Pubblicazioni dei dipartimenti e d'altre amministrazioni della Confederazione

# S T #

Metalcostrattore A. Regolamento concernente il tirocinio e l'esame finale di tirocinio nella professione di metalcostruttore B. Programma-tipo d'insegnamento per le classi professionali dei metalcostruttori

Regolamento concernente il tirocinio e l'esame finale di tirocinio nella professione di metalcostruttore del 30 novembre 1978

// Dipartimento federale dell'economia pubblica, visti gli articoli 11 capoverso 1, 28 capoverso 2 e 32 capoverso 1 della legge federale del 20 settembre 1963 1} sulla formazione professionale (chiamata qui di seguito «legge federale»); visti gli articoli 12 e 20a della relativa ordinanza del 30 marzo 1965 2); visti gli articoli 54 e 57 dell'ordinanza 1 del 14 gennaio 19663) concernente la legge sul lavoro, ordina: I II

Tirocinio Condizioni

Art. l Designazione, inizio e durata 1 La designazione della professione è: metalcostruttore. Il metalcostruttore lavora principalmente gli acciai e le leghe d'alluminio, nonché le leghe di rame e i materiali sintetici. Esso fabbrica segnatamente porte, portoni, finestre, rivestimenti di facciate, griglie, ringhiere, scale, nonché costruzioni in acciaio e in alluminio.

2 II tirocinio dura quattro anni. Al fine di evitare perturbazioni nell'insegnamento della scuola professionale occorre far coincidere l'inizio del tiro1 ) RS 412.10 !)

RS 412.101 3)

RS 822.111

380

1979

-

39

cinio con quello dell'anno scolastico della scuola professionale che dev'essere frequentata dall'apprendista.

3 Le persone qualificate di professioni affini sono ammesse all'esame di fine tirocinio di metalcostruttore dopo aver assolto un tirocinio- complementare.

Quest'ultimo dura di regola due anni per i disegnatori per carpenteria metallica qualificati e per gli specialisti qualificati del ramo metallurgico che si occupano della lavorazione della lamiera, dei tubi e dei profilati.

Art. 2 Idoneità deE'azienda 1 Gli apprendisti metalcostruttori possono essere formati soltanto nelle aziende e nelle scuole d'arti e mestieri che sono in grado d'impartire l'intero programma d'insegnamento contemplato alla cifra 12. A tale proposito, le aziende devono disporre degli utensili, delle macchine e degli impianti necessari per la saldatura per fusione (a gas, ad arco elettrico e in gas protettivo), nonché degli impianti per il trattamento termico *>.

2 Le aziende di tirocinio che non svolgono alcuna attività in uno dei campi di formazione, possono addestrare degli apprendisti soltanto se si impegnano a lasciar apprendere loro l'abilità manuale e le conoscenze professionali di questo campo parziale in un'altra azienda o in corsi speciali. Il luogo, l'estensione, la durata e l'inizio di tale insegnamento integrativo devono essere contemplati nel contratto di tirocinio.

3 'La formazione nell'azienda deve avvenire in base ad un piano d'insegnamento standardizzato 2), elaborato secondo l'articolo 5 del presente regolamento, il quale garantisca un'istruzione metodicamente corretta.

4 Restano riservate le condizioni generali per la formazione di apprendisti giusta l'articolo 9 della legge federale.

Art. 3 Numero massimo di apprendisti 1 In un'azienda possono essere formati simultaneamente: 1 apprendista, se il maestro di tirocinio o la persona incaricata della formazione lavora da solo. Un secondo apprendista può iniziare il tirocinio quando il primo comincia l'ultimo anno; 2 apprendisti, se il maestro di tirocinio occupa in continuità 2 specialisti; 3 apprendisti, se il maestro di tirocinio occupa in continuità 3 a 5 specialisti.

un altro apprendista per ogni gruppo o frazione di gruppo di quattro specialisti occupati in permanenza.

2 Sono considerati specialisti ai fini della determinazione del numero di apprendisti, i metalcostruttori, i fabbri ferrai, nonché gli specialisti di professioni affini che lavorano in permanenza da almeno tre anni nel campo della costruzione metallica e sono occupati nel medesimo ramo aziendale dell'apprendista.

11 2)

26

Un elenco dell'attrezzatura (minima può essere ottenuto presso il Segretariato dell'Unione svizzera del metallo, Zurigo.

II piano d'insegnamento standardizzato può essere ottenuto presso il Segretariato dell'Unione svizzera del metallo, Zurigo.

Foglio federale 1979, Voi. I

35]

3

L'assunzione di uno o più apprendisti deve avvenire in modo che gli stessi siano ripartiti con una certa regolarità sui singoli anni di tirocinio.

