziamento prospettato;

c.

le spese e i ricavi presumibili.

Il Consiglio federale coordina quanto possibile la pianificazione finanziaria della Confederazione con quella dei Cantoni e dei Comuni.

2

Il contenuto e l'articolazione della pianificazione finanziaria sono retti dagli articoli 143 capoverso 2 e 146 capoverso 5 della legge del 13 dicembre 20023 sul Parlamento.

3

Art. 20

Limite di spesa

Per limite di spesa s'intende l'importo massimo dei crediti a preventivo stabilito dall'Assemblea federale per determinate spese durante un periodo pluriennale.

1

Un limite di spesa può essere stabilito in particolare se i crediti sono assegnati e pagati lo stesso anno, se esiste un margine d'apprezzamento e se simultaneamente risulta opportuno orientare le spese a lungo termine.

2

3

Il limite di spesa non costituisce uno stanziamento di crediti.

3

112

RS 171.10

Finanze della Confederazione. LF

Sezione 4: Crediti d'impegno Art. 21

Definizione e campo di applicazione

Un credito d'impegno dev'essere chiesto di norma qualora debbano essere contratti impegni finanziari la cui durata supera l'anno di preventivo.

1

2 Il credito d'impegno determina l'ammontare entro cui il Consiglio federale può contrarre impegni finanziari.

Il credito d'impegno è limitato nel tempo soltanto se lo prevede il decreto di stanziamento.

3

4

I crediti d'impegno sono segnatamente necessari per: a.

progetti di costruzione e acquisti di immobili;

b.

locazioni immobiliari a lungo termine di notevole portata finanziaria;

c.

programmi di sviluppo e di acquisto;

d.

assegnazione di sussidi pagabili soltanto in esercizi futuri;

e.

assunzione di fideiussioni e di altre garanzie.

Il fabbisogno di mezzi finanziari per gli impegni va iscritto di volta in volta nel preventivo come spesa o uscita per investimenti.

5

Art. 22

Calcolo

I crediti d'impegno sono calcolati sul fondamento di stime condotte diligentemente e secondo le regole tecniche.

1

L'unità amministrativa incaricata di approntare la domanda di credito risponde della sua valutazione circa il fabbisogno finanziario. Nella domanda di credito deve indicare gli elementi di calcolo e i fattori d'incertezza; occorrendo, deve espressamente prevedere e indicare le opportune riserve.

2

Ove sia necessario per chiarire la portata e le ripercussioni finanziarie di progetti complessi, essa deve domandare previamente un credito di studio.

3

Art. 23

Stanziamento

L'Assemblea federale determina con ordinanza in quali casi le domande di crediti d'impegno devono esserle sottoposte con messaggio speciale.

1

Il Consiglio federale può sottoporre all'Assemblea federale con messaggio speciale domande di credito politicamente importanti.

2

Per il rimanente, i crediti sono stanziati con decreti sul preventivo e le relative aggiunte.

3

113

Finanze della Confederazione. LF

Art. 24

Ripartizione

Se un credito d'impegno è destinato a uno scopo definito genericamente o a parecchi progetti, il Consiglio federale ne stabilisce la ripartizione, in quanto essa non risulti dall'atto di stanziamento.

Art. 25

Controllo

L'unità amministrativa tiene un registro di controllo dell'utilizzazione del credito d'impegno da cui si devono poter evincere gli impegni assunti e quelli che dovranno ancora essere contratti affinché il progetto possa essere compiutamente attuato.

Art. 26

Rendiconto

Il Consiglio federale rende conto dello stato dei crediti d'impegno assieme al consuntivo.

1

2

Se il progetto è stato attuato, la parte inutilizzata del credito d'impegno decade.

Art. 27

Crediti aggiuntivi

Se, prima o durante l'attuazione di un progetto, risulta che il credito d'impegno già stanziato è insufficiente, il Consiglio federale deve domandare senza indugio un credito aggiuntivo.

1

Per i maggiori costi dovuti al rincaro o alle variazioni monetarie, esso può chiedere il credito aggiuntivo dopo l'esecuzione del progetto.

2

3

I pagamenti non devono in nessun caso superare il credito d'impegno stanziato.