12

Programma d'insegnamento per la formazione nell'azienda

Art. 4 Direttive generali 1 All'inizio del tirocinio si deve assegnare all'apprendista un posto di lavoro adeguato e gli si devono mettere a disposizione gli attrezzi necessari.

2 Sin dall'inizio l'apprendista dev'essere introdotto metodicamente nella professione. Allo scopo di promuovere la sua abilità professionale, tutti i lavori pratici devono essere ripetuti alternativamente. La formazione dev'essere promossa in modo che alla fine del tirocinio l'apprendista sia in grado di eseguire da solo e in un periodo di tempo adeguato tutti i lavori menzionati nel programma d'insegnamento. In particolare, egli deve poter lavorare in modo indipendente secondo i disegni d'officina e i piani di montaggio.

3 L'apprendista dev'essere abituato alla pulizia, all'ordine, all'accuratezza e alla diligenza, nonché ad un lavoro esatto e pulito e, con il progredire della sua abilità, anche rapido e indipendente. Egli dev'essere tempestivamente istruito sui pericoli d'infortunio e di pregiudizio per la salute derivanti dall' esecuzione dei vari lavori. All'inizio del tirocinio occorre indicargli le rispettive prescrizioni e raccomandazioni dell'INSAI. Egli dovrà segnatamente essere reso attento sui pericoli esistenti nel lavoro su le tagliatrici e gli apparecchi di saldatura.

4 L'apprendista ha l'obbligo di tenere un giornale di lavoro1) che il responsabile della sua formazione controllerà almeno una volta al mese apponendovi la data e la firma. In questo giornale di lavoro, l'apprendista deve effettuare degli schizzi dei lavori eseguiti in officina e dei dettagli degli stessi e deve prendere nota delle conoscenze professionali acquisite. Il giornale di lavoro dev'essere presentato all'esame di fine tirocinio.

5 II maestro di tirocinio redige periodicamente, ma almeno una volta all' anno, un rapporto 2) sullo stato della formazione dell'apprendista, rapporto che viene discusso con quest'ultimo.

6 II programma d'insegnamento giusta l'articolo 5 contempla le attività che sono ritenute vietate a norma dell'articolo 55 dell'ordinanza 1 relativa alla legge sul lavoro. L'esercizio di queste attività nell'ambito della formazione professionale viene pertanto autorizzato in virtù dell'articolo 57 della citata ordinanza.

Art. 5 Lavori pratici e conoscenze professionali I Gli obiettivi generali descrivono in modo generico e riassuntivo le conoscenze teoriche e pratiche richieste all'apprendista alla fine di ogni fase II 2)

I fogli modello per il giornale di lavoro possono essere ottenuti presso il Segretariato dell'Unione svizzera del metallo, Zurigo.

II modulo per il rapporto di formazione può essere richiesto presso l'Ufficio cantonale per la formazione professionale.

382

d'insegnamento. Gli obiettivi particolari chiariscono nei dettagli gli obiettivi generali.

2

Obiettivi generali:

Primo anno - Maneggiare, evitando gli infortuni, gli utensili a mano, le macchine e gli apparecchi per la lavorazione dei metalli con o senza asportazione di trucioli.

Secondo anno - Eseguire, in base al disegno, lavori di limatura e di aggiustaggio. Provvedere alla manutenzione degli attrezzi da banco e da montaggio.

Terzo anno - Lavorare profilati e lamiere utilizzando punzonatrici, fresatrici, forbici e piegatrici.

Quarto anno - Eseguire, in modo indipendente e in un periodo di tempo adeguato, lavori 383

3

d'officina in cui vengono utilizzati profilati, tubi e lamiere in acciaio, nonché in leghe a base d'alluminio e di rame, equipaggiati di ferramenta complicate.

Lavorare e assemblare acciai inossidabili o resistenti alle intemperie, come pure profilati, tubi e lamiere trattati in superficie.

Eseguire saldature a gas di leghe a base di rame. Saldare, in gas protettivo, leghe d'alluminio e acciai inossidabili. Costruire elementi decorativi, come pure utensili da banco e da montaggio.

Lavorare materie sintetiche che sono utilizzate nelle costruzioni metalliche.

Eseguire, in modo indipendente ed entro il tempo prestabilito, lavori di montaggio in base alle indicazioni.

Obiettivi particolari

Lavori pratici

In generale: Ordine, prevenzione degli infortuni e manutenzione

Misurare e tracciare: Misurare

Tracciare e contrassegnare

Lavorazione dei metalli con l'asportazione di trucioli: Segare .

Limare

Trapanare e accecare Filettare

Affilare Scalpellare Levigare

Fresare

rame, nonché le materie sintetiche, a mano e a macchina, con la sega circolare e con quella a movimento alternato - Segare sagome e scanalature con il furetto - Segare con la sega circolare dei profilati d'alluminio secondo le tolleranze prescritte - Limare superfici piane parallelamente al piano e angolarmente - Eseguire forme e lavori d'adattamento in base al disegno - Eseguire e accecare fori passanti filettati e cechi con il trapano a mano e a colonna fissa - Eseguire filetti interni a profilo triangolare in perforazioni a foro passante e cieco, a mano, con il maschiatore e il tagliatore diretto e, a macchina, con il tagliatore diretto - Eseguire filetti esterni a profilo triangolare con utensili a mano - Affilare, con la mola, bulini, punte per tracciare, scalpelli e punte elicoidali - Maneggiare correttamente lo scalpello piatto e l'ugnetto - Tagliare linee curve con lo scalpello - Sbavare, lisciare, smussare e levigare piccoli pezzi con la mola e la levigatrice a nastro - Lisciare e pomiciare costruzioni saldate, con la pomiciatrice - Fresare scanalature, con semplici dispositivi, nei profilati, nei tubi e nelle lamiere.

Lavorazione dei metalli senza asportazione di trucioli: Tagliare, punzonare, intagliare (fare tacche) - Tagliare lamiere con diversi tipi di cesoie - Tagliare, intagliare e punzonare dei profilati con i rispettivi strumenti Piegare - Piegare a freddo e a caldo dei profilati nonché dei tubi d'acciaio e di leghe d'alluminio, a mano, in base a sagome, come pure mediante dispositivi e apparecchi di piegatura - Raddrizzare a caldo dei profilati, dei tubi e delle lamiere - Raddrizzare delle costruzioni saldate

385

Spianare Sviluppare

Foggiatura a caldo e trattamento termico: Forgiare - Foggiare a caldo dei profilati: allungamento, spianatura, battitura, appiattimento, fenditura e foratura - Foggiare a caldo, temperare e rinvenire attrezzi da banco e da montaggio Tagliare con la fiamma - Tagliare dei profilati e delle lamiere in ossiacetilenica acciaio, in linea retta o circolare, nonché secondo il tracciato - Smussare i lembi di giunti da saldare.

Lavori di giunzione: Ribadire

Saldatura per fusione in gas

Saldatura ad arco elettrico

Saldatura ad arco elettrico in gas protettivo

386

Saldatura a resistenza Brasatura forte

Incollare

Saldare a punti delle lamiere d'acciaio scegliendo appropriatamente l'intensità di corrente e il tempo di saldatura Brasare, con il cannello, dei profilati, dei tubi e delle lamiere d'acciaio e di leghe d'alluminio e pulire successivamente le brasature Incollare isolanti e guarnizioni con gli appropriati adesivi, tenendo conto delle prescrizioni d'impiego.

Montaggio di ferramenta: Saldare, avvitare e incastrare, in modo corretto, ferramenta di tipo e materiale diversi Montare, regolare e riparare serrature e altri dispositivi di chiusura Fissare maniglie, pomelli e piastrine utilizzando il materiale appropriato Montare correttamente e regolare il chiudiporta, nonché l'apriporta elettrico e i dispositivi d'arresto, conformemente alle norme. ' Assemblaggio: · Assemblare correttamente dei profilati laminati, arrotolati, trafilati, estrusi e piegati Eseguire costruzioni in lamiera e in tubi profilati in acciaio, come pure costruzioni miste comprendenti dei profilati, dei tubi e delle lamiere Eseguire costruzioni in profilati d'alluminio grezzo o trattato in superficie, utilizzando elementi da incastonare prefabbricati Montare su delle costruzioni dei listelli, dei profilati per battenti, delle guarnizioni, dei materiali isolanti, degli elementi a «sandwich», dei pezzi in ghisa, vetro e materiale sintetico.

Protezione anticorrosiva: Srugginire le costruzioni e proteggerle contro la corrosione dando una mano di fondo Saper maneggiare il materiale che è stato trattato in superficie.

387

Lavori di montaggio: - Controllare sull'oggetto le quote di montaggio; tracciare i punti di fissaggio e preparare la posa - Maneggiare correttamente attrezzi da montaggio, nonché il trapano a percussione - Preparare il cemento e i leganti a presa rapida - Preparare gli ancoraggi per il montaggio, scegliere e applicare i tasselli in base al tipo d'ancoraggio - Mettere a punto, puntellare e fissare semplici costruzioni metalliche e di carpenteria - Trasportare sul cantiere semplici costruzioni metalliche e di carpenteria evitando danni ed infortuni - Utilizzare gli appropriati mezzi di sollevamento.