Art. 28

Urgenza

Per i progetti la cui esecuzione non ammette rinvii, il Consiglio federale può autorizzare l'avvio o il proseguimento dei lavori prima dello stanziamento del credito d'impegno. Se possibile, domanda previamente il consenso della Delegazione delle finanze delle Camere federali (Delegazione delle finanze).

Sezione 5: Preventivo e aggiunte Art. 29

Competenza

L'Assemblea federale adotta il preventivo annuale secondo il disegno sottopostole dal Consiglio federale.

114

Finanze della Confederazione. LF

Art. 30

Contenuto

Il preventivo segue, per contenuto e articolazione, il consuntivo della Confederazione, ma non comprende alcun conto dei flussi di capitale (art. 7 lett. b e c) né alcun bilancio.

1

2

3

Il preventivo contiene: a.

l'autorizzazione delle spese e delle uscite per investimenti (crediti a preventivo);

b.

la stima dei ricavi e delle entrate da investimenti;

c.

le uscite totali autorizzate e le entrate totali stimate.

I dati di cui al capoverso 2 lettere a e b sono articolati secondo: a.

unità amministrative;

b.

tipi di spese e di ricavi;

c.

tipi di uscite e di entrate nel settore degli investimenti.

Art. 31

Principi

L'allestimento e l'esecuzione del preventivo avvengono secondo i principi dell'espressione al lordo, dell'integralità, dell'annualità e della specificazione.

1

2

Per il rimanente si applicano per analogia i principi di cui all'articolo 47.

Art. 32

Calcolo dei crediti

I crediti sono stabiliti sul fondamento di una stima diligente del fabbisogno presumibile.

1

I crediti riguardanti spese presumibili o uscite presumibili per investimenti per le quali manchi ancora il fondamento legale sono comunque iscritti a preventivo; rimangono però bloccati fino all''entrata in vigore di quest'ultimo.

2

Per i provvedimenti che durano oltre un anno, nella motivazione della domanda di credito dev'essere menzionato l'ammontare della spesa totale presunta o dell'investimento globale.

3

Art. 33

Aggiunte ordinarie

Se il preventivo non prevede crediti per una spesa o per un'uscita per investimenti oppure non ne contiene in misura sufficiente, occorre chiedere un credito aggiuntivo.

1

Il Consiglio federale sottopone periodicamente all'Assemblea federale le domande di crediti aggiuntivi.

2

3

Non sono necessari crediti aggiuntivi per: a.

parti non preventivate di terzi a determinate entrate;

b.

conferimenti a fondi mediante entrate a destinazione vincolata;

c.

ammortamenti pianificati non preventivati.

115

Finanze della Confederazione. LF

Art. 34

Aggiunte urgenti

Il Consiglio federale può decidere spese o uscite per investimenti non o insufficientemente coperte da crediti ma indifferibili, anche prima che l'Assemblea federale abbia stanziato il credito aggiuntivo. Se possibile, domanda previamente il consenso della Delegazione delle finanze.

1

2 Il Consiglio federale sottopone tali spese e uscite urgenti all'Assemblea federale con la successiva aggiunta al preventivo oppure, se ciò non sia più possibile, con il consuntivo come sorpassi di credito.

Art. 35

Sorpassi di credito

Sono sottoposte all'Assemblea federale per approvazione a posteriori insieme con il consuntivo: a.

le seguenti spese, sempre che non siano già state preventivate: 1. rettificazioni del valore e ammortamenti non pianificati, 2. impiego di riserve da parte di unità amministrative GEMAP (art. 42), 3. delimitazioni contabili passive, 4. oneri dovuti a differenze tra valute estere e a circolazione monetaria ridotta;

b.

le aggiunte urgenti che non possono essere presentate con la successiva aggiunta al preventivo (art. 34 cpv. 2).

Art. 36

Riporti di credito

Se si verificano ritardi nella realizzazione di progetti di investimento, misure a carattere individuale e progetti, il Consiglio federale può riportare all'anno successivo i crediti a preventivo e i crediti aggiuntivi già stanziati dall'Assemblea federale che non sono stati completamente utilizzati.

1

Sui riporti di credito il Consiglio federale riferisce all'Assemblea federale nei messaggi concernenti le domande di crediti aggiuntivi o, se ciò non fosse possibile, insieme con il consuntivo.