Conoscenze professionali Unitamente ai lavori pratici, l'azienda di tirocinio deve insegnare all'apprendista le seguenti conoscenze professionali: Obiettivi particolari Ordine e prevenzione degli infortuni

Utensili, macchinari e installazioni Materiali

388

Lavorazione dei metalli con asportazione di trucioli

Lavorazione del metallo senza asportazione di trucioli Foggiatura a caldo, trattamento termico

Tecniche di giunzione

Sviluppi

Menzionare i procedimenti di lavoro e spiegare le caratteristiche di lavorazione In base ai materiali da lavorare, scegliere gli attrezzi per l'asportazione del truciolo e determinare, fondandosi su tabelle o diagrammi, le appropriate velocità di taglio, il numero dei giri e gli avanzamenti · Scegliere in base ai materiali da lavorare gli appropriati lubrificanti e mezzi di raffreddamento · Citare i procedimenti di lavoro e spiegare le caratteristiche di lavorazione · Motivare l'impiego di istallazioni di trattamento a caldo · Citare i procedimenti di lavoro e spiegare le caratteristiche di lavorazione · Determinare la temperatura dell'acciaio e dell'alluminio mediante tavole e metodi comparativi · Enumerare e confrontare i tipi usuali di giunzione e citare i loro svantaggi e vantaggi · Menzionare i procedimenti di lavoro e spiegarne le caratteristiche di lavorazione Spiegare la messa in esercizio e fuori esercizio delle installazioni per saldare e citare le relative prescrizioni da osservare Distinguere, secondo la forma rispettivamente secondo l'uso, gli elementi di giunzione quali rivetti, viti, coppiglie, cunei, perni, arresti di sicurezza Scegliere e denominare i metalli d'apporto e i decapanti per la brasatura Descrivere il modo di trasportare e d'immagazzinare le bombole di gas compresso Citare le temperature approssimative della fiamma di saldatura e di brasatura Citare la funzione del riduttore di pressione e del manometro Interpretare le caratteristiche e i contrassegni degli elettrodi Attribuire ai diversi materiali di lavorazione i rispettivi utensili di tracciamento Spiegare i procedimenti di lavoro per il riporto del tracciato e la foggiatura della lamiera 389

Ferramenti

Assemblaggio

Protezione contro la corrosione

Lavori di montaggio

13

Formazione nella scuola professionale

Art. 6

Obiettivi d'insegnamento per la formazione nella scuola professionale La scuola professionale impartisce l'istruzione in base al programma d'insegnamento per i metalcostruttori.

2 21

Esame finale Svolgimento

Art. 7 In generale 1 L'esame finale di tirocinio persegue lo scopo di stabilire se l'apprendista possegga le capacità e le conoscenze necessarie all'esercizio della sua professione.

2 L'esame è organizzato dai Cantoni e si suddivide in due parti: a. esame nelle materie professionali (lavori pratici, conoscenze professionali e disegno professionale); b. esame nelle materie di cultura generale (italiano, conoscenze commerciali, civica ed economia).

3 Le disposizioni degli articoli 8 a 14 qui di seguito concernono esclusivamente l'esame nelle materie professionali. L'esame nelle materie di cultura generale è retto dalle disposizioni delle competenti autorità cantonali.

390

Art. 8 Organizzazione 1 L'esame deve aver luogo in un'azienda idonea allo scopo oppure in una scuola professionale o specializzata dotata delle rispettive attrezzature e dev'essere preparato accuratamente in ogni particolare.

2 All'apprendista dev'essere assegnato un posto di lavoro adeguato e gli si devono mettere a disposizione le macchine e gli impianti necessari, in buono stato e pronti all'uso. Gli attrezzi personali e i mezzi ausiliari che l'apprendista deve portare con sé all'esame, devono essere comunicati all'apprendista nella convocazione d'esame.

3 I compiti d'esame devono essere consegnati all'apprendista soltanto all' inizio della prova. Occorre dargli le spiegazioni del caso.

Art. 9 Periti 1 L'autorità cantonale designa i periti d'esame. In primo luogo ci si avvale di coloro che hanno frequentato corsi per periti.

2 I periti prowederanno affinché l'apprendista sia occupato per un periodo di tempo appropriato in tutti i campi parziali, al fine di garantire un'apprezzamento preciso e completo dei lavori prescritti.

3 L'esecuzione dei lavori d'esame dev'essere scrupolosamente sorvegliata da almeno un perito. Durante l'esame egli deve fare le opportune annotazioni sulle sue costatazioni.

4 L'apprezzamento dei lavori eseguiti, come pure l'esame orale nelle conoscenze professionali deve sempre essere affidato a due periti. Per l'apprezzamento dell'esame di disegno professionale ci si deve avvalere inoltre di uno specialista del campo pratico che abbia dimestichezza con l'esecuzione di disegni d'officina.

5 1 periti devono trattare il candidato con calma e benevolenza; le loro eventuali osservazioni devono essere oggettive.