2

Art. 37

Limitazione delle aggiunte

Per quanto possibile, l'importo totale delle aggiunte al preventivo non deve superare l'importo totale delle parti dei crediti a preventivo che non saranno probabilmente utilizzate.

116

Finanze della Confederazione. LF

Capitolo 4: Gestione finanziaria a livello amministrativo Sezione 1: Disposizioni generali Art. 38

Principi di contabilità

La contabilità è retta dai principi dell'integralità, dell'esattezza, della tempestività e della verificabilità.

Art. 39 1

Controllo interno

Il Consiglio federale adotta le misure necessarie per: a.

proteggere il patrimonio della Confederazione;

b.

assicurare l'impiego appropriato dei fondi secondo i principi dell'articolo 12 capoverso 3;

c.

evitare o scoprire errori e irregolarità nella tenuta dei conti;

d.

garantire il rispetto delle prescrizioni in materia di presentazione dei conti e l'affidabilità del rendiconto.

A tal fine il Consiglio federale tiene conto della situazione di rischio e del rapporto costi/utilità.

2

Art. 40

Trasparenza dei costi

Le unità amministrative tengono una contabilità analitica in funzione delle loro esigenze.

1

La contabilità analitica coadiuva le unità amministrative nella gestione aziendale e fornisce le basi per elaborare e valutare il preventivo e la presentazione dei conti.

Essa assicura la trasparenza dei costi nell'interesse di un'attività amministrativa improntata all'economicità.

2

3

La contabilità analitica è retta dagli standard definiti nelle disposizioni esecutive.

Le rimunerazioni tra le unità amministrative della Confederazione sono ammesse qualora siano indispensabili per calcolare le spese e i ricavi o per adempiere i compiti in modo economico.

4

Art. 41

Attività commerciali

Le unità amministrative possono fornire a terzi prestazioni commerciali soltanto per quanto siano autorizzate a farlo a norma di legge.

117

Finanze della Confederazione. LF

Sezione 2: Gestione mediante mandati di prestazione e preventivo globale (GEMAP) Art. 42

Competenza

L'Assemblea federale approva nel preventivo annuo i preventivi globali delle unità amministrative GEMAP secondo l'articolo 44 della legge del 21 marzo 19974 sull'organizzazione del Governo e dell'Amministrazione.

1

L'Assemblea federale può determinare, nel quadro dei preventivi globali, valori di pianificazione per i costi e i ricavi di singoli gruppi di prodotti.

2

Art. 43 1

Preventivo globale

Il preventivo globale comprende: a.

la totalità delle spese e dei ricavi nel settore amministrativo considerato;

b.

la totalità delle uscite ed entrate per investimenti nel settore amministrativo considerato.

Un'unità amministrativa GEMAP può superare le spese o le uscite per investimenti approvate nel preventivo globale se:

2

a.

riesce a coprire il sorpasso entro l'anno contabile mediante ricavi supplementari non preventivati e derivanti da prestazioni fornite; o

b.

scioglie le riserve costituite secondo l'articolo 46.

Art. 44

Settore dei trasferimenti

Le spese e i ricavi nel settore dei trasferimenti nonché i contributi per investimenti, i mutui e le partecipazioni sono preventivati fuori del preventivo globale.

1

Le maggiori spese e le maggiori uscite non preventivate devono essere oggetto di una domanda di credito aggiuntivo secondo la procedura ordinaria.

2

Art. 45

Contabilità aziendale

Le unità amministrative GEMAP tengono una contabilità analitica articolata secondo gruppi di prodotti.

4

118

RS 172.010

Finanze della Confederazione. LF

Art. 46 1

Riserve

Le unità amministrative GEMAP possono costituire riserve se: a.

non utilizzano un credito o lo utilizzano solo parzialmente in seguito a ritardi dovuti a un progetto (riserve a destinazione vincolata);

b.

pur rispettando gli obiettivi di prestazione, 1. realizzano un maggiore ricavo netto grazie alla fornitura di prestazioni supplementari non preventivate (riserve generali); o 2. rimangono al di sotto della spesa preventivata (riserve generali).

Su proposta del Consiglio federale, in merito alla costituzione di riserve l'Assemblea federale decide insieme con il consuntivo.

2

Capitolo 5: Presentazione dei conti Sezione 1: Principi e standard Art. 47

Principi

La presentazione dei conti ha lo scopo di esporre la situazione reale inerente al patrimonio, alle finanze e ai ricavi.

1

La presentazione dei conti è retta dai principi dell'essenzialità, della comprensibilità, della continuità e dell'espressione al lordo.

2

Art. 48

Standard

1

La presentazione dei conti è retta da standard generalmente riconosciuti.

2

Il Consiglio federale disciplina i particolari.

Sezione 2: Iscrizione a bilancio e valutazione Art. 49 1

Principi per l'iscrizione a bilancio

Gli elementi patrimoniali sono iscritti a bilancio come attivi se: a.

produrranno un'utilità economica o servono all'adempimento immediato di compiti pubblici; e

b.

il loro valore può esser determinato in modo affidabile.

Gli impegni esistenti sono iscritti a bilancio come passivi se il loro adempimento comporterà verosimilmente un deflusso di fondi.

2

Gli accantonamenti sono costituiti per impegni esistenti a proposito dei quali vige incertezza circa il momento dell'adempimento o l'ammontare del futuro deflusso di fondi.

3

119

Finanze della Confederazione. LF

Art. 50

Principi di valutazione

1

I beni patrimoniali sono iscritti a bilancio al valore di mercato.

2

I beni amministrativi sono iscritti a bilancio:

3

a.

al valore di acquisto, dedotti gli ammortamenti pianificati, oppure, se inferiore, al valore di mercato;

b.

in caso di partecipazioni rilevanti, al valore equity.

Si applica il principio della valutazione singola.

Art. 51 1

Ammortamenti e rettificazioni dei valori

I valori di bilancio per gli investimenti materiali sono così ammortizzati: a.

valori di bilancio pianificati: per tenere conto delle diminuzioni di valore dovute all'utilizzazione ordinaria;

b.

valori di bilancio non pianificati: per tenere conto di altre diminuzioni di valore.

Se diminuisce il valore di averi e partecipazioni, si rettificano i valori di bilancio.

Le rettificazioni dei valori non influiscono sulle pretese della Confederazione nei confronti di terzi.

2

Gli ammortamenti e le rettificazioni di valore non pianificati si effettuano non appena la diminuzione di valore sia prevedibile.

3

Sezione 3: Generi di finanziamento particolari Art. 52

Fondi speciali

I fondi speciali sono patrimoni devoluti da terzi alla Confederazione con determinati oneri o provenienti da crediti a preventivo in virtù di disposizioni di legge.

1

Il Consiglio federale ne regola l'amministrazione tenendo conto di tali oneri o disposizioni di legge.

2

Le spese e i ricavi sono contabilizzati su conti di bilancio, al di fuori del conto economico.

3

Art. 53

Finanziamenti speciali

Vi è finanziamento speciale quando talune entrate sono vincolate all'adempimento di un compito determinato. La costituzione di un finanziamento speciale richiede una base legale.

1

Le uscite che non servono per l'acquisto di valori patrimoniali possono essere iscritte a bilancio come attivi soltanto se devono essere coperte mediante entrate a destinazione vincolata.

2

120

Finanze della Confederazione. LF

Art. 54

Mezzi di terzi e cofinanziamenti

Le prestazioni finanziarie fornite da terzi in virtù di mandati di ricerca e di sviluppo o di accordi di cooperazione possono essere contabilizzate su conti di bilancio, al di fuori del conto economico.

1

Il Consiglio federale, d'intesa con la Delegazione delle finanze, disciplina la procedura e le condizioni per la conclusione di simili mandati e accordi.

2

Sezione 4: Consuntivo consolidato Art. 55 1 Ai fini della deliberazione sul consuntivo si raggruppano sul piano contabile, secondo il principio del consolidamento integrale:

2

a.

le istituzioni e le unità amministrative rientranti nel conto della Confederazione (art. 5 lett. a);

b.

le unità amministrative e i fondi della Confederazione che presentano un conto speciale nel quadro del consuntivo (art. 5 lett. b);

c.

le unità amministrative dell'Amministrazione federale decentralizzata che tengono una contabilità propria.