Art. 10 Durata L'esame nelle materie professionali dura 3 giorni e mezzo ripartiti come segue: a. lavori pratici 20 ore b. conoscenze professionali 2% ore e. disegno professionale 5 ore 22

Materia d'esame

Art. 11 Lavori pratici1) 1 Le esigenze d'esame si situano nell'ambito degli obiettivi generali contemplati dall'articolo 5. Gli obiettivi particolari servono quale base per la scelta dei lavori d'esame.

])

Gli organi incaricati dello svolgimento dell'esame possono ottenere i compiti d'esame presso il Segretariato dell'Unione svizzera del metallo, Zurigo.

391

2

Entro il tempo accordatogli ogni apprendista deve svolgere in modo indipendente, in base alla documentazione d'esame e precisamente i disegni d'officina, gli schizzi e le indicazioni scritte, i seguenti lavori: 1

Foggiatura a caldo (circa 4 ore) a. Forgiatura Esecuzione di un elemento decorativo forgiato.

b. Attrezzo da banco Fabbricazione di un semplice attrezzo da banco con successivo trattamento termico (tempera).

2

Costruzione metallica (circa 16 ore) Fabbricazione di un pezzo ricorrente nella costruzione metallica comprendente: - lavorazione con e senza asportazione del truciolo - lavori di giunzione - montatura di ferramenti e lavori di rivestimento - lavori di raddrizzatura e assemblaggio.

Nella misura in cui si rivelasse necessario per l'apprezzamento si effettueranno prove complementari di saldatura e di brasatura.

Arti! Conoscenze professionali 1) 1 Le esigenze d'esame si situano nell'ambito degli obiettivi generali contemplati dall'articolo 5 e dal programma d'insegnamento. Gli obiettivi particolari servono quale base per la scelta dei lavori d'esame.

2 L'esame si svolge, in forma orale e/o scritta, mediante materiale dimostrativo nelle seguenti discipline: 1 Conoscenza dei materiali (1/2 ora) 2 Conoscenza delle macchine e degli attrezzi (1/2ora) 3 Conoscenze professionali generali (% ora) 4 Calcolo professionale (scritto, 1 ora) Art. 13 Disegno professionale 2) 1 Le esigenze d'esame si situano nell'ambito degli obiettivi generali contemplati dal programma d'insegnamento. Gli obiettivi particolari servono quale base per la scelta dei lavori d'esame.

2 Ogni apprendista deve svolgere in modo indipendente ed entro il tempo prescritto i seguenti lavori: 1)

2)

I compiti e la documentazione per l'esame scritto nelle conoscenze professionali possono essere richiesti dagli organi d'esame presso il Segretariato dell' Unione svizzera del metallo, Zurigo.

Gli organi responsabili dell'esame possono richiedere la documentazione per il disegno professionale presso il Segretariato dell'Unione svizzera del metallo, Zurigo.

392

1

Disegno d'officina (circa 4 ore) Esecuzione di un disegno d'officina per una semplice costruzione metallica con le necessarie viste, sezioni, quote, profili e indicazioni di lavorazione.

2

Schizzo o disegno a mano libera (circa 1 ora) Schizzo di un dettaglio di una costruzione metallica o di carpenteria oppure disegno, a mano libera, di un lavoro decorativo in base .a uno schizzo o modello.

23

Apprezzamento e note

Art. 14 Apprezzamento 1 1 lavori d'esame sono suddivisi nelle materie qui di seguito e apprezzati secondo le voci seguenti: Lavori pratici Voce 1 Foggiatura a caldo Voce 2 Lavori con asportazione del truciolo Voce 3 Lavori di giunzione Voce 4 Lavori senza asportazione del truciolo, montaggio di ferramenti e di rivestimenti Voce 5 Lavori di raddrizzatura e di assemblaggio.

Conoscenze professionali Voce 1 Conoscenza dei materiali Voce 2 Conoscenza delle macchine e degli attrezzi Voce 3 Conoscenze professionali generali Voce 4 Calcolo professionale.

Disegno professionale Voce 1 Esattezza tecnica del -disegno d'officina (proiezioni, sezioni, rappresentazione conforme alle norme) Voce 2 Indicazione delle quote, dei profili e dei dati di lavorazione nel disegno d'officina (iscrizione corretta e opportuna) Voce 3 Esecuzione del disegno d'officina (tratti, scrittura, esattezza, pulizia, disposizione) Voce 4 Schizzo o disegno a mano libera (schizzo: apprezzamento in base ai criteri che fanno stato per il disegno d'officina; disegno a mano libera: forma, tratti, rappresentazione, completezza).

2

Per l'apprezzamento dei lavori pratici bisogna tener conto di tutte le tecniche di lavoro ricorrenti, conformemente al loro grado di difficoltà. Sono determinanti l'esecuzione del lavoro a regola d'arte, pulita e precisa, l'orga393

nizzazione del lavoro, l'abilità manuale e il quantitativo di lavoro rispettivamente il tempo impiegato.

3 La nota della voce dev'essere assegnata conformemente alla graduatoria di cui all'articolo 15. Se per la determinazione della prestazione di una voce d'esame si ricorre a note parziali, queste devono essere prese in considerazione in base alla loro importanza nell'ambito della voce.

Art. 15 Assegnazione delle note 1 1 periti devono apprezzare e assegnare le note d'ogni voce d'esame secondo la seguente graduatoria1}: Caratteristiche delle prove

Apprezzamento

Ottime qualitativamente e quantitativamente . . .

benissimo Quasi esatte e complete, benché non meritino la nota migliore quasi benissimo Valide con leggere manchevolezze bene Soddisfacenti nonostante difetti notevoli e lievi lacune quasi bene Appena rispondenti ai requisiti minimi per un metalco strutture qualificato sufficiente Non rispondenti ai requisiti minimi per un metalcostruttore qualificato insufficiente Con difetti gravi e incomplete male Inutilizzabili o non eseguite malissimo Non sono ammesse altre note intermedie che il 5,5 e il 4,5.

Nota

6 5,5 5 4,5 4 3 2 1

2

La nota di ciascuna materia è determinata dalla media delle note delle singole voci d'esame ed è calcolata fino a una cifra decimale tralasciando l'eventuale resto.

3 Le asserzioni del candidato, secondo cui non gli sarebbero stati insegnati dei lavori fondamentali, non possono essere prese in considerazione. Le sue affermazioni devono comunque essere annotate nel rapporto dei periti (art. 16 cpv. 4).

Art. 16 Risultato 1 II risultato dell'esame di fine tirocinio viene espresso con una nota complessiva. Questa è determinata dalla somma delle note delle materie citate qui di seguito: 1)

I moduli delle note possono essere ottenuti presso il Segretariato dell'Unione svizzera del metallo.

394

-

lavori pratici (conta il doppio), conoscenze professionali, disegno professionale, cultura generale.

2 La nota complessiva è data dalla media di queste note (l/5 del totale delle note) e dev'essere calcolata fino alla cifra decimale ignorando l'eventuale resto.

3 L'esame è superato se tanto la nota media nei lavori pratici quanto quella complessiva non sono inferiori al 4,0.

4 Qualora dall'esame risultassero lacune nella formazione professionale, i periti dovranno indicare esattamente, sul modulo delle note, le loro costatazioni.

5 II modulo delle note, debitamente riempito e firmato dai periti, dev'essere inviato alla competente autorità cantonale immediatamente dopo l'esame.

Art. 17 Attestato di capacità Chi ha superato l'esame di fine tirocinio riceve l'attestato federale di capacità, che conferisce al titolare il diritto di valersi della designazione, legalmente protetta, di «metalcostruttore qualificato».

3

Disposizioni finali

Art. 18 Abrogazione del diritto antecedente II presente regolamento sostituisce quello del 17 aprile 1969 1) concernente il tirocinio e l'esame finale di tirocinio nella professione di metalcostruttore.

Art. 19 Diritto transitorio Gli apprendisti che hanno cominciato il tirocinio innanzi il 1° gennaio 1979 sono istruiti ed esaminati in base al regolamento del 17 aprile 1969.

Art. 20 Entrata in vigore Le disposizioni concernenti il tirocinio entrano in vigore il 1° gennaio 1979, quelle relative all'esame finale di tirocinio il 1° gennaio 1983.

30 novembre 1978

Dipartimento federale dell'economia pubblica: Honegger

" FF 1969 II 332

395

B

Programma-tipo d'insegnamento per le classi professionali dei metalcostruttori

del 30 novembre 1978

L'Ufficio federale dell'industria, delle arti e mestieri e del lavoro (UFIAML), visto l'articolo 21 capoverso 3 della legge federale del 20 settembre 1963 1) sulla formazione professionale; visto l'articolo 16 capoverso 1 dell'ordinanza del 14 giugno 1976 2) sull'educazione fisica nelle scuole professionali, ordina:

I

In generale

II mandato della scuola professionale consiste nell'impartire all'apprendista la materia d'insegnamento descritta nel presente programma. A tale riguardo l'ordine di sequenza degli obiettivi d'insegnamento contemplati nello stesso non è vincolante. Tuttavia, nell'insegnamento della materia riguardante la teoria professionale bisogna tener conto degli obiettivi previsti per i singoli anni di tirocinio nell'articolo 5 del regolamento di formazione. Su richiesta i piani di lavoro interni delle scuole, elaborati conformemente a queste basi, devono essere messi a disposizione delle aziende di tirocinio.

Occorre costituire delle classi nettamente suddivise per annate di tirocinio.

Le deroghe a questo disciplinamento necessitano dell'approvazione delle competenti autorità cantonali e federali.