Il Consiglio federale può: a.

escludere dal consolidamento integrale le unità amministrative dell'Amministrazione federale decentralizzata che tengono una contabilità propria oppure prescrivere loro l'applicazione dei principi della presentazione dei conti;

b.

includere nel consolidamento integrale ulteriori organizzazioni che: 1. adempiono compiti di diritto pubblico; e 2. sono strettamente interconnesse con le finanze federali.

Il consuntivo consolidato fornisce una visione globale della situazione inerente al patrimonio, alle finanze e ai ricavi, rettificata quanto alle interrelazioni interne.

3

Capitolo 6: Compiti e attribuzioni dell'Amministrazione federale Art. 56

Dipartimenti e Cancelleria federale

I dipartimenti e la Cancelleria federale perseguono, unitamente al Consiglio federale e all'Assemblea federale, gli obiettivi superiori in materia di politica finanziaria e di bilancio.

1

121

Finanze della Confederazione. LF

2

In particolare, i dipartimenti e la Cancelleria federale: a.

pianificano, gestiscono e coordinano il sistema finanziario nel proprio ambito;

b.

provvedono a una visione globale delle finanze delle unità amministrative loro attribuite e promuovono la qualità del sistema contabile nell'ambito di loro competenza;

c.

emanano, se necessario, istruzioni complementari per l'attuazione delle prescrizioni del Consiglio federale, del Dipartimento federale delle finanze (DFF) e dell'Amministrazione federale delle finanze (AFF);

d.

coadiuvano il DFF nella preparazione del preventivo e delle relative aggiunte, del consuntivo e del piano finanziario.

Art. 57

Unità amministrative

Le unità amministrative sono responsabili dell'impiego accurato, economico e parsimonioso dei crediti e dei valori patrimoniali loro affidati.

1

2 Le unità amministrative possono contrarre impegni ed effettuare pagamenti soltanto nel quadro dei crediti stanziati. I crediti possono essere utilizzati unicamente per lo scopo assegnato e per bisogni indispensabili.

3 L'unità amministrativa che gestisce crediti destinati ai bisogni di più unità amministrative accerta la fondatezza delle loro domande di credito. Per il rimanente, le unità amministrative richiedenti sono responsabili della valutazione dei bisogni.

Art. 58

Dipartimento federale delle finanze

Il DFF gestisce le finanze della Confederazione e provvede ad assicurarne una visione globale.

1

Il DFF prepara, per il Consiglio federale, il preventivo e le relative aggiunte, il consuntivo e il piano finanziario; esso verifica le domande di credito e la stima dei ricavi.

2

Il DFF esamina, per il Consiglio federale, ogni progetto avente implicazioni finanziarie, per determinare se sia conforme ai principi dell'economicità e dell'efficacia e se il suo costo sia sopportabile.

3

Il DFF verifica periodicamente la necessità e l'opportunità delle spese ricorrenti e delle uscite per investimenti.

4

Art. 59

Amministrazione federale delle finanze

Fatte salve disposizioni particolari, l'AFF è responsabile dell'organizzazione uniforme della contabilità, del traffico dei pagamenti e della gestione delle disponibilità finanziarie nell'Amministrazione federale.

1

122

Finanze della Confederazione. LF

2 L'AFF è autorizzata a rappresentare in giudizio la Confederazione per l'esazione di pretese pecuniarie contestate o la reiezione di pretese pecuniarie infondate. Essa può rinunciare all'esazione ove appaia che sarà infruttuosa o che il dispendio amministrativo e la spesa risulteranno sproporzionati all'ammontare litigioso.

Art. 60

Tesoreria centrale e raccolta di fondi

L'AFF gestisce la tesoreria centrale delle istituzioni e unità amministrative soggette alla presente legge nonché delle Ferrovie federali svizzere e provvede alla solvibilità permanente.

1

2 Per garantire la solvibilità, l'AFF può raccogliere fondi sul mercato monetario e su quello finanziario.

Il piano finanziario, il preventivo e il consuntivo includono un prospetto, rispettivamente un rendiconto annuale concernente la tesoreria e la raccolta di fondi.

3

Art. 61

Aggregazione alla tesoreria centrale

Fatte salve disposizioni derogatorie contenute in altre leggi federali, l'AFF può aggregare alla tesoreria centrale, per l'amministrazione delle loro liquidità, le unità amministrative dell'Amministrazione federale decentralizzata che tengono una contabilità propria.