L'insegnamento dev'essere impartito settimanalmente in ragione di un giorno intero di scuola. Siffatta giornata, ginnastica e sport inclusi, non deve comprendere più di nove lezioni d'insegnamento obbligatorio. Le deroghe a questo disciplinamento necessitano dell'approvazione delle competenti autorità cantonali e federali.

" RS 412.10 RS 415.022

2)

396

2

Programma d'insegnamento

II numero di lezioni delle singole materie obbligatorie contenuto nella tavola qui appresso e la ripartizione delle stesse sui singoli anni di tirocinio sono vincolanti.

Materie

Anni di tirocinio

Disegno professionale Conoscenze professionali - Conoscenze dei materiali . .

Matematica .

Italiano Conoscenze commerciali . . .

Civica ed economia Ginnastica e sport Totale lezioni per annata di tirocinio Numero di giorni di scuola per settimana . .

3

Totale lezioni

30

40

80

80

80

120

360

40 80 40 40 40

40 80

40 40

40

40 40 40 40 40 40 40

40 40 40 40

40 40 40 40

160 240 80 160 160 120 160

360

360

360

360

1440

1

1

1

1

Materia d'insegnamento

Gli obiettivi generali descrivono in modo generico e riassuntivo le conoscenze teoriche e pratiche richieste all'apprendista alla fine del tirocinio.

Gli obiettivi particolari chiariscono nei dettagli quelli generali.

31

Disegno professionale (360 lezioni)

Obiettivi generali - Leggere e interpretare disegni tecnici relativi alla professione - Disegnare, in modo indipendente, facili disegni d'officina con le necessarie viste e sezioni nonché con l'indicazione delle quote e dei profili; preparare un elenco dei pezzi in base a un modello e a indicazioni - Preparare degli schizzi di dettagli e disegni a mano libera di lavori decorativi, in base a modelli e indicazioni.

Obiettivi particolari Elementi del disegno tecnico

397

Studio delle proiezioni

Sviluppi

Centro di gravita

Disegni decorativi

Designazioni normalizzate e simboli

Disegni d'officina, elenco dei pezzi

398

Schizzi e misurazione

32

Conoscenze professionali

321

Conoscenze dei materiali (160 lezioni)

Obiettivi generali - Farsi un'idea generale sulla produzione e la lavorazione dei materiali e semilavorati usati comunemente nella professione - Assimilare le nozioni fondamentali della fisica e della chimica - Conoscere le caratteristiche e le proprietà dei materiali utilizzati nelle costruzioni metalliche, come pure le loro possibilità d'utilizzazione.

Obiettivi particolari Nozioni fondamentali dì fisica e di chimica: Struttura della materia - Spiegare la struttura dell'atomo e degli elementi chimici puri - Illustrare le differenti caratteristiche tra elemento, miscuglio e combinazione chimica - Enumerare gli stati d'aggregazione e spiegare il processo di cambiamento di stato - Spiegare le nozioni di coesione, d'adesione, di resistenza, di tensione ammissibile, di duttilità, di elasticità, di fragilità, di porosità e di capillarità e la loro importanza pratica

399

Aria, ossigeno

Carbonio

Acidi, basi, sali

Elettrochimica

Calore Materiali di lavoro

400

Distinguere i principali metalli e metalloidi utilizzati nella costruzione metallica e di carpenteria e indicarne i simboli.

Metalli ferrosi: Ottenimento del ferro grezzo Acciaio

Semilavorati, normalizzazione

Trattamenti termici

Materiali di fonderia

Metalli non ferrosi: Metalli leggeri e pesanti Metalli pesanti

Suddividere i metalli non ferrosi in metalli leggeri e pesanti e citarne degli esempi Descrivere l'ottenimento del rame, dello zinco, dello stagno, del piombo, del nickel e del cromo, come pure citare le loro proprietà e possibilità d'utilizzazione

401

Leghe Leghe di rame Alluminio e leghe d'alluminio

Metalli sinterizzati Foggiatura

Materiali ausiliari: Combustibili Mezzi di lubrificazione e di refrigerazione Leganti

Solventi e leganti Mastici Materiale per guarnizioni Vetri Lastre ondulate

402

caucciù, della gomma sintetica e della resina espansa Distinguere in base al loro aspetto il cristallo, il vetro di sicurezza, il vetro laminato, temperato e stratificato isolante Differenziare, in base al loro aspetto, le lastre ondulate in materia plastica da quelle in cemento d'amianto e indicare la loro possibilità d'utilizzazione

Isolanti

Materie plastiche

322

Conoscenze del ramo (240 lezioni)

Obiettivi generali - Differenziare i procedimenti di lavoro ricorrenti nella professione e citare i mezzi utilizzati a tal proposito (circa 80 lezioni) - Citare gli attrezzi, le macchine e gli impianti usati a tale scopo; indicarne i campi d'applicazione e imparare le prescrizioni dell'INSAI, le prescrizioni sulla prevenzione degli incendi ed altre prescrizioni aziendali riguardanti la loro utilizzazione (circa 50 lezioni) - Conoscere i nessi fisici nell'impiego di macchine e impianti, come pure consolidare le conoscenze mediante esempi pratici di calcolo (circa 80 lezioni) - Spiegare le basi e le interdipendenze nell'organizzazione di un'azienda di costruzioni metalliche di media grandezza che occupa una ventina di persone (circa 30 lezioni).

Obiettivi particolari Procedimenti di lavoro: Nozioni fondamentali di fisica

403

Misurazione

Tracciatura Lavorazione con asportazione del truciolo

Lavorazione senza asportazione del truciolo

404

Foggiatura a caldo Trattamento termico Prova dei materiali Prevenzione degli infortuni

Giunzioni amovibili e fisse: Concetti Ribaditura Saldatura

Brasatura Taglio con la fiamma ossiacetilenica

Citare gli impianti, le macchine e gli attrezzi, spiegarne la struttura in base a schemi o modelli e descriverne l'impiego Citare le tecniche di fucinatura e motivare l'impiego dei relativi attrezzi e impianti Differenziare i trattamenti termici dell' acciaio Descrivere i procedimenti di tempera e di prova dei metalli Spiegare le disposizioni da attuare per garantire la sicurezza e il buon funzionamento degli utensili e delle macchine Citare i pericoli d'infortunio e spiegare le misure di prevenzione tenendo conto delle prescrizioni esistenti.

Spiegare i concetti di giunzione amovibile e fissa ed enumerarne i tipi Citare i tipi di ribaditura e descriverne le tecniche Enumerare i procedimenti di saldatura per fusione e per pressione ricorrenti nella professione Citare le caratteristiche e le principali applicazioni dei seguenti procedimenti di saldatura: saldatura per fusione a gas, saldatura ad arco elettrico, saldatura in gas.protettivo e saldatura a resistenza Descrivere lo scopo della preparazione dei punti di saldatura e i tipi di punti Citare e spiegare le proprietà e l'effetto dei gas usati per la saldatura Differenziare i metalli d'apporto e classificarli Citare i procedimenti di saldatura per le materie plastiche Citare i procedimenti di prova della saldatura e spiegare il funzionamento degli apparecchi usati a tale scopo Differenziare la brasatura forte da quella dolce, classificare i metalli d'apporto e i decapanti Distinguere i procedimenti di taglio con la fiamma e classificarli secondo il materiale

405

Incollatura Bullonatura

Accessori di montaggio

Corrosione e protezione anticorrosiva

Ferramenti

Finestre, porte e portoni

406

Nozioni relative all'azienda: Organizzazione

Calcolo dei costi

Preparazione del lavoro Studio dei tempi di lavorazione Moduli

Salari

33

Matematica (80 lezioni)

Obiettivi generali - Assimilare le conoscenze fondamentali della matematica necessarie per risolvere problemi inerenti alla professione. Utilizzare correttamente le formule e le tabelle - Esprimere i risultati in valori di grandezza e controllarli -- segnatamente per quanto concerne l'ordine di grandezza --, mediante calcolo approssimativo.

Obiettivi particolari Algebra elementare

Potenze, radici Prefissi delle unità

407

Teorema di Pitagora

Calcolo geometrico

34

Italiano (160 lezioni)1}

35

Conoscenze commerciali (160 lezioni)1)

36

Civica ed economia (120 lezioni)1)

37

Ginnastica e sport (160 lezioni) 1)

4

Entrata in vigore

II presente programma-tipo d'insegnamento entra in vigore il 1° gennaio 1979.

30 novembre 1978

Ufficio federale dell'industria, delle arti e mestieri e del lavoro: II direttore, Bonny

'' Fa stato il proogramma d'insegnamento pubblicato dall'UFIAML per questa materia.

408

Schweizerisches Bundesarchiv, Digitale Amtsdruckschriften Archives fédérales suisses, Publications officielles numérisées Archivio federale svizzero, Pubblicazioni ufficiali digitali

Pubblicazioni dei dipartimenti e d'altre amministrazioni della Confederazione

In

Bundesblatt

Dans

Feuille fédérale

In

Foglio federale

Jahr

1979

Année Anno Band

1

Volume Volume Heft

11

Cahier Numero Geschäftsnummer

---

Numéro d'affaire Numero dell'oggetto Datum

20.03.1979

Date Data Seite

380-408

Page Pagina Ref. No

10 112 799

Das Dokument wurde durch das Schweizerische Bundesarchiv digitalisiert.

Le document a été digitalisé par les. Archives Fédérales Suisses.

Il documento è stato digitalizzato dell'Archivio federale svizzero.