1

L'AFF e l'unità amministrativa aggregata definiscono di comune intesa i particolari dell'aggregazione.

2

Art. 62

Investimento di capitali disponibili

L'AFF investe i capitali che superano i bisogni di tesoreria in modo tale che ne sia garantita la sicurezza e un ricavo conforme al mercato. Tali capitali devono essere inclusi nei beni patrimoniali.

1

L'acquisto di fondi o di diritti di partecipazione a imprese con fine lucrativo non è permesso a scopo d'investimento.

2

I capitali di fondi speciali, costituiti in virtù di un atto normativo, possono essere investiti conformemente alle disposizioni in materia di previdenza professionale.

3

Capitolo 7: Disposizioni finali Art. 63

Esecuzione

1

Il Consiglio federale emana le disposizioni esecutive.

2

Il Consiglio federale determina in particolare: a.

il piano contabile generale;

b.

i principi contabili;

123

Finanze della Confederazione. LF

c.

i metodi e le aliquote d'ammortamento;

d.

le sottocategorie dei crediti a preventivo e d'impegno.

Art. 64

Diritto previgente: abrogazione

La legge del 6 ottobre 19895 sulle finanze della Confederazione è abrogata.

Art. 65

Modifica del diritto vigente

Le leggi federali qui appresso sono modificate come segue: 1. Legge del 13 dicembre 20026 sul Parlamento Art. 25 cpv. 1 L'Assemblea federale stabilisce le spese e le uscite per investimenti nel preventivo e nelle relative aggiunte. Stanzia ed eventualmente rinnova crediti d'impegno e limiti di spesa nel preventivo e nelle relative aggiunte ovvero mediante decreti speciali. Approva il consuntivo.

1

2. Legge del 21 marzo 19977 sull'organizzazione del Governo e dell'Amministrazione Art. 44

Unità amministrative GEMAP

Il Consiglio federale può gestire unità amministrative idonee (unità amministrative GEMAP) mediante mandati di prestazione e preventivo globale. A tale scopo esso si attiene ai principi della gestione amministrativa orientata ai risultati.

1

Nel mandato di prestazione, le prestazioni delle unità amministrative GEMAP sono articolate secondo gruppi di prodotti.

2

Prima di assegnare un mandato di prestazione, il Consiglio federale consulta le commissioni parlamentari competenti.

3

Art. 65 Abrogato

5 6 7

124

RU 1990 985, 1995 836, 1996 3042, 1997 2022 2465, 1998 1202 2847, 1999 2456 3131, 2000 237, 2001 707, 2002 2471, 2003 535 3385 3543 4265 5191, 2004 1633 1985 2143 RS 171.10 RS 172.010

Finanze della Confederazione. LF

Art. 66

Disposizioni transitorie

  1. Disposizione transitoria degli art. 13 e 15 (Freno all'indebitamento) L'importo massimo delle uscite totali stabilito secondo gli articoli 13 e 15 è aumentato del disavanzo strutturale effettivo secondo il consuntivo per l'esercizio 2003, di 3 miliardi di franchi per l'esercizio 2004, di 2 miliardi per l'esercizio 2005 e di 1 miliardo per l'esercizio 2006.

1

Il disavanzo strutturale delle finanze federali deve essere eliminato entro la fine del 2007.

2

2. Disposizione transitoria dell'art. 64 (Diritto previgente: abrogazione) La legge del 6 ottobre 19898 sulle finanze della Confederazione continua ad applicarsi: a.

all'attuazione dell'ultimo preventivo deciso prima dell'entrata in vigore della presente legge, incluse le relative aggiunte;

b.

alla preparazione, presentazione e approvazione del rispettivo consuntivo.

Art. 67

Referendum ed entrata in vigore

1

La presente legge sottostà a referendum facoltativo.

2

Il Consiglio federale ne determina l'entrata in vigore.

8

RU 1990 985, 1995 836, 1996 3042, 1997 2022 2465, 1998 1202 2847, 1999 2456 3131, 2000 237, 2001 707, 2002 2471, 2003 535 3385 3543 4265 5191, 2004 1633 1985 2143

125

Finanze della Confederazione. LF

126